I manifestanti iracheni prendono d’assalto il parlamento, denunciando la nomina di un nuovo primo ministro

Muhammad Shiaa al-Sudani è stato formalmente nominato lunedì alla guida del Paese dal Coordination Framework, la più grande alleanza sciita nel parlamento iracheno.

La sua nomina ha seguito le dimissioni di massa del blocco parlamentare di Sadr, un gruppo di oltre 70 legislatori che si sono ritirati dal consiglio di governo il mese scorso in un’apparente dimostrazione di forza dopo mesi di stallo politico.

L’Iraq ha lottato per formare un nuovo governo Dalle elezioni parlamentari di ottobre; I tentativi di Al-Sadr di formare un governo hanno vacillato in passato tra l’opposizione dei blocchi rivali.

Ha aggiunto: “Se la massa toracica rimane, [in parliament] “Un ostacolo nel modo di formare un governo, tutti i deputati del blocco sono onorevolmente pronti a dimettersi dal parlamento”, ha detto Sadr in un discorso televisivo a giugno.

Il religioso, che si schiera contro l’Iran e gli Stati Uniti, è molto popolare. Il successo del suo blocco al voto di ottobre ha minacciato di emarginare i blocchi sciiti allineati all’Iran che avevano a lungo dominato la politica del paese ricco di petrolio.

Mercoledì, Al-Sadr ha detto ai manifestanti nell’edificio del parlamento che il loro “messaggio” era stato ricevuto e che avrebbero dovuto tornare a casa.

“Una rivoluzione di riforma e rifiuto dell’ingiustizia e della corruzione. Il tuo messaggio è arrivato. Hai terrorizzato i corrotti. Prega e torna a casa sano e salvo”, ha scritto su Twitter.

Anche il governo del Primo Ministro uscente, Mustafa Al-Kazemi, ha rilasciato una dichiarazione invitando i manifestanti sadristi a “ritirarsi immediatamente dalla Green Zone”, preservare la proprietà pubblica e privata e attenersi alle istruzioni delle forze di sicurezza.

Al-Kazemi ha aggiunto che “le forze di sicurezza si impegneranno a proteggere le istituzioni statali e le missioni internazionali ea prevenire qualsiasi perturbazione della sicurezza e dell’ordine”.

READ  La giunta militare del Myanmar trasforma il processo di Aung San Suu Kyi in una prigione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.