Il governo britannico e il Senato degli Stati Uniti hanno promesso le armi dell’Ucraina per difendersi dalla Russia

Un gruppo bipartisan al Senato degli Stati Uniti lunedì ha promesso di fornire solidarietà e armi durante una visita a Kiev, avvertendo il presidente russo Vladimir Putin di non lanciare una nuova offensiva contro l’Ucraina. Il Regno Unito ha anche annunciato che fornirà armi anticarro all’Ucraina, ha riferito Reuters.

“Penso che Vladimir Putin abbia commesso l’errore più grande della sua carriera. Sottovaluta quanto sarà coraggioso il popolo ucraino se lo invaderà. Il senatore Richard Blumenthal ha detto ai giornalisti dopo che la delegazione del Senato degli Stati Uniti ha incontrato il presidente Volodymyr.

Ha detto che le armi potrebbero includere missili anticarro giavellotto, missili stinger, armi leggere e barche. “Il nostro messaggio è: se sceglie di violare la santità di questa democrazia, ci saranno delle conseguenze”, ha affermato la senatrice Amy Klobuchar.

Il Regno Unito ha anche annunciato lunedì che fornirà armi anticarro all’Ucraina per proteggerla da una possibile invasione sulla scia del conflitto con la Russia.

News.ro ha citato il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace dicendo: “Abbiamo deciso di fornire all’Ucraina difese corazzate leggere”. Ha detto che i primi sistemi erano già stati consegnati lunedì e che un piccolo numero di personale britannico sarebbe stato addestrato per brevi periodi.

Non ha specificato il numero o il tipo di armi inviate, ma ha affermato che non erano armi strategiche e non rappresentavano una minaccia per la Russia. Dovrebbero essere usati per l’autodifesa.

“Si tratta di brevi distanze. Tuttavia, fermerà le persone e le farà pensare a cosa stanno facendo, e se i carri armati entrano in Ucraina e la occupano, farà parte di un meccanismo di sicurezza.

READ  Ultimo Big Mac: i russi si sono schierati prima che McDonald's lasciasse la Russia

Wallace ha detto di aver invitato il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu a visitare Londra nelle prossime settimane per discutere della crisi, anche se non sapeva se i russi sarebbero stati d’accordo.

“L’attuale divario è enorme, ma insormontabile. Credo ancora che la diplomazia prevarrà. Questa è l’elezione del presidente (Vladimir) Putin”, ha detto Wallace. (Foto di Surza: foto dell’esercito americano di Wikipedia / specialista in informazioni visive Pavlo Povo – Pubblicato)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.