I grandi squali bianchi potrebbero aver spazzato via Megalodon

Tuttavia, è possibile che due specie di squali, che un tempo coesistevano, abbiano catturato alcune delle stesse prede. Un nuovo studio ha suggerito che questa competizione potrebbe essere una delle ragioni per l’estinzione del megalodonte di 65 piedi (20 metri).

Per raggiungere questo risultato, i ricercatori coinvolti nello studio hanno utilizzato una nuova tecnica. Hanno analizzato le firme alimentari nei denti di 13 specie di squali estinte e 20 specie di squali moderni per capire dove si inseriscono nella catena alimentare, nota anche come livello trofico.

“Megalodon è solitamente raffigurato come uno squalo enorme e di dimensioni orribili nei romanzi e nei film, ma la verità è che sappiamo ancora molto poco dello squalo estinto”, ha affermato l’autore dello studio Kensho Shimada, professore di paleobiologia alla DePaul University di Chicago. Associato di ricerca presso il Museo di Storia Naturale di Sternberg in Kansas.

“Il nostro nuovo studio mostra che la gamma alimentare del grande squalo bianco nel Pliocene inferiore è molto simile a quella del megalodonte, indicando che i nostri dati non contraddicono l’ipotesi della concorrenza”, ha detto via e-mail.

I ricercatori sono stati in grado di raccogliere queste informazioni osservando la presenza di diversi isotopi, o varianti, dell’elemento chimico zinco conservato negli squali. Smalto dei denti.

Lo zinco è essenziale per gli organismi viventi e svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo delle ossa. Il rapporto tra isotopi di zinco pesanti e leggeri nei denti tiene traccia del tipo di materia animale mangiata dagli squali.

“Gli isotopi di zinco possono essere utilizzati come indicatori ambientali perché il rapporto tra questi due diversi isotopi cambia man mano che si sale nella catena alimentare”, ha affermato il coautore Michael Griffiths, geochimico e professore presso il Dipartimento di scienze ambientali. alla William Paterson University nel New Jersey.

L'autore principale Jeremy McCormack, un ricercatore post-dottorato presso il Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology in Germania, ha isolato lo zinco da campioni di denti di squalo in un laboratorio pulito e privo di metalli.

Ad esempio, se il megalodon mangiasse i grandi squali bianchi, la sua posizione più alta nella catena alimentare si rifletterebbe nella registrazione isotopica. Ma lo studio ha trovato entrambi i tipi Alcuni si sovrappongono, indicando che condividevano prede simili. Tuttavia, gli autori avvertono di non poter escludere il megalodon che preda grandi uova, dato che i valori dei suoi isotopi, in particolare un parente del Megalodon, chiamato Chupotensis megalodon, valevano meno di qualsiasi vertebrato marino moderno e fossile che abbia stato misurato..

Un uomo ha trovato i denti di Megalodon a tre settimane di distanza.  Più recentemente grazie a Tropical Storm Elsa

L’alimentazione allo stesso livello trofico non implica necessariamente la competizione diretta tra gli squali megalodonti e i grandi squali bianchi per la stessa preda, poiché entrambe le specie si sarebbero specializzate su prede diverse. Tuttavia, lo studio ha affermato che è probabile almeno una sovrapposizione di nutrienti tra i due tipi.

READ  Una nuova scoperta afferma che il buco nero più vicino alla Terra non è affatto un buco nero

Griffiths ha detto via e-mail.

ricerca È stato pubblicato martedì su Nature Communications.

Questo studio è stata la prima volta che la conservazione degli isotopi di zinco associati alla dieta è stata dimostrata nei denti di squali fossilizzati.

Una tecnica simile, che utilizza gli isotopi dell’azoto per studiare le firme nutrizionali di altri gruppi di animali, è ben consolidata, afferma lo studio. Tuttavia, l’azoto nella dentina non è conservato abbastanza bene per studiare gli animali che si sono estinti milioni di anni fa.

La tecnica che utilizza gli isotopi di zinco può essere applicata ad altri animali estinti per comprenderne la dieta e l’ecologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.