I contatti con le forze ucraine sono andati perduti in mezzo a “pesanti combattimenti” nell’acciaieria di Mariupol, afferma il sindaco

Il sindaco della devastata città ucraina di Mariupol ha dichiarato mercoledì che il contatto è stato perso con le forze ucraine rintanate nella città Acciaieria Azovstal In mezzo a feroci battaglie con le forze russe.

“Purtroppo sì, oggi ci sono pesanti combattimenti ad Azovstal”, ha detto Vadim Boychenko alla televisione ucraina.

Ha detto che i funzionari della città “hanno perso i contatti” con le forze ucraine all’interno dell’impianto e non avevano modo di sapere “cosa sta succedendo, se sono al sicuro o meno”.

Russia Ucraina
Questa immagine satellitare scattata da Planet Labs PBC mostra il fumo che si alza nelle acciaierie Azovstal a Mariupol, in Ucraina, mercoledì 4 maggio 2022.

Planet Labs PBC/AP


L’esercito ucraino ha dichiarato, martedì, che le forze russe hanno lanciato un’offensiva per sconfiggere le forze all’interno dell’Azovstal poco dopo che le Nazioni Unite e la Croce Rossa hanno confermato l’evacuazione di oltre 100 civili dalla fabbrica.

La Russia ha confermato che stava attaccando le posizioni ucraine presso la fabbrica “con artiglieria e aerei”, ma mercoledì il Cremlino ha negato che la Russia avesse preso d’assalto l’Azovstal.

La Russia sta attaccando con artiglieria pesante, carri armati e aerei da guerra, ha detto Boychenko, aggiungendo che anche le navi da guerra adiacenti alle acciaierie costiere hanno preso parte all’attacco.

“Ci sono gente del posto, civili, centinaia di loro sono lì. Ci sono bambini in attesa di essere salvati. Ci sono più di 30 bambini”, ha detto il sindaco.

Mariupol è tra le città più colpite L’invasione russa dell’Ucraina.

CBS News Corrispondente Estero Capo Charlie D’Agata menzionato Autobus carichi di famiglie barricate nei tunnel dell’era sovietica sotto un’acciaieria prima di un breve cessate il fuoco che ha permesso loro di fuggire durante il fine settimana sono finalmente arrivati ​​alla relativa sicurezza del territorio controllato dall’Ucraina nella città di Zaporizhia.

Un sopravvissuto ha detto: “Stavamo pregando Dio che i razzi volassero sopra il nostro rifugio, perché se avessero colpito il rifugio, saremmo tutti finiti”.

Costringere la popolazione a fuggire o ad affrontare la morte sembra far parte della strategia di guerra russa lanciata da Vladimir Putin il 24 febbraio. La campagna di terrore ora si estende su una vasta area del Paese, da città costiere come Mariupol e Odessa Nel sud, alle città crollate dell’est come Kharkiv, la seconda città più popolosa dell’Ucraina, molte delle quali sono state ridotte in rovina.

Nonostante le tattiche russe di bombardamento a distanza, le sue forze di terra hanno finora ottenuto solo modesti guadagni. Il maggiore delle forze speciali Oleksandr ha detto a CBS News che la ragione di ciò era che le forze russe non avrebbero combattuto testa a piedi con i soldati ucraini.

“Bruciano tutto a terra”, ha detto.

READ  Notizie sulla guerra russo-ucraina, Mariupol e embargo petrolifero: aggiornamenti in tempo reale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.