Il papa usurpa la “crudeltà” russa in Ucraina, afferma che l’invasione viola i diritti della nazione

Papa Francesco si rivolge al popolo mentre arriva per l’udienza generale settimanale in Vaticano, 8 giugno 2022. REUTERS/Guglielmo Mangiaban

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Il papa elogia gli ucraini per la resistenza ‘eroica’
  • Dice che la guerra non dovrebbe essere vista da una prospettiva in bianco e nero
  • Rifletti sull’incontro con il capo della Chiesa ortodossa russa Kirill a settembre

ROMA (Reuters) – Papa Francesco ha inferto una nuova serie di duri colpi alla Russia per le sue azioni in Ucraina, dicendo che le sue forze erano brutali, spietate e feroci e che l’invasione ha violato il diritto di un Paese all’autodeterminazione.

Nella trascrizione di una conversazione che ha avuto il mese scorso con i redattori dei media gesuiti e pubblicata martedì, ha elogiato gli ucraini “coraggiosi” per aver combattuto per sopravvivere, ma ha anche affermato che la situazione non era in bianco e nero e che la guerra “forse in qualche modo”. provocazione.”

Pur denunciando “la ferocia e la brutalità delle forze russe, non dobbiamo dimenticare i veri problemi se vogliamo risolverli”, ha affermato Francis, includendo l’industria degli armamenti tra i fattori che forniscono incentivi alla guerra.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Lo ha detto nel verbale della conversazione pubblicata dalla rivista dei gesuiti Civilta Cattolica.

“Questo è ciò che ci commuove: vedere un tale eroismo. Vorrei davvero sottolineare questo punto, l’eroismo del popolo ucraino. Ciò che abbiamo davanti agli occhi è lo stato della guerra mondiale, gli interessi globali, la vendita di armi, l’acquisizione geopolitica, che è il martirio di un popolo eroico».

READ  Gli Stati Uniti prevedono di vietare i voli russi dallo spazio aereo americano

Separatamente, in un messaggio in occasione della prossima Giornata Mondiale dei Poveri della Chiesa Cattolica Romana, Francesco ha lamentato l’aggiunta dell’Ucraina all’elenco delle guerre regionali.

“Ma qui la situazione è più complicata per l’intervento diretto” di una “superpotenza” con l’obiettivo di imporre la propria volontà in violazione del principio di autodeterminazione dei popoli, ha affermato.

“Non pro Putin”

In una conversazione con i redattori gesuiti, Francesco ha affermato che diversi mesi prima che il presidente Vladimir Putin inviasse le sue forze in Ucraina, il Papa ha incontrato un capo di stato che ha espresso preoccupazione per il fatto che la NATO “abbaiasse alle porte della Russia” in un modo che potrebbe portare alla guerra.

Quindi Francesco ha detto con le sue stesse parole: “Non vediamo il pieno dramma che si sta svolgendo dietro questa guerra, che in qualche modo potrebbe essere stata provocatoria o non essere stata evitata”.

Chiedendosi retoricamente se questo lo rendesse “pro-Putin”, ha detto: “No, non lo sono. Sarebbe semplicistico e sbagliato dire una cosa del genere”.

Francesco ha anche notato l’uso “brutale” da parte della Russia di mercenari ceceni e siriani in Ucraina.

La Russia descrive le sue azioni in Ucraina come una “operazione speciale” per disarmare l’Ucraina e proteggerla dai fascisti. L’Ucraina e l’Occidente affermano che le accuse fasciste sono infondate e la guerra è un atto di aggressione ingiustificato.

Francesco ha detto che spera di incontrare il patriarca ortodosso russo Kirill a un evento interreligioso in Kazakistan a settembre. I due avrebbero dovuto incontrarsi a Gerusalemme a giugno, ma quel viaggio è stato annullato a causa della guerra.

READ  Le azioni globali scendono e i rendimenti statunitensi aumentano mentre i prezzi del petrolio raggiungono nuovi massimi

Kirill, che è vicino a Putin, ha dato il suo pieno sostegno alla guerra in Ucraina. Francis ha detto il mese scorso che Kirill non poteva diventare “il chierichetto di Putin”, suscitando le proteste della Chiesa ortodossa russa.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ulteriore segnalazione di Francesca Pescionieri. Montaggio di Gareth Jones

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.