Il bombardamento delle linee elettriche ha colpito la centrale nucleare ucraina, colpendo le due parti commerciali

  • I tecnici hanno spento il reattore della più grande centrale nucleare d’Europa
  • Tre navi di grano lasciano i porti ucraini del Mar Nero
  • Il turco Erdogan incontra Putin in Russia
  • Combattimenti nei centri orientali per un villaggio fortificato

Kiev (Reuters) – Il bombardamento di una linea elettrica ad alta tensione di venerdì ha colpito una grande centrale nucleare ucraina sequestrata dalla Russia, spingendo gli operatori dell’impianto a disconnettere un reattore anche se non è stata rilevata una fuga radioattiva.

La compagnia nucleare statale ucraina Energoatom ha accusato la Russia dei danni alla sua centrale elettrica di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa. All’inizio di questa settimana, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica delle Nazioni Unite ha lanciato un appello per l’accesso alla stazione, che Washington afferma che la Russia sta usando come scudo sul campo di battaglia. Leggi di più

Il ministero della Difesa russo ha accusato le forze ucraine di aver bombardato l’impianto, che le forze russe hanno sequestrato all’inizio di marzo nella prima fase della guerra, dicendo che la fuga di radiazioni è stata evitata solo per fortuna.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Di conseguenza, ha detto, la capacità di generazione di un’unità è diminuita e l’alimentazione di un’altra unità è stata interrotta. Una dichiarazione del ministero ha affermato che la vicina città di Inerhodar stava riscontrando problemi con l’elettricità e l’approvvigionamento idrico.

Questa non era la prima volta che un’azione militare destava preoccupazione a Zaporizhia, dove l’Agenzia internazionale per l’energia atomica delle Nazioni Unite ha occasionalmente segnalato la perdita di contatto con i sistemi di monitoraggio che tracciano i materiali nucleari.

L’amministrazione Enerhodar, istituita dalla Russia, ha dichiarato in un comunicato che è scoppiato un incendio e che l’elettricità necessaria per il funzionamento sicuro dei reattori è stata interrotta. L’impianto è ancora gestito da tecnici ucraini.

READ  L'Ucraina accusa la Russia di genocidio dopo aver bombardato un ospedale pediatrico

Energoatum ha affermato che l’impianto, a circa 200 km a nord-ovest del porto di Mariupol, controllato dalla Russia, nell’Ucraina sudorientale, era ancora in funzione e non erano state rilevate scariche radioattive.

Ha aggiunto che è stata presa la decisione di scollegare un reattore dalla rete a causa dei danni a una linea di distribuzione elettrica ad alta tensione da 330 kilowatt che collega la stazione alla centrale termica.

A est, entrambe le parti annunciarono lievi avanzamenti mentre l’artiglieria russa bombardava città e villaggi in una vasta area con una tattica ormai familiare.

Pacchetto armi americane

Tre fonti che hanno familiarità con la questione hanno detto a Reuters che il pacchetto di armi in arrivo in Ucraina dagli Stati Uniti dovrebbe ammontare a un miliardo di dollari, il più grande accordo fino ad oggi. Leggi di più

Le fonti hanno affermato che se l’accordo sarà firmato nella sua forma attuale, includerà munizioni per armi a lungo raggio e veicoli blindati per il trasporto medico.

Il pacchetto dovrebbe essere annunciato lunedì e si aggiungerà a circa 8,8 miliardi di dollari di aiuti che gli Stati Uniti hanno fornito all’Ucraina dall’invasione russa del 24 febbraio.

In altri sviluppi, tre navi cerealicole hanno lasciato i porti ucraini venerdì e la prima nave mercantile in arrivo dall’invasione russa dell’Ucraina doveva essere caricata, segnando ulteriori passi negli sforzi del governo di Kiev per rilanciare la sua economia dopo cinque mesi di guerra.

Nel frattempo, il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che sta mediando la guerra, nella città russa di Sochi.

“La comunità internazionale non può porre fine alla guerra in Ucraina ignorando la Russia”, ha affermato Fahrettin Altun, uno dei principali aiutanti di Erdogan.

READ  La guerra ucraino-russa: ultime notizie - The New York Times

La Turchia ha aiutato a negoziare l’accordo, che lunedì ha visto la prima nave di grano uscire da un porto ucraino per i mercati esteri dall’invasione.

Due navi cerealicole sono partite venerdì da Chornomorsk e una da Odessa trasportando un totale di circa 58.000 tonnellate di mais, ha affermato il ministero della Difesa turco.

L’amministrazione regionale di Odessa ha detto che la nave portarinfuse turca battente bandiera liberiana Osprey S dovrebbe arrivare a Chornomorsk venerdì per caricarla di grano.

La Russia e l’Ucraina normalmente producono circa un terzo del grano mondiale e le Nazioni Unite hanno avvertito che l’interruzione delle spedizioni di grano attraverso il Mar Nero dominato dalla Russia potrebbe portare alla carestia in altri paesi, in particolare in Africa, Asia e Medio Oriente.

“Ci aspettiamo che le garanzie di sicurezza dei nostri partner delle Nazioni Unite e della Turchia continueranno a funzionare e che le esportazioni di cibo dai nostri porti diventeranno stabili e prevedibili per tutti i partecipanti al mercato”, ha affermato il ministro delle Infrastrutture ucraino Oleksandr Kobrakov.

Lunedì, l’Autorità dei porti marittimi ucraini ha dichiarato che 68 navi sono attraccate nei porti ucraini con 1,2 milioni di tonnellate di merci a bordo, di cui due terzi sono cibo.

Combatti per un pugno forte

Da quando la Russia ha invaso l’Ucraina in quella che Putin ha definito una “operazione militare speciale”, il conflitto si è trasformato in una guerra di logoramento che è stata in gran parte combattuta nell’Ucraina orientale e meridionale.

Mosca sta cercando di controllare la regione del Donbass, in gran parte di lingua russa, che comprende le province di Luhansk e Donetsk, dove i separatisti filo-mosca hanno sequestrato il territorio dopo che il Cremlino ha annesso la Crimea a sud nel 2014.

READ  Ultime notizie sulla guerra tra Russia e Ucraina e Zelensky: aggiornamenti in tempo reale

Venerdì, l’agenzia di stampa russa TASS ha citato le forze separatiste dicendo che loro e le forze russe avevano preso il controllo completo di Pesky nella regione di Donetsk, un villaggio fortificato controllato dalle forze ucraine e situato vicino alla città di Donetsk che è nelle mani del russo- forze separatiste appoggiate.

Ma il consigliere presidenziale ucraino Oleksiy Aristovich ha detto: “Ci sono poche prove di qualsiasi movimento qui. Loro (i russi) hanno cercato di avanzare ma hanno fallito”.

L’Ucraina ha trasformato il villaggio in una roccaforte, considerandolo una zona cuscinetto contro le forze sostenute dalla Russia che controllano la città di Donetsk, a circa 10 chilometri a sud-est.

TASS ha anche affermato che i combattimenti si stavano svolgendo nella città di Bakhmut, a nord di Donetsk, il prossimo obiettivo principale della Russia.

Aristovich ha detto che le forze ucraine hanno riconquistato due villaggi vicino a Izyum nella regione di Kharkiv, che confina con la Russia, e stanno avanzando verso un terzo villaggio.

La Reuters non è stata in grado di verificare le affermazioni di nessuna delle parti sugli sviluppi sul campo di battaglia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting da parte degli uffici Reuters. Scritto da Nick McPhee, Angus McSwan e Daphne Psalidakis; Montaggio di Mark Heinrich e Grant McCall

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.