Il presidente del Messico rifiuta l’invito di Biden al vertice

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador ha dichiarato lunedì che non parteciperà al Summit delle Americhe di questa settimana a Los Angeles, dopo che il presidente Biden ha rifiutato di estendere gli inviti a tre paesi autoritari dell’emisfero occidentale: Cuba, Venezuela e Nicaragua.

Il disprezzo per il vicino meridionale dell’America, due giorni prima dell’arrivo di Biden in California, è un duro colpo per gli sforzi di Biden per affermare la leadership regionale e affrontare questioni che vanno dal cambiamento climatico all’immigrazione. Sebbene l’annuncio non sia stata una sorpresa completa, la Casa Bianca aveva sperato che Lopez Obrador, uno dei leader più importanti della regione, partecipasse all’incontro.

La segretaria stampa della Casa Bianca Karen-Jean-Pierre ha detto che i funzionari avevano parlato con Lopez Obrador e altri leader latinoamericani più di un mese fa e l’amministrazione non è stata sorpresa dall’annuncio. Ma ha detto che Biden si è comunque sentita in dovere di assumere una “posizione di principio” sulle violazioni dei diritti umani nei tre paesi.

La mossa di Lopez Obrador riflette le sfide di Biden guarda spesso Il mondo deve affrontare un ampio confronto tra democrazie e dittature.

Il vertice deve affrontare un boicottaggio a causa della lista degli inviti

Nel tentativo di compensare l’annuncio, Jean-Pierre ha detto che Lopez Obrador visiterà Washington a luglio per incontrare direttamente Biden. Ha anche elogiato i contributi del Messico al vertice di questa settimana, che si concentra su questioni come democrazia, energia pulita, politica, migrazione e ripresa dal Corona virus Pandemia – Ha indicato la presenza del ministro degli Esteri del Paese.

“È importante riconoscere che esiste una serie di opinioni su questo problema nel nostro emisfero, come negli Stati Uniti”, ha affermato Jean-Pierre. “La posizione di principio del capo è che non crediamo che i tiranni dovrebbero essere invitati, motivo per cui [Mexican] Il presidente ha deciso di non partecipare”.

READ  Russia e Cina attenuano il testo del G20 sulle tensioni geopolitiche

Durante il vertice, che è iniziato ufficialmente lunedì, i leader e altri leader del Nord, Centro e Sud America e dei Caraibi hanno in programma di esplorare gli obiettivi economici e pubblici dell’emisfero occidentale. Ma lo è anche l’incontro Un test dell’influenza degli Stati Uniti nella regionesoprattutto perché la politica estera di Biden è stata in gran parte concentrata su Europa e Asia.

Ha dedicato gran parte della sua attenzione all’Ucraina, che sta lottando per difendersi dall’invasione russa. Ha visitato il Giappone e la Corea del Sud il mese scorso nel tentativo di frenare la crescente potenza economica e militare della Cina.

Biden ha cercato di sottolineare che la sua presidenza segna un passo indietro rispetto alle politiche “America First” sotto il presidente Donald Trump che hanno trattato le relazioni, in particolare in America Latina, come più comprensive. Ha cercato di rafforzare i legami con i paesi che condividono i valori americani.

Tuttavia, questo può essere un criterio difficile. Biden ha tenuto un “vertice per la democrazia” a dicembre, ad esempio, ma ha invitato alcuni paesi come il Pakistan e le Filippine a farlo Sembrava a malapena qualificarsi.

Gli Stati Uniti ospitano il Summit delle Americhe per la prima volta dal suo inizio nel 1994 e, in quanto paese ospitante, hanno ampio margine di manovra per battere gli invitati ufficiali. Ma il vertice ha messo in luce le differenze regionali e le tensioni bilaterali.

Molti leader latinoamericani avevano già scelto di non partecipare, compresi quelli di Guatemala e Honduras, i paesi del triangolo settentrionale che sono stati al centro degli sforzi dell’amministrazione per arginare l’immigrazione clandestina. L’Honduras invia una delegazione di livello inferiore per protestare contro l’esclusione.

READ  Il bilancio delle vittime del resort di Sandals: 3 americani uccisi a Exuma, secondo il primo ministro ad interim delle Bahamas

Jean-Pierre ha affermato che al vertice saranno rappresentate 68 delegazioni e almeno 23 capi di governo, consentendo ai partecipanti di impegnarsi in colloqui su questioni di importanza regionale. “La nostra partecipazione sarà pari a quella che abbiamo avuto in passato”, ha detto. “Sì, avremo questi due paesi che non parteciperanno, ma [Biden] Pensa di dover attenersi ai suoi principi”.

Tuttavia, la decisione di non invitare il triumvirato autoritario ha aperto gli Stati Uniti alle critiche sui paesi etichettati come stati paria totalitari.

Biden denuncia l’elezione della “mummia” in Nicaragua

Il presidente cileno Gabriel Borek ha dichiarato lunedì che, sebbene non avrebbe mai smesso di usare la sua voce per “difendere i diritti umani”, l’esclusione da parte degli Stati Uniti di Nicaragua, Cuba e Venezuela “non era la strada giusta”.

“Pensiamo che sia un errore e lo diremo durante il vertice”, ha detto ai giornalisti a Ottawa in una conferenza stampa con il primo ministro canadese Justin Trudeau.

Ha aggiunto che questo disprezzo potrebbe ritorcersi contro, consentendo ai leader esclusi di citarlo come prova dell’ostilità degli Stati Uniti. “Quando gli Stati Uniti affermano di escludere alcuni paesi dal vertice, in realtà stanno rafforzando la posizione che questi altri paesi stanno assumendo nei propri paesi”, ha affermato Borek.

Trudeau ha aggiunto che “è molto importante avere l’opportunità di impegnarci con i nostri compagni partner dell’emisfero, alcuni che la pensano allo stesso modo, altri meno”. Non ha detto esplicitamente se fosse d’accordo con l’esclusione dei tre paesi, ma ha notato che Ottawa ha un approccio di lunga data nei confronti di Cuba che differisce da quello di Washington.

READ  Allerta tsunami terremoto in Giappone: aggiornamenti in diretta

Alla conferenza stampa di mercoledì, Jean-Pierre ha affrontato domande sul motivo per cui gli Stati Uniti continuano a fare affari con l’Arabia Saudita, ricca di petrolio, il cui principe ereditario è accusato di essere l’artefice dell’omicidio e dello smembramento del giornalista del Washington Post Jamal Khashoggi nel 2018. Arabia Saudita dissidenti stato arrabbiato Con notizie secondo cui Biden sta pianificando un viaggio presidenziale in Arabia Saudita senza chiedere responsabilità per l’omicidio di Khashoggi o per il miglioramento dei diritti umani.

A marzo, la Casa Bianca di Biden ha inviato una delegazione per discutere le sanzioni energetiche con il Venezuela, altro Paese con grandi riserve di petrolio. L’incontro si è svolto settimane dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, poiché l’amministrazione ha cercato di mitigare l’impatto politico ed economico dell’impennata prezzi della benzina. Il regime del presidente venezuelano Nicolas Maduro Un tribunale penale internazionale sta indagando per crimini contro l’umanità.

Il senatore Robert Menendez (DNJ), presidente della commissione per le relazioni estere del Senato, si è detto lieto che l’amministrazione stia escludendo i “teppisti tirannici”, ma che l’assenza di Lopez Obrador “purtroppo ostacolerà gli sforzi per continuare a riformare le relazioni e a cooperare su questioni legate al benessere dei nostri due paesi”.

Il presidente del Messico offre agli elettori la possibilità di estrometterlo

Lopez ha accusato Obrador di aver scelto di stare “con tiranni e tiranni per rappresentare gli interessi del popolo messicano in cima con i suoi partner di tutto l’emisfero”.

Ma Jean-Pierre ha sottolineato che il rapporto degli Stati Uniti con il Messico non è cambiato, dicendo: “Li vediamo come amici”.

Amanda Coletta ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.