Highlights della maratona di Boston: Pierce Jepschershire vince in una finale sprint. Evans Chipett corre la gara maschile

BOSTON—Gli organizzatori della maratona di Boston non hanno permesso alle donne di correre in veste ufficiale fino al 1972. In precedenza, coloro che erano abbastanza coraggiosi da sfidare il divieto venivano spesso derisi o ritirati con la forza dalla pista. Tra le giustificazioni citate? Che le donne sono “fisiologicamente incapaci” di correre per 26,2 miglia.

Sembra tutto dolorosamente fuorviante ora, ovviamente, ma valeva la pena ricordare quel grintoso pezzo di storia dell’evento lunedì mentre Peres Gebshireshire del Kenya e Ababil Yeshanh dell’Etiopia sfrecciavano attraverso Kenmore Square, all’ombra del Fenway Park, non lontano dal traguardo . Il resto dell’elaborata piazza delle donne si è spaccata sulla loro scia, e ora Jeepshire e Yishan vanno avanti e indietro, scambiandosi il comando più volte mentre si impegnano in un duello indimenticabile.

Alla fine, con un’ultima spinta, Jepchirchir ha allungato il passo per creare una certa disconnessione, e la sua vittoria di misura è arrivata 50 anni dopo che le donne hanno gareggiato per la prima volta per la gloria della maratona di Boston. Forse l’unica persona che è rimasta sorpresa dal risultato è stata la stessa Jabshirshire.

“Non mi aspettavo di vincere”, ha detto Jepschershire, il campione olimpico. “Ma sono grato e ora posso dire che credo di più in me stesso”.

credito…Charles Krupa/Associated Press

Per la prima volta dal 2019, la maratona di Boston è tornata al suo posto tradizionale nel calendario. Fino allo scoppio della pandemia del virus Corona, la maratona si svolgeva ogni aprile dal 1897. Ma nel 2020 la gara è stata cancellata per la prima volta nella sua storia. E l’anno scorso la gara è stata posticipata Fino a ottobrequando ha gareggiato per i partecipanti d’élite con una miriade di altre maratone.

READ  Colorado Avalanche sta lavorando con le forze dell'ordine a St. Louis per quanto riguarda le minacce al centro di Nazim Qadri dopo la terza partita.

L’ordine è stato ripristinato quest’anno, poiché un intero campo di circa 30.000 partecipanti – corridori, corridori in sedia a rotelle, atleti, ciclisti a mano – hanno formato un’onda gigante da Hopkinton, Massachusetts, a Boston in una fredda giornata di sole.

Nessuno ha brillato più di Jepchirchir, 28 anni, che ha concluso la gara in 2 ore, 21 minuti e 1 secondo, con soli quattro secondi di vantaggio su Yeshana. Mary Ngogi del Kenya è arrivata terza dopo aver corso una gara intelligente: sapeva abbastanza per correre da sola quando Jepshire e Yishanh hanno dato il gas, facendo saltare in aria il campo.

“Sono contento di non averli seguiti ma di essere morto”, ha detto Ngogi.

Dimostrandosi la più forte maratoneta del pianeta, Jepchirchir ha vinto le ultime cinque e tre maratone negli ultimi otto mesi: dopo Sopravvivi in ​​condizioni estremamente calde Per vincere le Olimpiadi di Tokyo ad agosto, Geepshire Ha vinto la maratona di New York A novembre. Ora, dopo un’altra vittoria, guarda già avanti.

“Ho ancora altro da fare”, ha detto.

E i keniani hanno conquistato il podio maschile. Evans Chebet, 33 anni, ha vinto la sua prima maratona mondiale del Grande Slam quando ha eliminato un gruppo numeroso, finendo in 2:06:51. Lawrence Chirono era secondo e Benson Kipruto, vincitore dell’anno scorso, era terzo.

credito…Stephen Sene/Associated Press

Il gruppo ha iniziato a svanire dietro Chebet dopo aver tagliato il miglio 22 in 4:27, una cadenza incredibile. Sembrava che schiacciare la sua opposizione lo spingesse avanti.

“I miei coetanei non erano affatto vicini a me e questo mi ha dato la motivazione e la determinazione per vincere e vincere”, ha detto attraverso un interprete.

READ  La NBA multa i Dallas Mavericks di $ 100.000 per aver violato le terze regole di fitness post-stagione

Lunedì, la fortuna era in gran parte nell’interesse dei coraggiosi, ma non di tutti. CJ Albertson, un 28enne californiano che si sta allenando per le maratone facendo maratone, ha spinto a un ritmo veloce fin dall’inizio.

“La mia unica possibilità di vincere davvero o essere in cima è quella di rompere alcune persone”, ha detto. “Avevo la mentalità di essere invincibile e devi lavorare in quel modo”.

Il problema: “Ci sono dei limiti”, ha detto.

Albertson è scivolato al 13° posto con un tempo di 2:10:23, che era ancora il suo record personale. Scott Vobel, 30 anni, è stato l’americano numero uno al settimo posto. “Penso di fare davvero bene con le colline”, ha detto.

Molly Seideluna delle preferite dalla folla ed ex residente nell’area di Boston, ha lottato al suo debutto a Boston, abbandonando il Mile 16. Ha detto in una dichiarazione Stava affrontando una lesione all’inguine.

“Ho dovuto fare la dura chiamata per fermarmi in una tenda medica per evitare di ferire davvero qualcosa”, ha detto.

Seidl, Medaglia di bronzo Nella maratona femminile ai Giochi di Tokyo, era arrivato quarto alla Maratona di New York City con una costola rotta.

Neil Rojas è stata la donna americana più veloce, piazzandosi 10° con il tempo di 2:25:57.

Lo sport è raramente al sicuro dalla politica globale e la maratona di quest’anno non è stata diversa. Durante la guerra in Ucraina, ai corridori russi e bielorussi è stato vietato di gareggiare dalla Boston Athletic Association, che organizza la gara. (I cittadini di Russia e Bielorussia residenti in altri paesi possono ancora partecipare.)

READ  Il Real Madrid ha scioccato Man City, l'eroe Rodrygo e la squadra di Guardiola in semifinale di Champions League

E c’erano, come sempre, ricordi dell’orrore che distrusse la maratona nove anni fa. Henry Richard, 20 anni, ha tagliato il traguardo alle 14:52 e il tempismo non potrebbe essere più commovente: era più o meno nel 2013 quando due bombe sono esplose e hanno ucciso il fratello di Henry di 8 anni, Martin, e due altre persone, e ne ferì altre 264.

credito…Brian Snyder/Reuters

“So che Martin l’avrebbe fatto con me”, ha detto Richard dopo la gara di lunedì. “Questo è tutto ciò a cui riesco a pensare.”

Richard ha terminato alle 4:02:20. “L’ho fatto per entrambi, mia sorella e il resto della nostra famiglia”, ha detto. “Non potrei essere più felice ora. Lo rifarei”.

Nel suo modo sottile, il Gebshireshire ha fornito un contrappunto ad alcune delle divisioni del mondo. Nelle fasi successive della gara, lei e Shane sembravano lavorare insieme per estendere il loro vantaggio. A un certo punto, il Jebshireshire offrì a Yeshanh dell’acqua.

Sembrava tutto uscito dal playbook di Jepchirchir. Considera la sua esibizione a New York l’anno scorso, quando Viola Chepto ha incoraggiato il suo connazionale keniota a stare con lei Quando sono entrati a Central Park fianco a fianco. Il Gebshireshire alla fine si ritirò, ma Chepto fu elogiata per la sua sportività.

Lunedì è stato così, in tutti quegli anni dopo che otto donne hanno infranto la barriera del sesso gareggiando contro più di mille uomini.

“Amo la mia competizione”, ha detto Jepshire, “perché non posso farcela da solo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.