I leader finlandesi dichiarano il loro sostegno all’adesione alla NATO

Era prevista una dichiarazione di sostegno della NATO da parte del presidente Sauli Niinisto e del primo ministro Sanna Marin, dopo che il governo finlandese ha recentemente presentato al parlamento del paese un rapporto sulla sicurezza nazionale che ha delineato il percorso per l’adesione all’alleanza come Una delle opzioni è la Finlandia.

Nella dichiarazione congiunta, Niinistö e Marin hanno affermato: “L’adesione alla NATO rafforzerà la sicurezza della Finlandia. In quanto membro della NATO, la Finlandia rafforzerà l’intera alleanza di difesa. La Finlandia deve presentare domanda per l’adesione alla NATO senza indugio. Ci auguriamo che siano ancora necessarie misure nazionali per raggiungere questa decisione sarà presa.” rapidamente entro i prossimi giorni.”

Più tardi giovedì, il ministero degli Esteri russo ha affermato che la dichiarazione finlandese rappresentava un “cambiamento fondamentale nella politica estera del paese” e ha messo in guardia contro le contromisure.

“Helsinki dovrebbe essere consapevole della responsabilità e delle conseguenze di una tale mossa”, ha affermato il ministero.

Il ministero ha affermato che il possibile ingresso della Finlandia nella NATO danneggerebbe gravemente le relazioni bilaterali russo-finlandesi, che mantengono stabilità e sicurezza nella regione dell’Europa settentrionale.

Ha aggiunto che “la Russia dovrà adottare misure di ritorsione, militari, tecniche e altro, al fine di fermare le minacce alla sua sicurezza nazionale che sorgono a questo proposito”.

Sempre giovedì, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che l’ingresso della Finlandia nell’alleanza non contribuirebbe a una maggiore sicurezza.

“Come abbiamo detto molte volte prima, l’espansione della NATO non rende il mondo più stabile e sicuro”, ha detto Peskov ai giornalisti. Ha aggiunto che la risposta della Russia dipenderà dall’attività della NATO vicino ai suoi confini.

READ  Notizie Biden oggi: il presidente scherza sui "bei vecchi tempi" con Obama mentre mette in pausa il debito del prestito studentesco per la sesta volta

“Dipenderà da cosa comporta questo processo di espansione, da quanto siamo vicini ai nostri confini, da quanto sono vicine le infrastrutture militari”, ha detto Peskov.

Il portavoce ha aggiunto che la Russia analizzerà la situazione con l’adesione della Finlandia alla NATO e adotterà le misure necessarie per garantirne la sicurezza.

Come ha detto Peskov ai giornalisti in una normale teleconferenza: “Tutti vogliono evitare uno scontro diretto tra Russia e NATO: sia Russia che NATO e, soprattutto, Washington”. Ma ha aggiunto che la Russia sarebbe pronta a fornire la “risposta più decisiva” a coloro che cercheranno di prendere parte alla “operazione militare speciale” del Paese in Ucraina – l’eufemismo ufficiale del Cremlino per la guerra russa lì.

Dall’invasione russa dell’Ucraina a febbraio, il sostegno popolare all’adesione alla NATO in Finlandia è balzato da circa il 30% a quasi l’80% in alcuni sondaggi di opinione.

La mossa richiederebbe l’approvazione del parlamento finlandese e la rimozione di qualsiasi altro ostacolo legislativo interno, ma il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che il paese sarebbe “accolto calorosamente” nell’alleanza se avesse presentato domanda di adesione.

“Accolgo con favore la dichiarazione congiunta fatta dal presidente Niinisto e dal primo ministro Marin sul sostegno senza indugio alla domanda di adesione alla NATO”, ha detto giovedì Stoltenberg, secondo il suo ufficio.

“Questa è una decisione sovrana della Finlandia e la NATO la rispetta pienamente. Se la Finlandia deciderà di presentare domanda, sarà accolta calorosamente nella NATO e il processo di adesione sarà agevole e veloce. La Finlandia è uno dei partner più stretti della NATO, una democrazia matura , un membro dell’Unione Europea e un importante contributo alla sicurezza euro-atlantica”.

READ  L'Ucraina afferma che "piccoli cambiamenti positivi" sono stati fatti nei colloqui diretti con la Russia il dodicesimo giorno del devastante attacco e invasione di Putin

Il capo della NATO ha affermato di essere d’accordo, con Niinistö e Marin, che “l’adesione alla NATO migliorerà la sicurezza sia della NATO che della Finlandia”.

Si prevede inoltre che la Svezia, il vicino occidentale della Finlandia, annuncerà presto la sua intenzione di aderire all’alleanza attraverso un processo simile.

La Russia ha precedentemente messo in guardia entrambi i paesi dall’adesione alla NATO, dicendo che ci sarebbero state delle conseguenze.

I diplomatici europei e i funzionari della sicurezza ritengono ampiamente che la Finlandia possa aderire rapidamente all’alleanza una volta avviati i negoziati, poiché da decenni acquista hardware militare compatibile con i suoi alleati occidentali, inclusi gli Stati Uniti, e soddisfa già molti criteri di adesione.

L’adesione della Finlandia alla NATO avrà conseguenze sia pratiche che simboliche per la Russia e l’alleanza occidentale.

Dalla fine della seconda guerra mondiale, la Finlandia è stata militarmente disallineata e nominalmente neutrale Per evitare di provocare la Russia. A volte ha condonato le preoccupazioni per la sicurezza del Cremlino e ha cercato di mantenere buoni rapporti d’affari.

Tuttavia, la guerra in Ucraina ha cambiato abbastanza i calcoli che l’adesione alla NATO ora sembra essere il modo migliore per andare avanti, indipendentemente dalla reazione della Russia.

I funzionari della difesa europea che hanno parlato con la CNN negli ultimi mesi presumono che i paesi della NATO offriranno alcune garanzie sulla sicurezza della Finlandia durante il processo di adesione, nel caso in cui la Russia si vendichi prima di aderire formalmente.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato mercoledì nuovi accordi di sicurezza con Finlandia e Svezia, promettendo assistenza a entrambi i paesi se uno di loro viene attaccato.

READ  Funzionari affermano che l'intelligence statunitense ha aiutato l'Ucraina ad affondare l'ammiraglia russa Moskva

Storicamente, la Finlandia ha avuto spese per la difesa elevate e ha ancora una politica di coscrizione, in cui tutti gli uomini adulti possono essere chiamati al servizio militare. È ampiamente accettato tra i funzionari della NATO che l’ingresso della Finlandia nell’alleanza sarebbe una spinta importante di fronte all’aggressione russa a causa della serietà storica con cui il paese ha preso sul serio la propria sicurezza.

Condivide anche più di 800 miglia di confine con la Russia, il che è significativo poiché il Cremlino ha dichiarato prima dell’invasione dell’Ucraina che voleva vedere la NATO riportare i suoi confini al punto in cui si trovavano negli anni ’90.

In alternativa, le manovre del presidente Vladimir Putin potrebbero portare a un più forte riavvicinamento alla NATO.

Anna Chernova, Niamh Kennedy, Ulyana Pavlova, Radina Zhigova e James Frater della CNN hanno contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.