Il mammut lanoso ritorna. Dovremmo mangiarli?

unE quale bestia pelosa, il cui orologio finalmente arriva, si allenta verso la nascita di un laboratorio?

Circa 3900 anni fa, sulla terraferma siberiana, l’ultimo mammut lanoso conosciuto soffiava. Da allora, gli umani hanno conosciuto i mammut solo attraverso i loro resti: ossa sparse e alcuni cadaveri congelati, con i resti sparsi della pelliccia ispida di un giorno. Questi resti hanno, per secoli, acceso la nostra curiosità, una curiosità che un giorno potrebbe essere saziata. Colossal Biosciences, una startup con sede in Texas, sta utilizzando l’ingegneria genetica nella sua ricerca per riportare in vita le specie.

“Il mammut lanoso era il custode di un pianeta più sano”, afferma l’azienda. Usando il DNA di mammut recuperato, Colossal modificherà geneticamente gli elefanti asiatici, i parenti più stretti della specie. Se i suoi piani avranno successo, produrrà un gigante mistico – o una replica il più fedele possibile – tra sei anni. Quest’anno, la società ha raccolto 75 milioni di dollari dagli investitori.

E così, circa 3.906 anni dopo aver pensato di vederci le spalle, il mammut lanoso potrebbe riconoscere gli umani, una specie che non ha mai visto un grande mammifero a cui non piace l’idea di mangiare. La loro estinzione non è stata solo una nostra responsabilità – la fine dell’era glaciale ha ridotto drasticamente le dimensioni del loro potenziale habitat – ma, come sostengono alcuni paleontologi, il prestorismo è disseminato di corpi di megafauna che abbiamo mangiato fino all’estinzione. Bradipi giganti, armadilli giganti, lupi crudeli… che stavano servendo pianeta Terra In quei giorni doveva stare all’erta.

Dati gli ovvi progressi nella ricreazione mastodontica, possiamo anche rispondere all’ovvia domanda: dovremmo mangiarli? Colossal non ha menzionato questa possibilità, concentrandosi invece sui benefici ecologici del ripristino dei mammut: l’andatura pesante dell’animale ispessisce il permafrost, o lo strato di terreno, ghiaia e sabbia permanentemente congelati sotto la superficie terrestre, che impedisce lo scongelamento e il rilascio di gas serra. “Se il mastodontico ecosistema della steppa può essere rianimato, potrebbe aiutare a invertire il rapido riscaldamento del clima e, più urgentemente, proteggere il permafrost artico, uno dei più grandi depositi di carbonio del mondo”, afferma l’azienda.

READ  Un nuovo avvincente video mostra un elicottero da record che sorvola Marte

Tuttavia, viene da chiedersi se le persone sarebbero inclini ad assaporare, proprio come facevano i loro antenati. Dovremo decidere a un certo punto se anche noi vogliamo mangiare mammut lanosi e in effetti quali altre specie scegliere di far rivivere. Li mangi?

Sarebbe preparata per questo, dice Holly Whitelaw, direttrice del settore alimentare e agricolo rinnovabile. “Mangerei qualsiasi cosa nutrita in modo olistico”, dice Whitelaw. Dice che gli animali erranti hanno una buona salute del suolo; Distribuiscono semi e microbi mentre vagano. Più sano è il suolo artico, più praterie supporta e più carbonio dall’atmosfera. “È come riportare in vita i lupi”, dice Whitelaw. “Ottieni di nuovo quel livello completo di sistema che funziona meglio.”



Sarebbe una grande tragedia se dovessimo spingere questi maestosi individui nel nostro tempo semplicemente per usarli e sfruttarli a nostro vantaggio.

Victoria Heridge, paleontologa del Museo di Storia Naturale ed esperta di mammut lanosi, ha chiesto cautela. Il dottor Heridge ha detto che durante l’attuazione di questo tipo di progetto ambientale telegrafo“Stai facendo un esperimento di bioingegneria, se il tuo obiettivo è quello [met], comporterà un cambiamento su scala globale. La domanda diventa: chi sta manipolando il sistema climatico del pianeta? “

Parlando con indipendenteIl dottor Heridge ha espresso ulteriori preoccupazioni sull’origine di questi mammut. “Ho un problema con tutto ciò che riguarda le madri surrogate”, dice. Trasporterai un mastodontico amalgama geneticamente modificato all’interno degli elefanti asiatici, esponendoli a notevoli dolori e rischi medici.

Queste sono obiezioni al progetto stesso, non l’idea di mangiare carne di mammut alla fine. Il dottor Heridge vede questo scenario come improbabile, ma propone uno scenario ipotetico in cui considereresti di mangiare carne di mammut. Avanti veloce di 100 anni. Immagina che la Siberia non sia una palude, c’è un posto in cui vagare per gli elefanti lanosi, non guadare in una palude piena di zanzare. Supponiamo che riescano ad allevare 20.000 elefanti lanosi a questo punto. Vagano per Banff causando caos, per mantenere questi residenti, hanno dovuto fare un linciaggio annuale. Lo rifiuterei? No. Ma ci sono molti avvertimenti. “

I mammut allevati al pascolo hanno un buon rapporto tra grassi omega:3 e omega:6, dice Whitelaw, il che li rende una buona scelta alimentare. Con questo in mente, è facile immaginare che gli appassionati di Paleo forniscano la domanda dei consumatori. Tuttavia, il dottor Heridge è di nuovo scettico. “L’idea che puoi tornare a dieta in questo modo vecchio stile è davvero problematica”, dice. “C’è un’idea ingenua che ci sia un Eden perduto. La nostra visione di esso si basa su nient’altro che pio desiderio e stereotipi”.

cena stasera? Il mammut lanoso nel film del 2016 “L’era glaciale: rotta di collisione”

(lotta per le azioni)

Ci sono altri modi per guardare a questa domanda. Pensatori come Brian Tomasek, autore del blog Articoli sulla riduzione della sofferenzasostiene che se hai intenzione di mangiare animali, “in genere è meglio mangiare animali più grandi in modo da ottenere più carne in una vita orribile e in una morte agonizzante. Ad esempio, una mucca bovina produce oltre 100 volte più carne per animale rispetto a un pollo, quindi passare dal mangiare tutto il pollo a tutto il manzo ridurrà il numero di animali da fattoria uccisi di oltre il 99 percento.

Esaminando il problema del consumo di mammut lanosi, Tomasek afferma: “I mammut lanosi pesano circa 10 volte il peso di una mucca, quindi mangiare mammut invece di giovani animali ridurrà ancora di più la mortalità degli animali”.

Dovremmo anche pensare al modo in cui è morto il mammut. “Se la morte per caccia è migliore o peggiore della morte naturale in natura dipende da quanto tempo impiegherà il mammut a morire dopo essere stato colpito e da quanto dolorosa sia la ferita da proiettile fino al punto di morte”, afferma Tomasek. Dice che un cervo selvatico può impiegare 30-60 minuti per morire dopo essere stato colpito ai polmoni o al cuore. Il loro cervello è un bersaglio molto piccolo, anche se potrebbe essere diverso per un mammut.

Ci sono molte considerazioni contrastanti qui. Sebbene il ringiovanimento delle praterie artiche possa essere benefico per il clima, può anche comportare un numero maggiore di fauna selvatica. Tomasek vede questa come una cattiva notizia. “Quasi tutti gli animali terrestri sono invertebrati o piccoli vertebrati che producono un gran numero di prole, la maggior parte dei quali muore dolorosamente poco dopo la nascita”.



Penso che sarà come il maiale

Forte opposizione all’idea viene da Elisa Allen, vicepresidente dei programmi della PETA. Allen sostiene che dovremmo concentrarci sulla protezione delle specie esistenti, i cui habitat stanno scomparendo rapidamente, piuttosto che far rivivere specie che hanno già perso il loro habitat: altri membri di esso quando non è necessario”. Allen afferma che “il futuro della carne l’industria sta nelle carni lavorate in laboratorio o stampate. “Tridimensionale”.

Gacy Reis-Anthes, co-fondatore del Sentience Institute, ritiene che l’applicazione di questa tecnologia ai mammut lanosi sia eticamente la cosa migliore per la loro caccia. “Una delle sfide più urgenti che l’umanità deve affrontare nel 21° secolo è quella di porre fine all’industria immorale e insostenibile dell’agricoltura industriale”, afferma. “La carne coltivata è una delle alternative più promettenti, quindi se la carne di mammut è ciò che entusiasma le persone, ne sono entusiasta. Sarebbe molto dispendioso allevare e far crescere mammut vivi quando possiamo coltivare in modo sostenibile tessuto di carne nei bioreattori .”

Ciò eviterebbe quello che Anthes vede come un errore intrinseco nell’uccidere, per il nostro piacere, una creatura che può pensare e sentire. È interessato alla tecnologia, dice, ma afferma che è importante “mantenere i limiti del rispetto e dell’integrità fisica degli esseri senzienti. Uno dei limiti più fruttuosi è stato il diritto a non possedere e sfruttare a beneficio degli altri. Questo vale per gli esseri umani, ma lo sta realizzando sempre più per gli animali, ed è un pilastro fondamentale nella supervisione responsabile di altre creature.

“Sarebbe una grande tragedia se dovessimo raggiungere il nostro braccio tecnologico nell’era glaciale e indurre questi maestosi individui del nostro tempo semplicemente a usarli e sfruttarli a nostro vantaggio”.

Per i nostri antenati, che costruivano edifici con ossa di mammut, questo non era un problema per la metà di loro. Ma immaginiamo un piatto a base di mammut derivato non dalla caccia ma da un bioreattore. Come sarà il sapore? Whitelaw ha un’ipotesi. “Penso che sarebbe un po’ come il maiale. Dovresti cuocerlo a lungo e lentamente per ridurre il grasso per farlo. O forse potresti renderlo gustoso e croccante. “

Tuttavia, prenditi cura di quella pelliccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.