Il nuovo ceppo COVID potrebbe essere più contagioso della sottovariante BA.2, afferma l’OMS – NBC Chicago

La variante più contagiosa di omicron BA.2 è diventata il ceppo COVID-19 predominante negli Stati Uniti, ma gli esperti sanitari internazionali si stanno concentrando sempre più su una nuova variante ibrida che potrebbe essere più contagiosa.

La variante XE è ricombinante, il che significa che è costituita da materiale genetico di altri due ceppi, in questo caso BA.1, il ceppo originale dell’omicron, e BA.2, noto come “omicron furtivo”.

Secondo un aggiornamento epidemiologico pubblicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità il 29 marzo, si stima che XE sia il 10% più trasmissibile di BA.2, ma i risultati richiedono ulteriori conferme.

La variante è stata rilevata per la prima volta nel Regno Unito a metà gennaio e da allora sono stati segnalati 600 casi nel paese.

L’Health Security Agency del Regno Unito ha dichiarato di monitorare XE insieme ad altri due ricombinanti, XD e XF, che consistono nei ceppi Delta e BA.1.

Le autorità sanitarie del Regno Unito hanno chiarito a fine marzo che non c’erano “prove sufficienti per trarre conclusioni sul vantaggio di crescita o su altre caratteristiche di questa variante”, ma hanno affrontato le segnalazioni iniziali di infezione.

“Questo ricombinante, XE, ha mostrato un tasso di crescita variabile e non possiamo confermare se abbia un reale vantaggio di crescita”, ha affermato Susan Hopkins, consulente medico capo dell’UKHSA.

Tuttavia, le stesse varianti ricombinanti non sono fuori dall’ordinario, secondo i funzionari sanitari.

“Le varianti ricombinanti non sono insolite, in particolare quando ci sono molte varianti in circolazione, molte delle quali sono state finora identificate nel corso della pandemia”, ha affermato Hopkins. “Come con altri tipi di varianti, la maggior parte morirà in tempi relativamente brevi”.

READ  McCarthy critica Biden per la risposta insufficiente all'invasione dell'Ucraina, suggerisce come avrebbe potuto scoraggiare Putin

L’OMS ha affermato che “continuerà a monitorare e valutare da vicino i rischi per la salute pubblica associati alle varianti ricombinanti” e fornirà “aggiornamenti non appena saranno disponibili ulteriori prove”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.