Il Consiglio delle Nazioni Unite sospende l’appartenenza della Russia al più alto organismo per i diritti umani

Nazioni Unite (AFP) – L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato giovedì per sospendere la Russia dalla principale organizzazione mondiale per i diritti umani per le accuse secondo cui i soldati russi in Ucraina sono stati coinvolti in violazioni dei diritti umani che gli Stati Uniti e l’Ucraina hanno definito crimini di guerra.

È stato un rimprovero raro, se non senza precedenti, contro uno dei cinque membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che esercitavano il veto.

L’ambasciatore statunitense Linda Thomas Greenfield ha definito il voto un “momento storico”, dicendo all’assemblea: “Abbiamo inviato collettivamente un messaggio forte che le sofferenze delle vittime e dei sopravvissuti non saranno ignorate” e che la Russia deve essere ritenuta responsabile “di questo ingiusto, guerra irragionevole.” “.

Thomas Greenfield ha lanciato una campagna per sospendere la Russia dal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite a seguito di video e foto che mostrano strade nel sobborgo di Bucha a Kiev, disseminato di cadaveri di civili dopo il ritiro dei soldati russi. Le morti hanno scatenato la condanna globale e la richiesta di sanzioni più severe contro la Russia, che ha negato con veemenza la responsabilità delle sue forze.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che il voto ha mostrato come la guerra del presidente russo Vladimir Putin abbia “reso la Russia un paria internazionale”. Si è impegnato a continuare a lavorare con altri paesi per raccogliere prove per ritenere la Russia responsabile, aumentare la pressione sulla sua economia e isolarla sulla scena internazionale.

La Russia è solo il secondo paese ad essere stato privato dei diritti di appartenenza al Consiglio dei diritti. L’altro, la Libia, è stato sospeso nel 2011 dal parlamento quando i disordini nel paese nordafricano hanno abbattuto il leader di lunga data Muammar Gheddafi.

READ  Decisione sul tasso di interesse australiano nel maggio 2022

Il Consiglio per i diritti umani con sede a Ginevra ha il compito di evidenziare e approvare le indagini sulle violazioni dei diritti e conduce revisioni periodiche della situazione dei diritti umani in tutti i 193 Stati membri delle Nazioni Unite.

Ha istituito commissioni d’inchiesta – che forniscono il più alto livello di controllo su presunte violazioni e abusi dei diritti umani – dei conflitti in Ucraina, Siria, Territori palestinesi e altrove. Ha anche istituito missioni conoscitive in luoghi come Libia, Myanmar e Venezuela.

Il voto sulla risoluzione sospesa dagli Stati Uniti è stato 93 contrari 24 con 58 astenuti, di gran lunga inferiore alle due risoluzioni adottate dall’assemblea il mese scorso che chiedevano un cessate il fuoco immediato in Ucraina, il ritiro di tutte le forze russe e la protezione dei civili. Queste due risoluzioni sono state approvate da almeno 140 paesi.

Il vice ambasciatore russo, Gennady Kuzmin, ha dichiarato dopo il voto che la Russia aveva già lasciato il consiglio prima che il consiglio prendesse provvedimenti, apparentemente in attesa del risultato. Con il suo ritiro, il portavoce del consiglio, Rolando Gomez, ha affermato che la Russia ha evitato di privarla dello status di osservatore nell’organismo per i diritti umani.

Kuzmin ha affermato che la Russia considera l’adozione della risoluzione “una mossa illegittima e politicamente motivata” da parte di un gruppo di paesi con “interessi politici ed economici a breve termine” che ha accusato di “violazioni evidenti e su larga scala dei diritti umani”.

Il Consiglio per i diritti umani, composto da 47 membri, è stato creato nel 2006 per sostituire una commissione che era stata screditata dalla scarsa documentazione sui diritti umani di alcuni membri. Il nuovo consiglio ha presto affrontato critiche simili, incluso il fatto che coloro che violavano i diritti cercavano seggi per proteggere se stessi e i loro alleati e per concentrarsi su Israele.

READ  Le proteste sono scoppiate con il ritorno delle elezioni filippine per Marcos alla presidenza

Oltre alla Russia, altri quattro membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’ONU – Gran Bretagna, Cina, Francia e Stati Uniti, che si sono riuniti quest’anno – sono attualmente in servizio nel Consiglio per i diritti umani da tre anni. Altri membri con precedenti sui diritti umani ampiamente discutibili includono Cina, Eritrea, Venezuela, Sudan, Cuba e Libia.

Mentre quasi la metà dei 193 stati membri delle Nazioni Unite ha sostenuto la risoluzione, più della metà ha votato contro, si è astenuta o non ha votato.

Spiegando la loro decisione di non sostenere la risoluzione, alcuni paesi l’hanno definita prematura, rilevando che erano in corso indagini sull’eventuale verificarsi di crimini di guerra o hanno affermato che avrebbe minato la credibilità del Consiglio per i diritti umani e delle Nazioni Unite. Altri hanno affermato che la decisione riflette i programmi geopolitici statunitensi ed europei e ciò che gli oppositori hanno descritto come ipocrisia occidentale e rabbia selettiva per i diritti umani.

Oltre all’indagine del Consiglio per i diritti umani guidata dall’ex giudice norvegese Erik Moss, che in precedenza era stato presidente del Tribunale penale internazionale per il Ruanda, la Corte penale internazionale sta conducendo un’indagine su possibili crimini di guerra in Ucraina.

Prima del voto, l’ambasciatore dell’Ucraina presso le Nazioni Unite, Sergei Kiseltsya, ha esortato i membri dell’assemblea a impedire che il Consiglio per i diritti umani “affondi” e a sospendere la Russia, affermando di aver commesso “orribili violazioni dei diritti umani e abusi che potrebbero equivalere a una guerra crimini e crimini contro l’umanità”.

“Le azioni della Russia vanno oltre tutti i confini”, ha detto. “La Russia non sta solo commettendo violazioni dei diritti umani, sta scuotendo le basi della pace e della sicurezza internazionale”.

READ  Canada proteste live update: Trudeau dichiara emergenza nazionale

In un documento distribuito dalla Russia e ottenuto dall’Associated Press, la Russia ha affermato che gli Stati Uniti e altri dissidenti vogliono mantenere il controllo del mondo e continuare una “politica del neocolonialismo dei diritti umani” nelle relazioni internazionali.

Kisletsya ha risposto alle denunce della Russia, dicendo: “Abbiamo sentito, molte volte, la stessa logica perversa dell’aggressore che cerca di presentarsi come la vittima”.

L’Assemblea Generale ha votato 140 contro 5, con 38 astenuti, il 24 marzo su una risoluzione che incolpa la Russia per la crisi umanitaria in Ucraina e sollecita un cessate il fuoco immediato e la protezione di milioni di civili, case, scuole e ospedali essenziali per la loro sopravvivenza.

Il voto è stato più o meno lo stesso della risoluzione del 2 marzo adottata dal Consiglio che chiedeva un cessate il fuoco immediato da parte della Russia, il ritiro di tutte le sue forze e la protezione di tutti i civili. Il voto è stato di 141 contrari 5, con 35 astenuti.

Entrambi questi voti non erano giuridicamente vincolanti, ma hanno avuto un’influenza come riflesso dell’opinione pubblica mondiale.

Tuttavia, il voto di giovedì e il ritiro della Russia hanno un impatto diretto sulla voce di Mosca in un organismo per i diritti umani che è diventato sempre più un luogo di confronto globale tra democrazie occidentali e stati autoritari. La Cina perderà un alleato chiave lì.

La Cina si è astenuta dal voto in entrambe le camere il mese scorso, ma ha votato contro la sospensione della Russia dal Consiglio per i diritti umani.

——-

Peltz ha riferito da New York. Il collaboratore dell’Associated Press Jamie Keiten ha contribuito da Ginevra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.