I missili russi hanno colpito l’Ucraina, dice Kiev

  • L’Ucraina afferma che la Russia sta effettuando bombardamenti su larga scala
  • Una fabbrica chimica è stata bombardata, dove sono rimasti intrappolati i civili
  • Le forze ucraine si ritirano da Severodonetsk
  • Decine di missili hanno colpito le basi militari ucraine

Kiev (Reuters) – I missili russi sono caduti sabato sull’Ucraina, colpendo installazioni militari nell’ovest e nel nord, nonché una città del sud nel più grande conflitto terrestre d’Europa dall’inizio del quinto mese della seconda guerra mondiale.

Gli attacchi aerei e di artiglieria russi hanno bombardato venerdì le città di Severodonetsk e Lysechansk nella regione orientale di Luhansk, ha detto un funzionario ucraino, colpendo una fabbrica chimica in cui erano intrappolati centinaia di civili.

L’Ucraina ha detto venerdì che alle sue forze è stato ordinato di ritirarsi da Severodonetsk con poco da difendere dopo settimane di aspri combattimenti, nel più grande capovolgimento per l’Ucraina dalla perdita del porto di Mariupol a maggio.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La notizia del ritiro è arrivata quattro mesi fa, da quando il presidente russo Vladimir Putin ha inviato decine di migliaia di soldati attraverso il confine, innescando un conflitto che ha ucciso migliaia di persone, sfollato milioni di persone e sconvolto l’economia globale.

“48 missili da crociera. Di notte. In tutta l’Ucraina”, ha detto su Twitter un consigliere del presidente ucraino Mikhailo Podolyak. La Russia sta ancora cercando di intimidire l’Ucraina, creare panico e spaventare le persone”.

I recenti sviluppi russi sembrano aver avvicinato Mosca al pieno controllo di Luhansk, uno degli obiettivi di Putin, e stanno aprendo la strada a Lyschansk per diventare il prossimo obiettivo principale.

Ci vorrà un’altra settimana e mezza per assicurarsi il pieno controllo di Lyschansk, ha detto all’agenzia di stampa russa TASS Vitaly Kiselev, un funzionario del ministero dell’Interno della Repubblica popolare separatista di Luhansk – riconosciuta solo dalla Russia.

READ  La Lituania afferma che le sanzioni sulle merci dirette a Kaliningrad sono in vigore

Serhiy Gaidai, governatore della regione di Luhansk, ha affermato che le forze russe hanno attaccato il distretto industriale di Severodonetsk e hanno anche cercato di entrare e assediare Lysechansk sabato.

“C’è stato un raid aereo su Lysychansk. Sievierdonetsk è stata bombardata”, ha detto Gidayi sull’app di messaggistica Telegram, aggiungendo che l’impianto chimico Azot a Sievierdonetsk e i villaggi di Synetsky, Pavlograd e altri sono stati bombardati.

Non ha menzionato le vittime nell’impianto di azoto e la Reuters non ha potuto verificare immediatamente le informazioni. Gidai ha detto che ufficiali di polizia, soccorritori e volontari hanno evacuato 17 persone venerdì da Lyschansk.

strutture militari

Kharatin Starsky, l’addetto stampa della Brigata della Guardia Nazionale ucraina, ha dichiarato sabato in TV che il flusso di informazioni sul ritiro da Severodonetsk è stato ritardato per proteggere le truppe a terra.

“Negli ultimi (diversi) giorni, è stata condotta un’operazione per ritirare le nostre forze”, ha detto Starsky.

La Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio in quella che ha descritto come una “operazione militare speciale”, ma ha abbandonato un’avanzata anticipata nella capitale Kiev di fronte alla feroce resistenza dei combattenti ucraini con l’aiuto delle armi occidentali.

Da allora, Mosca e i suoi delegati si sono concentrati sul sud e sul Donbass, una regione orientale composta da Luhansk e dalla vicina Donetsk, e hanno schierato artiglieria schiacciante. Leggi di più

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato sabato di temere che l’Ucraina possa subire pressioni per concordare un accordo di pace con la Russia. Johnson ha affermato che le conseguenze del percorso di Putin in Ucraina sarebbero pericolose per la sicurezza internazionale e sarebbero un disastro economico a lungo termine. Leggi di più

READ  Wordle 334 19 maggio Suggerimenti - Lottando con Wordle oggi? TRE INDIZI PER AIUTARE A RISPONDERE | giochi | intrattenimento

Lo stato maggiore delle forze armate ucraine ha affermato che sabato la Russia ha lanciato di nuovo missili contro infrastrutture militari e civili nel nord, vicino alla seconda città più grande dell’Ucraina, Kharkiv, fino a Severodonetsk a est.

Diversi governatori regionali hanno riferito che le città in tutta l’Ucraina sono state bombardate sabato.

La Russia nega di prendere di mira i civili. Kiev e l’Occidente affermano che le forze russe hanno commesso crimini di guerra contro i civili.

Il governatore della regione di Leopoli nell’Ucraina occidentale, Maxim Kozytsky, ha dichiarato in un video pubblicato su Internet che sei missili sono stati lanciati dal Mar Nero alla base di Yavoriv vicino al confine con la Polonia. Quattro hanno colpito il bersaglio mentre due sono stati distrutti.

Vitaly Punchko, governatore della regione di Zhytomyr nel nord del Paese, ha affermato che gli attacchi a un obiettivo militare hanno ucciso almeno un soldato.

“Quasi 30 missili sono stati lanciati contro una struttura di infrastrutture militari vicino alla città di Zhytomyr”, ha detto Panishko, aggiungendo che quasi 10 missili sono stati intercettati e distrutti.

Nel sud, Oleksandr Senkevich, sindaco di Mykolaiv vicino al Mar Nero, ha detto che cinque missili da crociera hanno colpito la città e le aree vicine sabato. Viene indicato il numero delle vittime.

“Operazioni di annullamento organizzate”

Venerdì l’Ucraina ha insistito di nuovo per più armi, con il suo generale Valery Zaluzhny che ha detto alla sua controparte statunitense in una telefonata che Kiev aveva bisogno di una “parità focosa” con Mosca per stabilizzare la situazione a Luhansk. Leggi di più

READ  L'India ha avuto mesi di caldo soffocante e questa settimana diventerà ancora più calda

Oleksiy Aristovich, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha affermato che anche i soldati ucraini si sono ritirati a sud di Severodonetsk dalle città di Hersk e Zolot di fronte alla schiacciante forza russa.

Il ministro degli Esteri ucraino ha minimizzato la potenziale perdita di più territorio nel Donbass.

“Putin voleva occupare il Donbass entro il 9 maggio. Siamo (là) il 24 giugno e stiamo ancora combattendo. Ritirarsi da alcune battaglie non significa affatto perdere la guerra”, ha detto Dmytro Kuleba in un’intervista al quotidiano italiano Corriere della. Sera.

Il ministero della Difesa britannico ha dichiarato sabato che la Russia probabilmente ha ritirato diversi generali da posizioni chiave di leadership nel conflitto in Ucraina questo mese.

La guerra ha avuto un enorme impatto sull’economia globale e sulle disposizioni di sicurezza europee, facendo salire i prezzi di gas, petrolio e cibo, spingendo l’Unione Europea a ridurre la sua pesante dipendenza dall’energia russa e spingendo Finlandia e Svezia a cercare l’adesione alla NATO.

L’Occidente ha imposto un pacchetto di sanzioni senza precedenti alla Russia, alle sue principali società e alla sua élite politica e imprenditoriale in risposta all’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

In un importante segno di sostegno, i leader dell’UE questa settimana hanno approvato la candidatura formale dell’Ucraina ad entrare nel blocco, una decisione che la Russia ha affermato venerdì equivaleva alla “riduzione in schiavitù” dell’UE dei paesi vicini. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting da parte degli uffici Reuters. scrittura di Michael Berry; Montaggio di Sam Holmes, Edwina Gibbs e David Clarke

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.