Guleba: l’Ucraina abbandona le armi nucleari e bussa alla porta della Nato, ma non apre

Il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba sta esortando le nazioni occidentali a dichiarare ciò che la sicurezza garantisce. L’Ucraina “ha rinunciato alle sue armi nucleari per la pace nel mondo”.

In un post sul suo account Twitter, il funzionario ucraino ha affermato che l’Ucraina aveva bussato alla porta della NATO per chiedere supporto, ma che “non si era mai aperta”.

“L’Ucraina ha rinunciato alle armi nucleari per la pace nel mondo. Ho bussato alla porta della NATO, ma non si è mai aperta. Il vuoto di sicurezza è ciò che ha portato all’occupazione della Russia “, ha affermato Dmitry Kuleba.

“L’Ucraina è indebitata con la sicurezza in tutto il mondo e invitiamo gli stati a dirci quali garanzie di sicurezza sono disposti a offrirci”, ha aggiunto.

Le tue impostazioni sui cookie non consentono la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Puoi aggiornare le impostazioni del modulo cookie direttamente dal tuo browser o Qui – Devi accettare i cookie dei social media

Se all’inizio dell’invasione russa l’assistenza militare agli ucraini si è concentrata su armi leggere e missili portatili anticarro e antiaerei, nel contesto della nuova fase della guerra in cui la Russia si sta concentrando sulla parte orientale dell’Ucraina , i suoi militari hanno sempre più bisogno di armi pesanti. La maggior parte delle armi trasferite dalla NATO a Kiev erano equipaggiamenti di fabbricazione sovietica prelevati dalle scorte delle forze dell’Europa orientale, ma recentemente molti membri della NATO, principalmente gli Stati Uniti, gli obici ucraini e altri tipi di armi hanno iniziato a essere forniti. .

Giovedì il portavoce del presidente russo Vladimir Putin, Dmitry Peskov, ha avvertito l’Occidente di non “pompare” armi in altri paesi, come l’Ucraina, la Georgia o la Moldova.

READ  Gli Stati Uniti hanno avvertito la Cina di non sostenere la Russia nella sua guerra contro l'Ucraina. "Ho chiarito a Pechino che ci saranno ripercussioni".

“La tendenza degli attentati in Ucraina e in altri paesi fa parte di una serie di misure che minacciano la sicurezza del continente e lo destabilizzano”, ha detto Peskov ai giornalisti in una dichiarazione rilasciata dal ministro degli Esteri britannico Liz Dres. Non solo armi pesanti vengono fornite all’Ucraina, ma anche alla Repubblica di Moldova, alla Georgia e ai Balcani occidentali.

Editore: IC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.