Il paese che scommette su Bitcoin ora affronta grandi rischi. Il debito nazionale è aumentato a ritmi allarmanti

10 giugno 2022 venerdì, 13:30

4144 letture

El Salvador ha compiuto sforzi per rendere il bitcoin una moneta a corso legale, ma la volatilità del tasso di interesse e dell’inflazione non ha promosso un effetto duraturo.

Man mano che il Bitcoin diventa più accettato a livello istituzionale, le grandi fluttuazioni dei prezzi avranno effetti di gran lunga maggiori a livello globale che mai.

Questo è già successo in El Salvador quest’anno. A marzo, le vendite di un grosso bitcoin sono state spazzate via di oltre $ 300 miliardi, ha affermato Notizia.

Il panico è stato alimentato dal massiccio ritiro di attività rischiose a seguito dell’aumento dei tassi di interesse, dell’inflazione e delle conseguenze economiche dell’invasione russa dell’Ucraina. Sebbene questa sia una cattiva notizia per molti investitori in tutto il mondo, El Salvador ha incoraggiato il governo a investire ancora di più.

Nonostante il Paese abbia subito perdite per circa 36 milioni di dollari, il governo ha acquistato le azioni a basso prezzo – oltre 15 milioni di dollari in bitcoin – aumentando ulteriormente il proprio debito nazionale.

Questa controversa strategia è stata guidata dal presidente e popolare attivista cripto di El Salvador Naib Bukele; Il suo conto Twitter Riguarda il suo interesse per bitcoin.

Eletto a inizio 2019, il giovane Bukele è stato votato da un’ondata di speranza che sarebbe stato lui la nuova alternativa ai classici partiti politici del Paese. Sebbene abbia iniziato come un autodefinito populista di sinistra, gradualmente si è orientato verso la dittatura, consolidando il suo potere e persino definendosi scherzosamente il “miglior dittatore del mondo”.

Una delle sue politiche più controverse è stata l’adozione di Bitcoin come mezzo di pagamento legale, con il dollaro USA come valuta per 20 anni.

READ  L'ostacolo occidentale: quale assistenza militare dovrebbe essere fornita all'Ucraina per ritirarsi dalla guerra?

El Salvador è uno dei pochi paesi che non ha una propria valuta. Anche questo è un fattore importante qui perché il governo non può stampare molti soldi in caso di crisi: dipende dagli investimenti.

Il governo ha introdotto un processore chiamato Chivo Wallet, che si comporta come molti crypto wallet: il venditore o l’acquirente genera un indice con il prezzo, mentre l’altro lo scansiona e lo acquista. Il governo ha basato la sua tabella di marcia sul villaggio costiero di El Jonde, noto anche come “Bitcoin Beach”, che ha già collegato portafogli Bitcoin e bancomat ai suoi residenti come periodo di prova.

Alcuni dei piani di Buhlin includono la creazione di un nuovo comune, che lui chiama “Bitcoin City”, la prima città completamente gestita e gestita da Crypto. Il governo ha già iniziato gli sforzi per sfruttare l’energia dal calore vulcanico del paese per estrarre bitcoin a sostegno del progetto.

Bukhel crede che all’aumentare del valore del bitcoin, aumenterà anche il paese. È un modo per gli investitori globali di acquistare titoli di stato e prendere in prestito dal governo di Buhel. Attualmente le banche multinazionali, come il Fondo Monetario Internazionale, sono riluttanti a concedere prestiti al Paese a causa del rischio di mancato rimborso.

Come è andato finora il principale test bitcoin di Buhl? I risultati sono stati contrastanti, meglio è.

Il tasso di adozione dell’applicazione Chivo è basso. Molte persone non trovano utile acquistarlo e utilizzarlo per le necessità quotidiane e alcuni dei problemi esistenti non vengono risolti da Bitcoin.

Solo un terzo della popolazione utilizza Internet – circa un quarto vive al di sotto della soglia di povertà – e gli smartphone non sono ampiamente disponibili nelle comunità rurali. Secondo un sondaggio condotto dal quotidiano La Prensa Gráfica, quasi tre quarti degli intervistati ha dichiarato che non accetterebbe bitcoin come compenso.

READ  New York Times: La guerra in Ucraina è ancora più sorprendente. La più grande sorpresa di Putin (editoriale)

La minaccia predefinita si sta avvicinando mentre il presidente Buckell continua la sua missione impopolare di fidarsi eccessivamente della valuta digitale. Il governo potrebbe non essere in grado di pagare le sue obbligazioni entro la scadenza di gennaio 2023 e sembra che i residenti di El Salvador potrebbero risentire degli effetti del prossimo crollo del bitcoin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.