Il capo militare finlandese afferma che la Russia è pronta per una possibile offensiva: “La linea di difesa più importante è tra le orecchie”.

La Finlandia si sta preparando per un’offensiva russa da decenni, citando il capo delle sue forze armate della Reuters che ha affermato che avrebbe provocato una forte opposizione se lo avesse fatto.

Residenti finlandesiFoto: Larry Heinho / Editoriale Shutterstock / Immagini Profimedia

Il paese nordico ha un arsenale significativo. Ma a parte l’equipaggiamento militare, il generale Timo Givinen afferma che la motivazione per i finlandesi a combattere è un fattore importante.

“La linea di difesa più importante è quella tra le orecchie, come testimone della guerra in Ucraina”, ha detto Givinen in un’intervista.

La Finlandia ha condotto due guerre contro i suoi vicini orientali negli anni ’40, condividendo con essa un confine di 1.300 km.

“Ci siamo sviluppati sistematicamente per questo tipo di guerra”.

Un tempo paese non allineato, la NATO ora chiede un’alleanza militare per le preoccupazioni che la Russia possa invadere, come ha fatto con l’Ucraina il 24 febbraio.

Dopo la seconda guerra mondiale, Helsinki mantenne un addestramento militare di alto livello.

“Abbiamo sviluppato sistematicamente le nostre difese militari per questo tipo di guerra che si svolge lì (in Ucraina), usando il fuoco, le forze armate e l’aviazione”, ha detto Givinen.

“L’Ucraina è una masticatrice dura (per la Russia) e la Finlandia”.

Le due guerre della Finlandia contro l’Unione Sovietica uccisero circa 100.000 finlandesi e persero un decimo del suo territorio.

Più di 1,1 milioni di soldati e guardie di sicurezza

Il paese di 5,5 milioni di persone ha un esercito di circa 280.000 soldati e 870.000 addestrati come riservisti. Non eliminò il reclutamento militare per gli uomini, come fecero molte nazioni occidentali dopo la fine della Guerra Fredda.

READ  L'ambasciatore cinese negli Stati Uniti ha affermato che Pechino non invierà armi alla Russia

Ha costruito una delle navi di artiglieria più potenti d’Europa e immagazzinato missili navali con una portata fino a 370 km. Spende il 2% del PIL in difesa, che è più alto di molti paesi della NATO.

È al comando di quattro nuove navi da guerra e 64 caccia F-35 della società di difesa statunitense Lockheed Martin.

Prevede di ordinare fino a 2.000 droni, costruendo il proprio equipaggiamento antiaereo ad alta quota e creando barriere al confine con la Russia.

Secondo un sondaggio del 18 maggio del Ministero della Difesa, circa l’82% degli intervistati ha affermato che sarebbe disposto a partecipare alla sicurezza nazionale se la Finlandia fosse stata attaccata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.