Il deputato conservatore afferma che il governo del Regno Unito sta cercando di ricattare i parlamentari che cercano di licenziare Boris Johnson

Giovedì un importante parlamentare conservatore ha accusato il governo britannico di intimidire e di aver cercato di “ricattare” i parlamentari sospettati di voler estromettere il primo ministro Boris Johnson.

Johnson affronta le richieste di dimissioni per una serie di scandali, tra cui l’ammissione di aver partecipato a una festa nel suo ufficio di Downing Street in un momento in cui la Gran Bretagna era soggetta a rigide restrizioni sul Govt-19.

Alcuni giovani legislatori conservatori hanno cercato di estromettere il loro leader e i leader dell’opposizione hanno chiesto le sue dimissioni.

La situazione in parlamento si è riscaldata mercoledì quando un alto rappresentante del partito ha detto al primo ministro: “In nome di Dio, vattene”.

Johnson, che ha ottenuto una vittoria schiacciante nel 2019, ha promesso di guidare il Partito conservatore alle prossime elezioni. Ma in un altro colpo alla sua posizione, William Vrock, presidente della commissione per la pubblica amministrazione e gli affari costituzionali, ha accusato il governo di intimidazioni.

“Negli ultimi giorni, molti legislatori hanno subito pressioni e intimidazioni da parte di membri del governo a causa del presunto o presunto desiderio di tenere un voto di fiducia sulla leadership del partito del primo ministro”, ha affermato Rakh. Intermediazione.

Inoltre, i rapporti che conosco potrebbero sembrare un ricatto “, ha detto.

I colleghi dovrebbero denunciare tali casi al Presidente e alla polizia, ha affermato.

In risposta, Johnson ha detto ai giornalisti: “Non ha visto alcuna prova a sostegno di nessuna di queste accuse e non ha chiesto alcuna prova”, citando una precedente dichiarazione del suo ufficio secondo cui le accuse sarebbero state prese in considerazione se ci fossero state prove.

READ  Un grande convoglio di 64 chilometri sparso a nord-est di Kiev, mostrano nuove immagini satellitari

Christian Wakford, un parlamentare che questa settimana ha lasciato il Partito conservatore al lavoro, ha affermato che il governo aveva minacciato di ritirare i fondi per una nuova scuola in uno dei suoi collegi elettorali se si fosse rifiutato di votare con il governo.

“Sono stato minacciato di non frequentare la Radcliffe School se non avessi votato in un certo modo”, ha detto Wakford alla BBC. Ciò ha sollevato il sospetto che fosse nel partito giusto, ha detto.

“È una città senza scuola superiore da 10 anni, e come ti senti quando smetti di ricostruire la città per votare?”

I legislatori dell’opposizione hanno affermato che c’erano più prove che Johnson avrebbe dovuto dimettersi.

“Il declino morale nel cuore dell’amministrazione Johnson potrebbe essere peggiore di quanto pensassi”, ha detto il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon, descrivendo le accuse di Angela Rainer, vice leader del principale partito laburista di opposizione, come “disgustose”.

La rabbia è alta, ma finora il voto di fiducia su Johnson non è stato superato, con molti legislatori conservatori che affermano che aspetteranno fino alla fine del processo al partito.

Sue Gray, dipendente del governo, sta indagando.

L’editore politico di ITV ha dichiarato su Twitter che Gray aveva scoperto un’e-mail di un alto funzionario che avvertiva il segretario capo di Johnson che la festa del 20 maggio 2020 non avrebbe dovuto aver luogo.

Johnson ha detto di aver partecipato a un evento di lavoro quel giorno in cui ai dipendenti è stato detto di “portarsi da bere”.

Johnson ha detto martedì che nessuno gli aveva detto che l’assemblea non aveva seguito le regole per Govt-19.

READ  Donald Trump afferma che la NATO ha minacciato che gli Stati Uniti non li difenderanno dalla Russia a meno che non aumentino le spese militari

Foto: Facebook / Camera dei Comuni del Regno Unito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.