Il petrolio scende di oltre l’1% a causa delle preoccupazioni sulla domanda, la forza del dollaro

I serbatoi di stoccaggio del petrolio greggio sono visti in una veduta aerea del Cushing Oil Center di Cushing, Oklahoma, USA, 21 aprile 2020. Base Reuters/UAV

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Forti pressioni sul dollaro con l’avvicinarsi della decisione della Fed sui tassi
  • Le preoccupazioni sull’offerta limitano il declino
  • L’allentamento delle restrizioni COVID-19 in Cina può fornire supporto

LONDRA (Reuters) – Lunedì il petrolio è sceso di oltre l’1%, appesantito dalle aspettative di una domanda globale debole e di un dollaro USA più forte in vista di un potenziale forte aumento dei tassi di interesse, sebbene i timori sull’offerta abbiano limitato il calo.

Le banche centrali di tutto il mondo aumenteranno sicuramente gli oneri finanziari questa settimana e c’è il rischio di un aumento di 1 punto percentuale da parte della Federal Reserve statunitense.

“Il prossimo incontro della Fed e un dollaro forte stanno tenendo sotto controllo i prezzi”, ha affermato Tamas Varga di BVM oil brokerage.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il greggio Brent con consegna a novembre è sceso di $ 1,17, o dell’1,3 percento, a $ 90,18 entro le 0822 GMT. US West Texas Intermediate (WTI) per ottobre è sceso di $ 1,14, o 1,3%, a $ 83,97.

Un giorno festivo britannico al funerale della regina Elisabetta avrebbe dovuto limitare l’attività. Leggi di più

Il petrolio è salito nel 2022, con il greggio Brent che si è avvicinato al massimo storico di $ 147 a marzo dopo che l’invasione russa dell’Ucraina ha esacerbato le preoccupazioni sull’offerta. Da allora, le preoccupazioni per la debole crescita economica e la domanda hanno spinto i prezzi al ribasso.

READ  Charlie Munger: La crittografia è come una malattia venerea

Il dollaro è rimasto vicino a un massimo di due decenni prima delle decisioni di questa settimana della Federal Reserve e di altre banche centrali. Un dollaro forte rende le materie prime denominate in dollari più costose per i detentori di altre valute e tende a influenzare il petrolio e altre attività rischiose.

Il petrolio è stato anche messo sotto pressione da previsioni di domanda debole, come la previsione della scorsa settimana dell’Agenzia internazionale per l’energia secondo cui il quarto trimestre vedrà una crescita della domanda pari a zero. Leggi di più

Nonostante queste preoccupazioni, le preoccupazioni sull’offerta hanno tenuto sotto controllo il calo.

“Il mercato è ancora appeso alle sanzioni europee sul petrolio russo. Con le interruzioni dell’offerta all’inizio di dicembre, è improbabile che il mercato veda una risposta rapida da parte dei produttori statunitensi”, hanno affermato gli analisti di ANZ.

Gli analisti hanno affermato che l’allentamento delle restrizioni COVID-19 in Cina, che ha smorzato le aspettative sulla domanda nel secondo consumatore di energia al mondo, potrebbe fornire un certo ottimismo. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Florence Tan e Jeslyn Lear. Montaggio di Robert Persell

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.