Il commento di Biden su Taiwan è in testa ai leader di Giappone, India e Australia nell’ultimo giorno del suo viaggio asiatico

La dichiarazione di Biden è certamente importante durante gli incontri di oggi, poiché è previsto un incontro di persona con i leader di Giappone, India e Australia nell’ambito di un rivitalizzato Vertice dei leader del quartetto. a Tokio, Ha concluso la sua visita di quattro giorni in Corea del Sud e Giappone. Il commento, rapidamente ritrattato dall’assistente della Casa Bianca, ha suscitato un’onda d’urto sia a Washington che a Pechino poiché i portavoce del governo cinese hanno emesso forti avvertimenti sul discorso di Biden e gli alti funzionari militari del presidente hanno dovuto trascorrere gran parte del lunedì cercando di spiegare. L’apparente disprezzo del presidente per la strategia statunitense nei confronti di Taiwan.

Il giorno dopo, Biden si aspettava colloqui “molto diretti e franchi” con i leader del Quartetto, un gruppo che ha irritato la Cina per il tentativo di Biden di costruire una “Nato asiatica”. Prima dei colloqui, un alto funzionario dell’amministrazione statunitense ha sottolineato che l’assemblea non è un blocco ufficiale di coalizione, senza un segretariato centrale o un quartier generale.

“L’obiettivo qui non è creare molte strutture formali. L’obiettivo è trovare modi per lavorare insieme su questioni di interesse per la regione”, ha affermato il funzionario, aggiungendo che era troppo presto per discutere di espandere la riunione oltre l’attuale quattro partecipanti.

Tuttavia, Biden e altri leader dovrebbero svelare nuove iniziative sulla condivisione delle informazioni marine, sui vaccini Covid e sul clima come parte del loro incontro. Gli assistenti di Biden vedono il Quartetto come una componente fondamentale di una strategia di politica estera che pone un forte accento sullo sviluppo delle relazioni in Asia.

“Penso che siamo rimasti tutti colpiti da quanto fossero a proprio agio i leader l’uno con l’altro e da quanto fossero a loro agio per avere colloqui molto seri”, ha detto il funzionario.

Biden stava anche pianificando un incontro faccia a faccia con i primi ministri di India e Australia martedì prima di tornare a Washington. Il primo ministro Anthony Albanese è diventato il leader dell’Australia solo due giorni fa e i funzionari statunitensi sono stati contenti del suo desiderio di fare il suo primo lavoro ai vertici del quartetto.

READ  Notizie Russia, Ucraina e Biden: aggiornamenti in tempo reale

È probabile che i colloqui con l’indiano Narendra Modi siano più difficili poiché resiste alle pressioni statunitensi per condannare la Russia per la sua guerra in Ucraina. L’India fa affidamento su Mosca per la maggior parte dei suoi acquisti di armi, una partnership storica che è riluttante a rompere.

“Il presidente è ben consapevole che i paesi hanno la loro storia. Hanno i propri interessi, hanno le proprie opinioni e l’idea è di basarsi su elementi in comune”, ha affermato l’alto funzionario.

Nel suo primo viaggio in Asia da quando è diventato presidente, Biden, che da tempo avverte della crescente influenza della Cina come potenza globale, ha cercato di rafforzare la posizione degli Stati Uniti con le alleanze orientali e di cercare più vie di cooperazione. E mentre gran parte della presenza incombente della Cina nel volo non è stata annunciata, lunedì disse Biden Che gli Stati Uniti sarebbero disposti a intervenire militarmente se la Cina avesse tentato di impadronirsi di Taiwan con la forza, una dichiarazione che sembrava rompere con l’ambiguità volontaria tradizionalmente sposata da Washington.

Mentre Biden ha riconosciuto che gli Stati Uniti sono ancora d’accordo con la politica della “Cina unica”, lunedì ha affermato che l’idea di prendere Taiwan con la forza “(non è) appropriata”.

Diversi assistenti di Biden hanno detto alla CNN che diversi alti funzionari dell’amministrazione Biden sono rimasti sorpresi dalle osservazioni, aggiungendo che non si aspettavano che Biden fosse così chiaro. La Casa Bianca ha rapidamente minimizzato i commenti di Biden, dicendo che non riflettevano un cambiamento nella politica degli Stati Uniti. È la terza volta negli ultimi mesi, anche durante il municipio della CNN in ottobre, Biden ha affermato che gli Stati Uniti proteggeranno Taiwan da un attacco cinese, solo per la Casa Bianca che fa marcia indietro su quelle affermazioni.

READ  Robot, marines e l'ultima battaglia con la burocrazia

Secondo la politica della “Cina unica”, gli Stati Uniti riconoscono la posizione della Cina secondo cui Taiwan fa parte della Cina, ma non hanno mai formalmente riconosciuto la pretesa di Pechino di essere un’isola autonoma di 23 milioni di persone. Gli Stati Uniti forniscono a Taiwan armi difensive, ma sono stati intenzionalmente ambigui sull’opportunità di intervenire militarmente in caso di attacco cinese.

La tensione tra Pechino e Taipei è ai massimi storici negli ultimi decenni, poiché l’esercito cinese ha inviato un numero record di aerei da guerra vicino all’isola.

I commenti di Biden hanno rapidamente attirato l’attenzione del governo cinese, con la Cina che ha espresso “forte insoddisfazione e forte opposizione” alle osservazioni di Biden, affermando che non avrebbe permesso a nessuna potenza esterna di interferire nei suoi “affari interni”.

“Su questioni relative alla sovranità, all’integrità territoriale e ad altri interessi fondamentali della Cina, non c’è spazio per compromessi”, ha affermato Wang Wenbin, portavoce del ministero degli Esteri cinese.

“Abbiamo esortato la parte statunitense a rispettare seriamente il principio della Cina unica… fare attenzione con le parole e con i fatti riguardo alla questione di Taiwan e non inviare alcun segnale sbagliato alle forze indipendentiste e indipendentiste pro-Taiwan – quindi non lo farà causare seri danni alla situazione attraverso lo Stretto di Taiwan e le relazioni sino-americane.” “.

Il portavoce dell’Ufficio cinese per gli affari di Taiwan Zhou Fenglian ha aggiunto: “Esortiamo gli Stati Uniti a smettere di dire o fare qualsiasi cosa che violi il principio della Cina unica e i tre comunicati congiunti Cina-USA. … Coloro che giocano con il fuoco si daranno sicuramente da fare fuoco.”

Il Presidente ha trascorso il suo viaggio in Asia incontrando i leader della Corea del Sud e del Giappone. Discussione Possibile intensificazione delle esercitazioni militari congiunte con la Corea del Sud e divulgazione Quadro economico indo-pacifico – Un’agenda economica tanto attesa tra 13 paesi.

La visita arriva più tardi nella presidenza di Biden di quanto gli piacerebbe, secondo i funzionari, che affermano che le restrizioni del Covid e altri sorteggi di crisi hanno reso difficile programmare il viaggio. È il terzo presidente consecutivo degli Stati Uniti a tentare di riorientare la politica estera sull’Asia, sebbene gli eventi sovrapposti spesso si mettano di mezzo.

Sebbene il focus sia sull’Ucraina, I funzionari affermano che Biden rimane intenzionato a riallineare la politica estera degli Stati Uniti alle sfide dei decenni a venire. Ciò include, urgentemente, il tipo di struttura di alleanza in Asia che già esiste tra gli alleati transatlantici che hanno formato un baluardo per lo più unificato contro la Russia dopo l’invasione dell’Ucraina.

Tuttavia, attualmente non esiste una controparte asiatica della NATO, che ha fornito una struttura fondamentale per la risposta occidentale all’aggressione russa. La Cina ha lavorato duramente negli ultimi anni per sviluppare i paesi della regione, proiettando al contempo la sua forza regionale.

READ  Le immagini satellitari mostrano una colonna militare russa lunga più di tre miglia sulla strada per Kiev

Biden ha preso diversi passi per contrastare quelle mosse, rivitalizzando il Quartetto; condividere per la prima volta la tecnologia sensibile per i sottomarini armati nucleari statunitensi con l’Australia; La scorsa settimana ha ospitato un vertice dei leader del sud-est asiatico alla Casa Bianca per discutere di commercio e sicurezza.

Tuttavia, non è chiaro se questi passi abbiano fatto molto per contenere le ambizioni della Cina. Alcuni analisti hanno evidenziato somiglianze tra l’invasione russa dell’Ucraina e le preoccupazioni per il futuro di Taiwan.

Kevin Liptak, Donald Judd e Nectar Gann della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.