I lavoratori migranti salvano la Germania. Il Paese sta evitando la crisi dei camionisti come nel Regno Unito

La Germania, la più grande economia d’Europa, è protetta dalle difficoltà logistiche dalla Gran Bretagna, secondo l’Istituto tedesco per la ricerca economica. Bloomberg.

Secondo l’Istituto di economia tedesca (IW) di Colonia, le aziende di immigrati qualificati svolgono un ruolo importante nella localizzazione dei dipendenti in posizioni difficili, in particolare i conducenti di camion.

Nel Regno Unito, al contrario, la Brexit ha esacerbato le interruzioni nelle catene di approvvigionamento interrompendo l’accesso ai lavoratori nell’UE.

“Scaffali vuoti nei supermercati e niente cuscini all’Ikea: la vita quotidiana nel Regno Unito non è praticata in Germania. La crisi del lavoro sarebbe stata molto più drammatica se non fosse stato per gli immigrati”, affermano Helen Hickman, economista di IW.

Le stime dei ricercatori di IW mostrano che la percentuale di lavoratori migranti che lavorano in aree ad alto salario è aumentata dal 19% nel 2013 al 49% nel 2019. Dal 25% al ​​52%, scrive Bloomberg, citato da Agerpres.

L’occupazione competente più comune per gli immigrati entro il 2020 era il camionista, con più di 130.000 conducenti, ovvero un quarto del totale.

Leggi anche: La Germania cerca 80.000 camionisti, la Gran Bretagna – 100.000. Un rumeno ha detto perché i giovani non vogliono fare questo lavoro

Autore: A.A.

READ  Meteo 12 gennaio - Temperature più basse in tutto il paese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *