I denti fossili aiutano gli scienziati a scoprire i segreti dei mammiferi | Paleontologia

I paleontologi hanno identificato il primo esempio di mammifero placentare nella documentazione fossile finora, che potrebbe fornire nuove informazioni su come i nostri antenati hanno preso il controllo della Terra dopo l’estinzione dei dinosauri.

Hanno raggiunto questa svolta studiando l’equazione dentale (denti) per gli anelli degli alberi – le linee di crescita e gli elementi conservati nei denti fossili – che hanno usato per ricostruire la vita quotidiana di uno dei nostri primi cugini: Pantulamda BathmodonE il Grasso Una creatura simile a un maiale con cani, trotterellò circa 62 milioni di anni fa, poco dopo l’estinzione dei dinosauri.

Così facendo lo ha rivelato pantombda madri Era incinta di circa sette mesi, prima di dare alla luce un bambino ben sviluppato, con i denti pieni in bocca, e allattato al seno solo per uno o due mesi prima di diventare completamente indipendente.

“Ho studiato i dinosauri per la maggior parte della mia carriera, ma questo progetto sullo sviluppo dei mammiferi è lo studio più eccitante in cui sia mai stato coinvolto, poiché mi ha sorpreso che siamo stati in grado di identificare le impronte chimiche della nascita e dello svezzamento nei denti”. ha detto il professor Stephen Brusatte dell’Università di Edimburgo, che è stato coinvolto nella ricerca, “Sono molto vecchi”.

I mammiferi placentari rappresentano la maggior parte delle specie di mammiferi viventi oggi, dagli umani, ai piccoli toporagni, alle balene giganti. Danno alla luce piccoli relativamente maturi, che hanno fatto gran parte della loro crescita all’interno delle loro madri e si sono nutriti attraverso la placenta.

Sebbene i mammiferi esistessero al tempo dei dinosauri, i mammiferi iniziarono a diversificarsi e a crescere in modo esponenziale fino a quando questi ultimi si estinsero. Un’idea è che la loro capacità di partorire bambini grandi e ben sviluppati precedentemente nutriti dalla placenta sia stata la chiave del loro successo. Questo modello di crescita e riproduzione è anche ciò che consente ai bambini di nascere con un cervello così grande.

READ  Un asteroide delle dimensioni di un autobus sta volando vicino alla Terra oggi e puoi guardarlo dal vivo online

Tuttavia, esattamente quando questo stile di vita è apparso era un mistero. Poiché le ossa dei primi mammiferi erano piccole e fragili, i resti fossili delle ossa dell’anca, ad esempio, che potrebbero essere utilizzati per ricavare informazioni sui modelli riproduttivi della specie, sono spesso carenti. I denti sono meglio conservati, le cui dimensioni e forma sono state a lungo studiate dai paleontologi per conoscere lo stile di vita dei mammiferi estinti.

La nuova tecnologia si basa su questa tradizione. Implica il taglio di denti fossili in sezioni molto sottili per esaminare le linee di crescita e la cottura a vapore per comprenderne la composizione chimica in diversi stadi di sviluppo. “Ci permette di guardare praticamente qualsiasi mammifero fossile e ricostruire cose come per quanto tempo sono incinte, per quanto tempo allattano, quando raggiungono la maturità, quanto tempo durano – cose che non siamo stati in grado di fare prima nei mammiferi fossili ora”, ha affermato il dottor Gregory Vanstone dell’Università di Edimburgo, che ha guidato la ricerca.

nel caso se pantombdaFunston è stato sorpreso di scoprire quanto sia avanzato questo tratto a questo punto dell’evoluzione dei mammiferi.

“Uno degli analoghi più vicini in termini di evoluzione sono cose come le giraffe, che nascono direttamente nelle pianure e devono muoversi in pochi secondi, altrimenti verranno cacciate”, ha detto. “Ci aspettavamo che questi tipi di storia di vita si sviluppassero lentamente, per poi specializzarsi nel tempo, ma quello che stiamo vedendo è pantombda, Solo 4 milioni di anni dopo l’estinzione, stiamo già sperimentando questo modo completamente nuovo di frequentare la vita”.

Funston spera che lo studio apra nuove strade per la ricerca sui mammiferi fossili e su come si sono evoluti. “Questo metodo apre la finestra più dettagliata che possiamo sperare nella vita quotidiana dei mammiferi estinti”, ha affermato.

READ  L'esercito americano ha confermato che il primo meteorite interstellare conosciuto si è scontrato con la Terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.