Il fotoreporter ucraino Max Levine è stato impiccato a sangue freddo dai soldati russi, probabilmente dopo essere stato interrogato e torturato (Reporters sans frontières)

Border Reporters sans frontières ha recentemente riferito che il fotoreporter ucraino Max Levine e un soldato di accompagnamento sono stati “impiccati a sangue freddo” dai soldati russi nelle prime settimane dell’invasione russa. Difensore.

I due stavano cercando il drone scomparso di un fotografo nella giungla occupata dalla Russia, citando i risultati di un’inchiesta sulla loro morte, ha detto l’organizzazione.

Il Comitato per la libertà di stampa ha affermato che i corpi di Max Levine e del soldato Oleksi Chernyshov sono stati riportati sulla scena il 1 aprile in una foresta a nord della capitale Kiev. La RSR ha affermato di aver praticato 14 fori di proiettile nella copertura bruciata della loro auto, che era ancora in mostra.

“Le prove raccolte dall’RSF indicano che il fotoreporter ucraino Max Levine e il suo compagno sono stati impiccati a sangue freddo dalle forze russe, probabilmente il giorno della loro scomparsa, dopo essere stati interrogati e torturati il ​​13 marzo 2022”, ha detto.

Foto della scena del crimine, dove l’RSF ha trovato prove e osservazioni dell’RSF Il giornalista Max Levine e il suo amico sono stati giustiziati.

Levine potrebbe essere stato colpito da uno dei proiettili trovati dall’RSF sulla scena del crimine.

“Prove della presenza russa sono state trovate molto vicino alla scena del crimine. I pacchi di cibo e le posate di plastica possono ancora contenere tracce di DNA”, afferma il rapporto.

L’RSF ha anche affermato che alcuni degli effetti personali di Levin e Cernico sono stati recuperati, compresi i documenti di identità del soldato e parti del suo giubbotto antiproiettile e l’elmetto del fotografo.

Ha detto che una squadra ucraina dotata di metal detector ha anche trovato un proiettile sepolto nel terreno dove è stato trovato il corpo di Levine. Il pannello ha affermato che la scoperta suggeriva che “potrebbe essere stato ucciso da qualcuno e forse due proiettili sparati a distanza mentre era già a terra”.

READ  Un italian ai-a masacrat famili din kauza mootenirii. A cutat ăn casă, cameră cu cameră, până ia găsit pe toți și ia mpușcat

Una tanica di benzina è stata trovata anche vicino alla scena in cui è stato recuperato il corpo bruciato di Cerniso, ha aggiunto il team.

Reporter senza frontiere ha affermato che le sue scoperte “mostrano che entrambi gli uomini sono stati senza dubbio impiccati a sangue freddo”.

Levine e Chernyshov hanno annunciato una data per il 13 marzo. Il gruppo ha detto che un dispositivo di localizzazione GPS nel loro veicolo ha indicato la loro ultima posizione in una foresta a nord di Kiev.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.