I dissidenti del Cremlino Kasparov e Khodorkovsky richiamano l’attenzione sul divieto di visto dell’UE per i cittadini russi

Due dei più importanti oppositori russi del governo del Cremlino, l’ex magnate del petrolio Mikhail Khodorkovsky e l’ex campione di scacchi Garry Kasparov, giovedì hanno avvertito l’Unione europea di un divieto generale per i cittadini russi di entrare nel blocco, mentre Mosca ha criticato la decisione di sospensione dell’UE. Secondo l’accordo di facilitazione del visto, Agerpres, DPA.

I due oppositori in esilio hanno detto in una conferenza stampa nella capitale lituana di Vilnius che un arresto completo del rilascio dei visti turistici chiuderebbe la porta ai russi che non supportano la guerra in Ucraina, ha riferito l’agenzia di stampa PNS.

Khodorkovsky ha affermato che la questione determinerà anche la direzione della Russia dopo la fine del governo di Vladimir Putin.

“Dipende in gran parte da quale modello vedrà la generazione più giovane di russi. Perché questo esempio sia europeo, dobbiamo lavorare con questa generazione più giovane”, ha detto l’ex oligarca caduto in disgrazia presso il Cremlino.

“Dobbiamo restare in contatto con questi russi. Non possiamo metterli da parte, perché tutto ciò che accadrà domani nel nostro comune continente europeo dipende da loro”, ha aggiunto.

A Mosca, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha criticato la decisione dell’UE, definendola “contraddittoria” e “tante assurdità”, ha riferito l’agenzia russa Interfax.

Ritirarsi dall’accordo pre-2007 renderebbe la situazione ancora più difficile per gli europei, ha detto Peskov senza approfondire.

L’Unione Europea ha deciso mercoledì di sospendere un accordo di facilitazione del visto con Mosca nell’ambito delle sanzioni adottate in seguito alla guerra della Russia in Ucraina.

Questa decisione rende l’iter del visto Ue più complicato, più costoso, più burocratico e allunga i tempi di attesa per l’approvazione, ma non è un divieto assoluto.

READ  Video Attacco a braccia incrociate ucraino: un carro armato russo avvistato da un drone, poi distrutto da terra da un sistema Stukna-B

La mossa arriva dopo le pressioni dei paesi dell’UE confinanti con la Russia per impedire ai cittadini russi di entrare nel blocco con visti Schengen rilasciati da alcuni Stati membri dell’UE.

Passo e…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.