Il “laser spaziale” irradia direttamente sulla Terra da una distanza di 5 miliardi di anni luce

Gli astronomi hanno scoperto un potente laser spaziale emesso da una galassia lontana.

Il raggio di onde radio è quello che gli scienziati chiamano un “megamaser” e questo è il più lontano fino ad oggi, apparendo a 5 miliardi di anni luce dalla Terra.

È stato scoperto da un team internazionale di scienziati utilizzando il telescopio “MeerKAT” in Sud Africa, un radiotelescopio composto da 64 antenne.

I megamast sono laser a lunghezza d’onda radio naturali che possono aiutare a illuminare le collisioni di galassie.

“I megazer si comportano come luci lampeggianti che dicono ‘Qui si scontrano galassie che creano nuove stelle e alimentano buchi neri supermassicci'”, ha affermato il coautore dello studio Jeremy Darling, dell’Università del Colorado.

Quando le galassie si fondono, il gas che contengono diventa estremamente denso, producendo uno specifico segnale radio noto come maser.

I megamaser sono potenti dispositivi infermieristici prodotti in collisioni di enormi galassie, come i raggi dei fari cosmici.

In un articolo pubblicato la scorsa settimana, Darling e i suoi colleghi rivelano la scoperta del maser gigante più distante fino ad oggi.

Per riflettere il suo status di record, il team ha chiamato il laser spaziale Nkalakatha, una parola di isiZulu che significa “grande leader”.

“Nkalakatha è uno dei più potenti localizzatori a ultrasuoni conosciuti in OH, ed è il più grande maser massiccio del suo genere mai scoperto, quindi è davvero un” grande capo “, ha affermato il coautore dello studio e astronomo della Rutgers University Andrew Baker.

“Ci aspettiamo che sia solo il primo di molti OH [hydroxyl] megamaser che verranno scoperti man mano che il progetto continua.”

READ  Il James Webb Space Telescope inizia gli esami finali prima delle osservazioni scientifiche
Una vista generale di un sistema di radiotelescopi a 64 parabole può essere vista durante la cerimonia ufficiale di inaugurazione il 13 luglio 2018 a Carnarvon.
AFP tramite Getty Images

Invece di emettere luce visibile, il maser emette lunghezze d’onda radio e microonde amplificate dalle forze cosmiche.

Una volta che il team ha dimostrato di avere un Megazer tra le mani, si è messo alla ricerca della galassia da cui proveniva.

Hanno scoperto che la galassia di Nacalacatha si trova a circa sette miliardi di anni luce di distanza e ha una lunga coda su un lato, che può essere vista nelle onde radio.

La luce della megamassa è stata emessa circa cinque miliardi di anni fa, quando l’universo aveva solo due terzi della sua età attuale.

L’obiettivo principale del progetto MeerKAT è utilizzare le osservazioni di gas in galassie lontane per aiutare a capire come si sono evolute le galassie negli ultimi nove miliardi di anni.

Poiché questi segnali radio sono deboli, i ricercatori mirano a ottenere migliaia di ore di osservazioni utilizzando MeerKAT per rilevarli.

I dati vengono schiacciati da potenti computer per aiutare a scoprire segni di interessanti oggetti lontani e antichi.

“È possibile che MeerKAT abbia raddoppiato il numero noto di questi rari fenomeni”, ha detto Darling.

“Una volta si pensava che le galassie si fondassero più di una volta e i megafoni giganti scoperti di recente in OH ci consentiranno di testare questa ipotesi”.

Questa storia è apparsa originariamente sul sole È riprodotto qui con autorizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.