I muri invisibili nello spazio possono spiegare un problema che ha sconcertato gli scienziati

Una delle maggiori sfide alla nostra tradizionale comprensione dell’universo è il cosiddetto “problema del disco satellitare”. In sostanza, gli scienziati sono confusi sul fatto che galassie più piccole orbitino attorno a galassie più grandi in piani sottili e piatti piuttosto che nelle orbite caotiche che ci si aspetterebbe dal modello lambda della materia oscura fredda (ΛCDM), il “modello di grande successo” che determina il modo in cui osserviamo lo spazio .

Per aggirare questo problema, gli scienziati ora presumono che particelle chiamate “simmetrie” generino pareti invisibili nello spazio, che gli astronomi chiamano “pareti di campo”. Questo a sua volta crea quella che gli astronomi Aneesh Naik e Clare Burrage dell’Università di Nottingham descrivono come una potenziale “quinta forza” in fisica.

Gli scienziati pensano di poter avere una spiegazione del motivo per cui galassie più piccole orbitano attorno a galassie più grandi su oggetti piatti. Credito immagine: libreria di foto e video della NASA

A Nuovo articolo trovato quicome menzionato prima BGR, la coppia ha affermato di essere stata in grado di dimostrare l’effetto utilizzando “una semplice simulazione di un modello di gioco che include satelliti puntiformi e un muro di campo infinito”. La nuova teoria è degna di nota perché spiega il problema del disco del satellite senza eliminare la materia oscura.

La materia oscura è materia non luminosa che rappresenta circa l’85% della materia nell’universo. Può assumere molte forme, dalle particelle che interagiscono debolmente alle particelle ad alta energia che si muovono casualmente create all’indomani del Big Bang.

La materia oscura non è ancora ben compresa dagli scienziati. Di recente, gli scienziati sono rimasti sconcertati da una galassia diffusa che sembrava priva di materia oscura. Come gran parte del resto dell’universo, la sua vera natura rimane un mistero.

READ  Ganimede proietta un'enorme ombra su Giove in una nuova straordinaria immagine della navicella spaziale Juno della NASA

Nel frattempo, gli scienziati continueranno a studiare il potenziale della “simmetria” con simulazioni più dettagliate. Per ulteriori notizie scientifiche, dai un’occhiata a come la NASA prevede di utilizzare Unreal Engine 5 per preparare gli astronauti per Marte, oltre a come i fossili scoperti di recente rivelano i modi in cui i cani antichi differivano dai nostri fedeli compagni.

Credito immagine del blog: Libreria di foto e video della NASA

Kat Bailey è Senior News Editor di IGN e co-conduttrice di Nintendo Voice Chat. Hai un consiglio? Mandale un messaggio direttamente a the_katbot.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.