Il lago Manchar in Pakistan erutta sulle sue sponde mentre le inondazioni peggiorano

Sospensione

SEVAN, Pakistan – Il muro di contenimento del lago più grande del Pakistan è esploso martedì dopo mesi di piogge torrenziali, Inonda centinaia di altri villaggi a valle e minaccia di costringerne altre migliaia a lasciare le loro case.

Il governo pakistano ha progettato due rotture deliberate del muro di contenimento del lago Manchar durante il fine settimana nel tentativo di alleviare la pressione sulla struttura, ma un funzionario dell’irrigazione ha detto al Washington Post che il muro ha iniziato a incrinarsi martedì mentre il livello dell’acqua continuava a salire.

Un funzionario locale del Dipartimento dell’Agricoltura ha confermato una frattura, ma ha affermato che non è chiaro se sia stata causata dalla pressione dell’acqua o se i residenti di una città vicina abbiano danneggiato il muro per deviare le acque alluvionali dalla loro zona.

I due funzionari hanno parlato in condizione di anonimato perché non autorizzati a parlare con i media.

“Non è possibile riparare il muro ora”, ha detto il funzionario dell’irrigazione. Ha detto che il governo non è stato in grado di proteggere i villaggi lungo il percorso dell’inondazione e ha stimato che le famiglie avrebbero avuto dalle quattro alle cinque ore per evacuare.

‘Nessuno si preoccupa di noi’: i pakistani lottano per sopravvivere dopo le inondazioni

Il ministro dell’irrigazione Jam Khan Shurro ha confermato a The Post che si era verificata la nuova breccia nel muro di inondazione, ma ha sottolineato che non sarebbero state necessarie ulteriori evacuazioni poiché tutti gli insediamenti a valle erano già stati svuotati.

Il governo pachistano sta già lottando per rispondere a quella che è stata definita una crisi “catastrofica” e la breccia del lago Manchar rischia di ostacolare ulteriormente l’accesso ai bisognosi. La rabbia sta crescendo tra gli sfollati pakistani, centinaia di villaggi sono ancora sott’acqua e le persone che sono arrivate alla terraferma Cerca disperatamente riparo e riposati.

READ  Le invasioni stanno causando una grave crisi migratoria europea

L’acqua del lago può essere vista scorrere sulle autostrade e sui canali di drenaggio traboccanti appena a nord di Sihwan, minacciando di interrompere un’importante rotta di rifornimento ad alcuni dei villaggi più colpiti del paese a Dadu e oltre. I contadini fiancheggiavano le strade che portano a sud, portando in salvo il loro bestiame.

Mohammad Nawaz Shahani ha detto che i veicoli del governo hanno attraversato il suo villaggio martedì mattina usando gli altoparlanti per ordinare un’evacuazione immediata. Disse: “Ci hanno detto di lasciare subito le nostre case e di portare con noi i nostri oggetti di valore e il nostro bestiame”. Camminò con la sua famiglia allargata su una strada maestra e poi iniziò a pascolare il suo bestiame in cerca di un posto dove pascolare.

Di sera, l’autostrada era piena di bufali, capre e mucche. Circa 350 villaggi intorno al lago sono stati inondati martedì, portando il livello dell’acqua fino a sei piedi, secondo il funzionario dell’irrigazione.

Ha detto che le inondazioni hanno continuato a salire nella notte, ma molte famiglie si sono rifiutate di lasciare le loro case.

Da quando sono iniziate a giugno, inondazioni senza precedenti in Pakistan hanno ucciso più di 1.300 persone e ne hanno colpite quasi 33 milioni. Gli sforzi di soccorso del governo sono sovraccarichi, sebbene aiuti e forniture internazionali abbiano iniziato ad entrare nel paese.

La scorsa settimana gli Stati Uniti, l’Unione Europea e la Gran Bretagna hanno promesso milioni di dollari in aiuti umanitari al Pakistan. Le Nazioni Unite hanno lanciato un piano di emergenza per fornire assistenza, ma poiché le acque continuano a scorrere in tutto il paese, le aree più bisognose sono sempre più inaccessibili.

READ  Oo, Nigeria: una sparatoria di massa in chiesa uccide dozzine, afferma il legislatore locale

“Questa è una montagna di sofferenza umana e una tabella di marcia per una tragedia senza fine”, ha affermato il rappresentante degli Stati Uniti Sheila Jackson Lee (D-Tex) in una recente visita nel paese per esaminare i danni e discutere con le autorità pakistane in che modo gli Stati Uniti aiutino i soldi sarà. Spendere.

“Ci sono persone che hanno perso i loro mezzi di sussistenza e un paese che ha già perso la sua terra”, ha detto, riferendosi ai milioni di acri di raccolti che ora sono in rovina.

“È nostra intenzione che questi soldi vadano direttamente alle persone”, ha detto, aggiungendo che i funzionari pakistani hanno espresso lo stesso impegno. “Dovremo attenerci alla loro parola”, ha aggiunto Jackson Lee.

Il funzionario agricolo ha affermato che il governo pakistano deve agire rapidamente per deviare l’acqua che fuoriesce dal lago Manchar per mantenere le strade aperte e prevenire un massiccio esodo. Ha detto che dovrebbero essere scavate ulteriori buche controllate lungo il lago e creati più canali per prevenire lo spostamento di oltre 100.000 persone.

I camion che trasportavano enormi massi si sono allineati lungo l’autostrada principale a Sihuan – a pochi chilometri dal bordo del lago – per costruire un nuovo muro di contenimento martedì.

A nord, l’acqua ha inondato una delle due autostrade che attraversano la città di Dadu, dove migliaia di persone che sono già fuggite dai loro villaggi stanno cercando asilo, secondo Irfan Ali Samo, un alto funzionario di polizia della zona.

Sammo ha detto che la città, che ora è in massima allerta, è quasi circondata dall’acqua. Non sa quali siano gli ultimi livelli dell’acqua, “ma sono decisamente abbastanza alti di cui preoccuparsi”.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: l'Ucraina si ritira da Sievierdonetsk

Shaiq Hussain di Islamabad, Pakistan, ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.