Hamilton “incredibilmente grato” per il supporto della comunità di F1 in seguito ai commenti di Piquet

Il sette volte campione del mondo Lewis Hamilton ha parlato dei commenti fatti dal tre volte campione Nelson Piquet che è apparso prima del Gran Premio di Gran Bretagna 2022 e si è detto “incredibilmente grato” per il supporto della comunità di Formula 1, così come altri piloti tra cui Max Verstappen e il più pesante Sebastian Vettel con parole di sostegno giovedì a Silverstone.

I commenti fatti da Pique dopo il controverso Gran Premio di Gran Bretagna dello scorso anno sono emersi in vista della gara di quest’anno a Silverstone, con le parole del brasiliano che sono state prese di mira per aver usato presunti insulti razzisti. Giovedì Hamilton ha dato la sua reazione di persona durante la conferenza stampa dei piloti.

LEGGI DI PIÙ: Alpine annuncia il programma Rac(H)er per fornire un percorso verso la F1 per le donne e aumentare la diversità

“Beh, prima di tutto, sono incredibilmente grato a tutti coloro che sono stati di supporto in questo sport, in particolare ai piloti”, ha detto il pilota Mercedes. “Come sapete, sono passati due anni da quando molti di noi hanno corso la prima gara in Austria e, naturalmente, avevamo ancora delle sfide.

“Sono stato vittima di razzismo, critiche, negatività e vecchie narrazioni per molto, molto tempo di discriminazione. Quindi, non c’è niente di nuovo per me. Penso che riguardi il quadro più ampio … Non si tratta solo di uno individuo, non si tratta solo di un uso del termine: è il quadro più ampio”.


Vettel: “Penso che sia stato bello vedere che c’è stata così tanta risposta da tutta la comunità della Formula 1, e così rapidamente le persone hanno risposto ed espresso il loro sostegno nei confronti di Lewis”.

Pique ha rilasciato una dichiarazione mercoledì chiedendo scusa a Hamilton, definendo i suoi commenti “sconsiderati” e aggiungendo che “non ha mai avuto intenzione di offendere” – e Hamilton si è anche rivolto ai social media per criticare le “vecchie mentalità”. Giovedì è stato chiesto ad altri piloti delle loro reazioni.

Il campione in carica Verstappen ha dichiarato: “In generale, in tutto il mondo, non solo in Formula 1, penso che non sia corretto usare queste parole, ma questo inizia davvero con l’istruzione. Al giorno d’oggi fin da piccolo, a casa, a scuola, dovremmo imparare questo genere di cose che non si possono dire o usare in generale, ed è su questo che stiamo lavorando. E ovviamente la F1, anche con Lewis, ci stanno lavorando per il futuro e tutto il resto i piloti dietro. Lo sosteniamo tutti”.

Per saperne di più: Il World Motorsports Council approva le modifiche ai regolamenti sportivi e tecnici

Il quattro volte campione Sebastian Vettel ha dichiarato: “Forse lo è [Lewis] Lui e la sua famiglia hanno passato tutta la vita. Qualsiasi forma di abuso è sbagliata, quindi penso che sia stato bello vedere che c’è stata così tanta risposta da tutta la comunità della Formula 1, e così rapidamente le persone hanno risposto ed espresso il loro sostegno nei confronti di Lewis.

Abbiamo la campagna ‘Corriamo come uno’; È molto chiaro dove stiamo andando e dove vogliamo andare in futuro … diamo il benvenuto a qualsiasi società e dovremmo sempre rispondere in questo modo molto rapidamente e chiarire che siamo aperti a chiunque, perché la gentilezza è importante, le persone sono importanti e, come dicevo, è stato brutto vedere cosa sta succedendo”.


1406012526

Alonso: “Sicuramente non c’è spazio per questo tipo di commento e penso che la reazione dell’intera community sia stata molto grande”.

Lando Norris della McLaren è d’accordo, facendo eco ai commenti di Vettel e aggiungendo: “Anche se siamo piloti di Formula 1 ed è ciò che amiamo e vogliamo fare di più, vogliamo comunque migliorare le cose nel mondo e fare cambiamenti e fare sempre bene. Ciò mette in evidenza che abbiamo ancora bisogno di migliorare le cose nel mondo.E anche se stiamo lavorando in aree diverse e cose diverse – il cambiamento climatico o qualcosa del genere – ci sono cose che sono più semplici e più ovvie. [issues] che ha bisogno del nostro costante supporto e delle nostre continue voci per parlarne con franchezza”.

Il due volte campione delle Alpi Fernando Alonso – ex compagno di squadra di Hamilton alla McLaren – ha aggiunto: “Certo, non c’è spazio per questo tipo di commento e penso che la risposta dell’intera comunità sia stata piuttosto grande. Se è necessario agire, penso che conterà sul supporto – cosa fanno la FIA e la federazione.

Per saperne di più: La F1 continua a spingere per raggiungere Net Zero Carbon entro il 2030

“La cosa più importante per noi piloti è mostrare supporto a Lewis e noi siamo al suo fianco”.

Accendere Corporation Hamilton e Mercedes Annunciando giovedì la prima di due sovvenzioni di beneficenza, la fondazione collaborerà con Motorsport UK e FIA ​​Girls on Track UK per aumentare la rappresentanza femminile nel motorsport.

“Ignite” sosterrà anche la Royal Academy of Engineering, creando un programma di borse di studio per gli sport motoristici per almeno 10 studenti neri, anche se limitato Toto Wolff, edizione IWC Schaffhausen L’orologio sarà messo all’asta da Bonhams e tutti i proventi andranno in beneficenza.

READ  No. 1 Ashleigh Barty, solo 25 anni, si è ritirato dal tennis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.