Il presidente dell’Ucraina ha licenziato il capo della sicurezza e il procuratore

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky partecipa a un briefing congiunto con il primo ministro olandese Mark Rutte (non mostrato), mentre l’offensiva russa sull’Ucraina continua, a Kiev, in Ucraina, l’11 luglio 2022. REUTERS/Valentin Ogirenko

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Kiev (Reuters) – Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha emesso l’ordine esecutivo di destituire domenica il capo del potente servizio di sicurezza interna dell’Ucraina, il servizio di sicurezza interna e il pubblico ministero.

Gli ordini di destituire il capo dell’Amministrazione per la sicurezza dello Stato, Ivan Bakanov, amico d’infanzia di Zelensky, e la procuratrice Irina Venediktova, che ha guidato gli sforzi per perseguire i crimini di guerra russi in Ucraina, sono stati pubblicati sul sito web ufficiale del presidente.

In un post separato su Telegram, Zelensky ha affermato di aver licenziato alti funzionari perché sono sorti diversi problemi alla luce della cooperazione dei membri delle loro agenzie con la Russia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ha affermato che sono stati aperti 651 casi di tradimento e cooperazione contro pubblici ministeri e forze dell’ordine e che più di 60 funzionari delle agenzie Bakanov e Venediktova stanno ora lavorando contro l’Ucraina nei territori occupati dalla Russia.

“Una tale serie di crimini contro le basi della sicurezza nazionale dello stato… solleva interrogativi molto seri per i leader coinvolti”, ha detto Zelensky.

“Ognuna di queste domande riceverà una risposta appropriata”, ha detto.

Zelensky ha nominato Oleksiy Simonenko nuovo procuratore in un ordine esecutivo separato pubblicato anche sul sito web del presidente.

Reporting di Max Hander Montaggio di Gareth Jones e Tom Palmforth

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.