I Paesi Bassi affermano che una spia russa è stata catturata mentre cercava di infiltrarsi nella Corte penale internazionale

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Le autorità olandesi hanno dichiarato giovedì di aver rifiutato l’ingresso a una spia russa travestita da brasiliana per infiltrarsi nella Corte penale internazionale, poiché le autorità hanno ipotizzato che stesse cercando di accedere alle informazioni relative alle indagini della Corte penale internazionale su presunti crimini di guerra russi.

Le autorità hanno detto degli eventi di aprile che la presunta spia è stata “riportata in Brasile con il primo volo in partenza”.

Il General Intelligence and Security Service, l’agenzia di controspionaggio olandese, conosciuta con l’acronimo olandese AIVD, ha diffuso i dettagli del complotto in Comunicato stampa eccezionale Ci ricorda più un romanzo di spionaggio che una dichiarazione del governo.

L’AIVD ha detto che un 33enne presunto cittadino brasiliano di nome Victor Muller-Ferreira si è recato nei Paesi Bassi dal Brasile per iniziare uno stage presso la Corte penale internazionale dell’Aia – tranne per il fatto che il vero nome dell’uomo era Sergei Vladimirovich Cherkasov, che aveva 36 anni – un ufficiale dell’intelligence russa che aveva un anno, secondo l’agenzia.

Cherkasov, travestito da Muller Ferreira, “ha usato un’identità di copertura ben costruita con la quale ha nascosto tutte le sue relazioni con la Russia in generale, e il GRU [Russia’s intelligence directorate] In particolare, «secondo l’AIVD, che ha diffuso copia del documento Dettagli identificativi di copertina dettagliati per l’uomo.

Quel documento di quattro pagine, apparentemente scritto dalla spia in persona nel tentativo di memorizzare i dettagli della sua storia di copertina, includeva lunghe descrizioni di una complessa storia familiare oltre frontiera e dettagli banali sull’affitto in diverse città, cotte di insegnanti e musica di estasi preferita . Discoteca a Brasilia.

READ  L'Ucraina si fida della mediazione israeliana, nega di aver consigliato a Bennett di arrendersi alla Russia

Il documento originale, probabilmente scritto a metà del 2010, era in portoghese e conteneva notevoli errori grammaticali. È stato modificato dalle autorità olandesi per rimuovere le informazioni identificative per le persone non coinvolte nelle attività di intelligence di Cherkasov.

“Questa è stata un’operazione GRU di lunga durata e pluriennale che è costata molto tempo, energia e denaro”, il capo dell’agenzia di intelligence olandese, Eric Ackerbom Raccontare Reuters.

Sembra anche che Cherkasov abbia ingannato almeno un’istituzione accademica negli Stati Uniti.

Eugene Finkel, professore associato di affari internazionali alla Johns Hopkins University ed esperto di genocidio, Giovedì ha scritto su Twitter Sapeva che il ragazzo che pensava fosse Muller Ferreira. Gli scrisse persino una lettera di raccomandazione per la formazione presso la Corte penale internazionale.

“Dato il mio obiettivo di ricerca, aveva senso. Gli ho scritto una lettera. Davvero potente. Sì, lo sono. Ho scritto una lettera di riferimento per un ufficiale del GRU. Non supererò mai questo fatto”, ha scritto Finkel.

In una dichiarazione inviata via e-mail, la portavoce dell’azienda Sonia Rubla ha affermato che le autorità olandesi hanno informato la corte sul processo.

“L’ICC prende sul serio queste minacce e continuerà a lavorare e cooperare con i Paesi Bassi”, ha affermato Robla.

Cherkasov avrebbe dovuto iniziare uno stage presso la Corte penale internazionale, dove l’intelligence olandese ha affermato di aver cercato informazioni sulle indagini in corso sulle accuse di crimini di guerra russi commessi in Ucraina e Georgia nel 2008.

“Se l’ufficiale dell’intelligence fosse riuscito ad ottenere l’accesso come stagista all’ICC, sarebbe stato in grado di raccogliere informazioni lì, cercare (o reclutare) fonti e organizzare l’accesso ai sistemi digitali dell’ICC”, ha affermato l’AIVD. .

READ  Alti funzionari statunitensi Harris e Blinken negli Emirati Arabi Uniti dopo la morte del leader | Notizia

Per questo motivo, afferma la dichiarazione, si trattava di “potenzialmente un rischio molto significativo” per la sicurezza dei Paesi Bassi, ed è stato restituito al Brasile alla prima occasione.

L’AIVD ha affermato di aver collaborato con l’intelligence militare olandese, o MIVD, e altri partner “per mitigare qualsiasi potenziale danno alla sicurezza nazionale e alla sicurezza e all’incolumità delle organizzazioni internazionali”. L’agenzia ha affermato di aver informato le autorità olandesi per l’immigrazione, nonché la Corte penale internazionale.

La Russia ha una lunga storia con la corte. Mosca ha firmato ma non ratificato lo Statuto di Roma del 1998 che ha creato la Corte penale internazionale. La CPI ha anche avviato indagini sull’invasione russa dell’Ossezia meridionale in Georgia nel 2008 e successivamente ha dichiarato la Russia una potenza occupante in Crimea dopo l’invasione del 2014, spingendo Mosca a ritirare la sua firma per protesta.

Pochi giorni dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, ha affermato il procuratore della Corte penale internazionale Karim Khan annunciare Aprirà un’indagine su possibili crimini contro l’umanità e crimini di guerra in Ucraina.

Timsett ha riferito da Londra e Taylor da Washington.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.