I prezzi delle case sono scesi a un ritmo record a giugno, secondo la società di dati sugli alloggi

Un cartello davanti a una casa in vendita il 14 luglio 2022 a San Francisco, California. Il numero di case in vendita negli Stati Uniti è aumentato del 2% a giugno per la prima volta dal 2019.

Justin Sullivan | Getty Images

L’aumento dei tassi ipotecari e l’inflazione nell’economia in generale hanno fortemente abbassato la domanda di alloggi a giugno, costringendo i prezzi delle case a raffreddarsi.

I prezzi delle case sono ancora più alti rispetto a un anno fa, ma i guadagni sono rallentati al ritmo più veloce di sempre a giugno, secondo Black Knight, una società di software, dati e analisi dei mutui che ha iniziato a monitorare quella metrica all’inizio degli anni ’70. Il tasso annuo di aumento dei prezzi è diminuito di due punti percentuali dal 19,3% al 17,3%.

L’aumento dei prezzi rimane forte a causa dello squilibrio tra domanda e offerta. Il mercato immobiliare soffre da anni di gravi carenze. La forte domanda durante la pandemia di coronavirus l’ha esacerbata.

Anche quando i prezzi delle case sono crollati drasticamente durante la recessione del 2007-2009, il rallentamento più forte in un mese è stato di 1,19 punti percentuali. Non ci si aspetta che i prezzi scendano a livello nazionale, data la forza del mercato immobiliare in generale, ma certamente i tassi ipotecari più elevati lo fanno.

Il tasso medio dei mutui a tasso fisso a 30 anni ha superato oltre il 6% a giugno, secondo Daily Mortgage News. Da allora è tornato all’intervallo inferiore del 5%.ma è ancora ben al di sopra della fascia del 3% all’inizio di quest’anno.

“Il rallentamento è stato diffuso tra i primi 50 mercati della metropolitana, con alcune aree che hanno visto un raffreddamento più pronunciato”, ha affermato Ben Grabowski, presidente di Black Knight Data & Analytics. “In effetti, il 25% dei principali mercati statunitensi ha visto un rallentamento della crescita di tre punti percentuali a giugno, con un rallentamento di quattro punti percentuali o più solo in quel mese”.

READ  L'indice Dow Jones cade dopo il sell-off del mercato azionario; Apple, una goccia di Tesla

Tuttavia, sebbene questo sia stato il raffreddamento più forte mai registrato a livello nazionale, il mercato avrebbe dovuto vedere altri sei mesi di questo tipo di rallentamento affinché la crescita dei prezzi tornasse alle medie di lungo termine, secondo Graboske. Egli stima che occorrono circa cinque mesi perché gli effetti dei tassi di interesse si riflettano pienamente sui prezzi delle case.

I mercati con i cali maggiori sono quelli che in precedenza avevano i prezzi più alti del Paese. I prezzi medi delle case a San Jose, in California, sono scesi del 5,1% negli ultimi due mesi, il calo più grande di qualsiasi mercato importante. Ciò ha ridotto di $ 75.000 il prezzo.

A Seattle, i prezzi sono scesi del 3,8% negli ultimi due mesi, pari a $ 30.000. San Francisco, San Diego e Denver sono vicini ai primi cinque mercati con le maggiori riduzioni di prezzo.

Il calo dei prezzi coincide con un forte aumento dell’offerta di case in vendita, in crescita del 22% negli ultimi due mesi, secondo Black Knight. Tuttavia, lo stock è ancora del 54% inferiore ai livelli del 2017-2019.

“Con una carenza nazionale di oltre 700.000 quotati, ci vorrà più di un anno di questi aumenti record prima che i livelli delle azioni tornino completamente alla normalità”, ha affermato Grabowski.

Il calo dei prezzi non influirà sul proprietario medio di una casa tanto quanto lo fa durante La Grande RecessionePerché i proprietari di case di oggi hanno un’equità molto maggiore. IPO limitate e diversi anni di aumenti aggressivi dei prezzi hanno spinto il patrimonio immobiliare a livelli record.

Nonostante ciò, la forte domanda del mercato ultimamente potrebbe essere un problema per alcuni. Circa il 10% degli immobili ipotecati è stato acquistato nell’ultimo anno, quindi prezzi più bassi potrebbero causare un calo significativo delle posizioni azionarie di alcuni mutuatari.

READ  Musk Pivots Boring Company dà la priorità al Texas e alla Florida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.