I carri armati di seconda mano di RhineMetal sono quasi pronti per andare in Ucraina

Lo stesso giorno in cui il ministro degli Esteri dell’Unione Annalena Berbakh (Verdi) ha parlato a sostegno del sostegno all’Ucraina con armi pesanti, il CEO di Rhinemet Armin Popperker si è offerto di fornire 50 carri armati di seconda mano.

Carri armati leopardatiFoto: Wikimedia Commons

Questi sono vecchi serbatoi che sono stati restituiti a RhineMetal e dovranno essere sostituiti, ha detto mercoledì. Frankfurter Allgemeine Zeitung.

Leopard 1 Battle Tank, come ha affermato il CEO Armin Papperger Handelsblatt, Il precursore di Leopard 2, attualmente utilizza bende.

“Il primo leopardo può essere consegnato in 1-6 settimane”, ha detto Paperger. Il prerequisito per questa distribuzione è l’approvazione del governo centrale.

A margine di una riunione dei ministri degli Esteri dell’UE a Lussemburgo, lunedì il ministro degli Esteri Annalena Berbach (Verdi) ha sottolineato che l’Ucraina ha bisogno di più equipaggiamento militare, comprese le armi pesanti. “Ora non è il momento delle scuse, ora è il momento della creatività e del pragmatismo”, ha detto Barbach.

Alcuni politici sono stati riluttanti a presentare proposte dall’inizio della settimana, sebbene vi sia una crescente consapevolezza tra i partiti che l’Ucraina ha bisogno di equipaggiamento militare più pesante.

Mary-Agnes Strock-Zimmerman, presidente del Consiglio di sicurezza e capo dei liberali del Bundestock, ha detto a Die: “Non dobbiamo lasciarci trasportare dai carri dell’industria che ora vuole vendere beni svalutati a lungo termine”. Saldare.

“È importante vedere cosa aiuta davvero l’Ucraina”, ha detto.

Segui gli ultimi sviluppi Il 49° giorno della guerra in Ucraina in diretta su HOTNEWS.RO.

READ  L'Irlanda piange la morte di un insegnante di 23 anni per strada in pieno giorno. Il principale sospettato è un romano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.