Il CEO di Rocket Lab descrive la cattura di missili con elicotteri come la chiave per raggiungere obiettivi riutilizzabili

Il booster Electron sta arrivando allo spettacolo di elicotteri della compagnia per la caccia.

laboratorio di razzi

laboratorio di razzi Il CEO Peter Beck ha annunciato lunedì il primo tentativo della società di catturare il razzo booster Electron utilizzando un elicottero dopo il lancio, definendolo “eccezionale”, dicendo alla CNBC che Il test ha raggiunto il “99%” degli obiettivi dell’azienda per il riutilizzo dei missili.

“Ieri c’era una demo che tutto funziona – tutto è possibile. Puoi controllare e reinserire con successo un file [rocket] È decollato dallo spazio e l’ha messo sotto un paracadute.. Poi è decollato e l’ha recuperato in elicottero in aria”.

Rocket Lab vuole rendere riutilizzabili i suoi booster a razzo, come quelli in Elon Musk SpaceX, ma con approccio molto diverso. Dopo il lancio di un razzo Electron dalla Nuova Zelanda lunedì, la compagnia ha utilizzato un elicottero per disabilitare un paracadute che stava rallentando il razzo mentre tornava sulla Terra.

SpaceX utilizza i motori del suo razzo per rallentare durante il rientro e dispiega gambe larghe per atterrare su grandi piattaforme.

Beck ha detto che mentre l’elicottero Rocket Lab era “ben attaccato” e ha iniziato a volare mentre trasportava il booster, il pilota dell’elicottero ha visto che il carico utile del booster era diverso dai test precedenti e ha sparato al booster, che è caduto nell’Oceano Pacifico. Il booster è stato poi recuperato dall’acqua dalla nave Rocket Lab. Beck ha detto che il missile era in condizioni “eccellenti” e che il pilota “ha fatto la scelta giusta”.

Beck ha osservato che l’elicottero Sikorsky S-92 di Rocket Lab è in grado di sollevare 5.000 chilogrammi, con il booster Electron che pesa “poco meno di 1.000 chilogrammi”. Sebbene il test avesse un “ampio margine”, ha detto Beck, il Rocket Lab ha utilizzato “stime molto prudenti” per massimizzare la sicurezza durante la caccia. L’elicottero è pilotato da un equipaggio di tre persone: pilota, copilota e controllore.

READ  Il Mars Reconnaissance Orbiter della NASA scatta foto del rover cinese dallo spazio

Rendendo i suoi booster riutilizzabili, Rocket Lab sarà in grado di lanciarsi più spesso riducendo contemporaneamente il costo dei materiali per ogni missione.

Beck ha rivelato che il booster Electron rappresenta tra il 70% e l’80% del costo totale del veicolo. Il riutilizzo genererà risparmi significativi per l’azienda e ridurrà il numero di booster che deve produrre.

Rocket Lab riporterà quindi il booster Electron alla sua fabbrica per smontarlo, ispezionarlo e iniziare il processo di ristrutturazione per il prossimo volo.

Mentre Beck ha avvertito che la società aveva bisogno di “eseguire una serie di test” sul booster, Rocket Lab avrebbe “provato a lanciarlo di nuovo”, in quello che sarebbe stato il primo lancio di un missile riutilizzato.

Beck stima che metà delle missioni di Rocket Lab utilizzerà missili riutilizzabili. I lanci notturni, quando l’elicottero non sta volando, o i lanci che richiedono la piena capacità del missile, riducono quel numero. (Rocket Lab perde circa il 10% della capacità di carico sull’elettrone nella sua configurazione riutilizzabile.)

“La riutilizzabilità è un processo iterativo. Come abbiamo visto con SpaceX, prima sono passati sei mesi o più, quindi guarda a dove sono ora: ci vogliono settimane per trasformarsi”, ha detto Beck.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.