I detriti di un razzo spaziale cinese potrebbero cadere sulla Terra nei prossimi giorni

In questa foto rilasciata da Xinhua, il razzo vettore Long March 5B Y3, che trasportava il modulo Wentian Laboratory, è decollato dal Wenchang Space Launch Center a Wenchang, nella provincia di Hainan nella Cina meridionale, domenica 24 luglio (AP)

I detriti di un missile cinese dovrebbero cadere sulla Terra nei prossimi giorni, con probabilità che i detriti cadano su un’ampia fascia del globo. parte di a Il lungo cammino 5 b Il missile lanciato dalla Cina il 24 luglio tornerà all’ingresso senza supervisione intorno al 31 luglio, secondo Aerospace Corp., un’organizzazione no-profit con sede in California che riceve finanziamenti dagli Stati Uniti.
Il potenziale giacimento di detriti comprende gran parte degli Stati Uniti, nonché Africa, Australia, Brasile, India e sud-est asiatico, secondo una previsione aerospaziale. Tuttavia, la Cina ha respinto le preoccupazioni sul rientro e sull’impatto che potrebbe avere, con i media sostenuti dallo stato che hanno affermato che gli avvertimenti erano semplicemente “uva acerba” da parte di persone risentite per lo sviluppo del paese come potenza spaziale.
“Gli Stati Uniti stanno finendo i modi per fermare lo sviluppo della Cina nel settore dell’aviazione, quindi la diffamazione e la calunnia sono le uniche cose che gli restano”, ha riferito il Global Times, citando un esperto.
La discesa del razzo, che pesa 23 tonnellate, farà parte di quella che secondo i critici è una serie di collisioni incontrollate che evidenziano i pericoli dell’escalation della corsa allo spazio tra Cina e Stati Uniti. “A causa della natura incontrollata della loro discesa, c’è una probabilità diversa da zero che i detriti rimanenti cadano in un’area popolata: oltre l’88% della popolazione mondiale vive sotto l’influenza di potenziali detriti di rientro”, ha affermato l’Aerospace martedì . Nel maggio 2021, pezzi di un altro razzo Long March sono caduti nell’Oceano Indiano, sollevando preoccupazione per il fatto che l’agenzia spaziale cinese ne avesse perso il controllo. “È chiaro che la Cina non riesce a soddisfare gli standard responsabili per quanto riguarda i detriti spaziali”, ha affermato l’amministratore della NASA Bill Nelson.
La Cina ha seguito da vicino la restituzione del coupon migliorato da quando è stato lanciato questa settimana, ha detto mercoledì a Pechino il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian. “È tipico della pratica internazionale che gli stadi superiori dei missili brucino nell’atmosfera terrestre al rientro”, ha detto Zhao. “Sin dalla fase di ricerca e sviluppo del programma di ingegneria spaziale, è stato progettato pensando alla mitigazione dei detriti e al ritorno dall’orbita”. Bloomberg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.