Ha aggiunto Ali Baba alla lista di controllo per il delisting delle azioni della Saudi Electricity Company e le azioni sono diminuite

29 luglio (Reuters) – Alibaba Group Holdings Ltd. (9988.HK)Venerdì, è diventata l’ultima società ad essere aggiunta all’elenco delle società cinesi che potrebbero essere cancellate dalla Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti.

Le azioni di Alibaba sono scese dell’11% a $ 89,37 alla campana di chiusura, chiudendo il mese in calo del 21,4%. Le azioni del colosso dell’e-commerce stavano già subendo la pressione dopo che i rapporti indicavano che ciò che stava pianificando di rinunciare al controllo della società di tecnologia finanziaria Ant, una sussidiaria di Alibaba. Leggi di più

Alibaba è tra le oltre 270 società cinesi quotate a New York identificate come a rischio di delisting ai sensi del Foreign Holding Company Accountability Act (HFCAA), che mira ad affrontare una controversia di lunga data sulla conformità agli audit per le società cinesi quotate negli Stati Uniti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Le autorità di regolamentazione statunitensi chiedono il pieno accesso ai documenti di lavoro di revisione delle società cinesi quotate a New York e archiviate in Cina.

Mentre Washington e Pechino sono in trattative sulla controversia, KFC Yum China Holdings (9987.HK)società di biotecnologie BeiGene Ltd (6160.HK)Weibo Corp e JD.Com sono tra le società che potrebbero dover affrontare il delisting.

L’offerta pubblica iniziale di Alibaba nel 2014 è stata la più grande per la prima volta nella storia dell’epoca e ha aperto la strada ad altre società cinesi in cerca di nuovi capitali da quotare alla borsa degli Stati Uniti.

Fondata nel 1999 nell’appartamento di Jack Ma e al servizio di una vasta popolazione in Cina, la società di e-commerce ha visto l’ira delle autorità di regolamentazione statunitensi e cinesi in mezzo a una diffusa repressione che ha colpito le sue azioni dal 2020.

READ  I futures azionari si sono stabilizzati con il Dow che si dirige verso la quinta settimana consecutiva di perdite durante la guerra Russia-Ucraina

Ora prevede di aggiungere una quotazione iniziale a Hong Kong, rivolta agli investitori della Cina continentale.

“Richiedere lo status di quotazione primaria a Hong Kong non significa necessariamente che pensino che saranno cancellati dalla quotazione negli Stati Uniti… è solo per mitigare questi potenziali rischi”, ha affermato Bo Bai, analista statunitense Tiger Securities.

Altre società aggiunte all’elenco venerdì includono Mogu Inc (MOGU.N)Boqii Holdings Co., Ltd. (BQ.N)Cheetah Mobile Inc e Highway Holdings Limited (HIHO.O).

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Nivdita Balu riferisce a Bengaluru); Montaggio di Krishna Chandra Elori

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.