Il Google Play Store sostituisce le autorizzazioni dell’app con le informazioni riportate dallo sviluppatore

All’inizio di quest’anno, Google Play Store ha lanciato una nuova sezione sulla privacy dei dati Si affida agli sviluppatori per rivelare le informazioni raccolte dalle loro app. Ma come sottolineato esper Il caporedattore Mishaal Rahman (Attraverso Ars Tecnica), ciò potrebbe significare che Google non visualizzerà più un elenco di autorizzazioni verificate che raccoglie automaticamente da ciascuna app, offrendo agli sviluppatori il controllo completo su ciò che scelgono (o non scelgono) di divulgare agli utenti.

Quando Google ha annunciato per la prima volta la sua nuova sezione sulla privacy dei dati lo scorso anno, la società ha chiarito che il suo sistema si sarebbe basato sulle informazioni fornite dagli sviluppatori. su di me pagina di supportoGoogle afferma che gli sviluppatori hanno tempo fino al 20 luglio per compilare un modulo sulla privacy dei dati per le loro app, sottolineando che gli sviluppatori “solo” devono fornire “dati completi e accurati” per le loro app.

“Google Play esamina le app in base a tutti i requisiti delle norme; tuttavia, non possiamo prendere decisioni per conto degli sviluppatori su come gestiscono i dati degli utenti”, spiega Google. “Sei l’unico che ha tutte le informazioni necessarie per completare il modulo di sicurezza dei dati.” Google afferma che prenderà “l’azione appropriata” se rileva discrepanze tra le informazioni riportate dagli sviluppatori e l’app stessa.

Va notato che l’Apple App Store ha una politica simile in atto per Privacy Etichette “Nutrizione”.richiede anche sviluppatori Invia “riepiloghi auto-segnalati” Informazioni sulle pratiche sulla privacy delle loro app. Proprio come Google sta facendo ora, Apple si affida agli sviluppatori per fornire informazioni oneste sui dati raccolti dalle loro app, di cui esce un rapporto. Washington Posta che sono spesso ritenuti “fuorvianti o completamente imprecisi”.

READ  La trilogia di Azure Striker Gunvolt in arrivo su Xbox One e Xbox Series

Sebbene Google non indichi alcun piano per sostituire le autorizzazioni delle app generate automaticamente con la sezione sulla privacy dei dati, sembra che Google l’abbia tranquillamente sostituita. In un thread di Twitter, Rahman mostra schermate che confrontano un menu dell’app con la vecchia sezione “Autorizzazioni” e un altro con solo “Sicurezza dei dati”. Ho notato lo stesso dopo aver confrontato una copia archiviata di Google Play Store con TikTok Elenco dal 2021 con uno Questo è ora disponibile.

Come sottolinea Rahman, Google memorizza le autorizzazioni dell’app nel Play Store, ma non sono visibili dal front-end. Suggerisce di scaricare l’alternativa open source al Play Store, chiamata Aurora, che mostra ancora le autorizzazioni prima di scaricare l’app.

Tuttavia, avrebbe più senso per Google mostrare le autorizzazioni dell’app per entrambi E il Sezione Privacy dei dati. In questo modo, gli utenti possono confrontare entrambi per assicurarsi che le autorizzazioni riportate dallo sviluppatore siano coerenti con i risultati di Google. il bordo Ho contattato Google per vedere se la società prevede di ripristinare la sezione delle autorizzazioni dell’app, ma non hanno ricevuto risposta immediatamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.