Il presidente del Consiglio italiano svela una discussione con Putin il 30 marzo: Parlare con lui è una perdita di tempo

Il primo ministro italiano Mario Tragi ha detto che sta iniziando a credere che parlare con Vladimir Putin sia una perdita di tempo. Ha anche avvertito che l’obiettivo del presidente russo è “non cercare la pace”.

Mario Draghi ha detto che i colloqui con Mosca hanno iniziato a perdere la speranza dopo la scoperta del massacro di Pucha.

Ha anche avvertito che l’obiettivo del presidente russo Vladimir Putin è “non cercare la pace”.

Il primo ministro italiano Mario Draghi domenica ha espresso indignazione per il presidente russo Vladimir Putin, dicendo che stava iniziando a pensare che fosse “una perdita di tempo” intrattenere colloqui con il suo primo ministro di Mosca sull’invasione russa dell’Ucraina.

“Quando dico: ‘Parlare con lui è inutile, è una perdita di tempo’, comincio a pensare che quelle persone abbiano ragione”, ha detto Draghi al quotidiano italiano Il Corriere della Sera. Business Insider.

In un’intervista alla stampa italiana, Draghi ha raccontato la sua telefonata con Putin il 30 marzo: “Al telefono gli ho detto che stavo chiamando per parlare di pace. Gli ho chiesto: ‘Quando ti incontrerai? Con Zhelensky? Puoi solo risolvere entrambi. Rispose: “Non è ancora il momento. “Gas rublo, allora non ancora introdotto”.

L’Italia è fortemente dipendente dal gas russo perché importa il 95% del gas che utilizza, il 40% del quale proviene dalla Russia.

Il primo ministro ha detto che lui e Putin avevano concordato di parlare di nuovo nei prossimi giorni.

“Poi è arrivato l’orrore di Pucha”, ha detto Drake.

Il premier italiano ha affermato che il presidente francese Emmanuel Macron ha il diritto di provare tutti i modi possibili per comunicare con Putin, ma ha aggiunto: “Bambini e donne, è completamente libero dalle parole e dai telefoni che gli vengono dati”.

READ  La Russia ha inviato aerei da guerra nucleari nello spazio aereo svedese

“Finora, l’obiettivo di Putin non è cercare la pace, ma distruggere l’opposizione ucraina, occupare il Paese e consegnarlo a un governo amico”, ha aggiunto.

Alla domanda se è d’accordo con la dichiarazione del presidente Joe Biden sul genocidio di Pucha, ha detto: “Come può essere terrorizzato Pucha se non ci sono crimini di guerra?” Risposto. Tuttavia, il premier italiano ha affermato che i termini “genocidio” e “crimini di guerra” hanno “un chiaro significato giuridico”.

“Ci saranno metodi e tempo per verificare quali parole si adattano meglio alle azioni disumane dell’esercito russo”, ha detto Draghi.

Nelle ultime settimane Drake ha cercato di diversificare le importazioni di gas dall’Italia attraverso accordi in Africa.

Il 7 aprile il premier Mario Draghi ha affermato che l’Italia seguirà la decisione dell’Ue sulle nuove sanzioni contro la Russia, in particolare il potenziale embargo sul gas, che “non era ancora sul tavolo”.

Drake è stato nominato Primo Ministro nel febbraio 2021 dopo che il suo predecessore Giuseppe Conte si è dimesso a causa dell’epidemia di COVID-19 e della grave crisi economica.

Autore: G.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.