Greg Norman è stato squalificato dal British Open

LONDRA – Proprio questa primavera, Greg Norman, che ha vinto due volte la Claret Cup vincendo il British Open, ha cercato un’esenzione speciale per giocare nel torneo di questa settimana a St Andrews in Scozia.

La risposta è stata inequivocabile: no.

E non è solo che Norman, il cui ruolo nella nuova serie LIV Golf lo ha reso un emarginato in alcuni circoli di golf, non ha posto in campo per Norman, si scopre che Norman non è stato nemmeno invitato a cena.

R&A, che organizza l’Open, durante il fine settimana è diventato l’ultimo golf corner a dire che ha gettato Norman in esilio, rimuovendolo temporaneamente anche dal tradizionale raduno all’ora di cena degli ex campioni dell’Open Championship. La mossa ha reso il torneo di questa settimana, l’ultimo dei quattro principali tornei di golf di quest’anno, l’ultimo punto critico in cui giocatori e dirigenti si scontrano pubblicamente su LIV Golf, la lega ribelle finanziata dai sauditi che un tempo dominava con enfasi lo sport di Norman.

In una dichiarazione educata ma ferma, R&A ha chiarito di aver scelto una parte. Ha detto di aver chiamato Norman “per informarlo che abbiamo deciso di non invitarlo a partecipare in questa occasione”.

“Il 150° Open è una pietra miliare molto importante per il golf e vogliamo garantire che l’attenzione rimanga sulla celebrazione del torneo e del suo patrimonio”, ha affermato R&A. “Purtroppo, non pensiamo che sarà così se Greg parteciperà. Ci auguriamo che, quando le condizioni lo permetteranno, Greg sarà in grado di partecipare di nuovo in futuro”.

READ  Rafael Nadal si ritira da Wimbledon a causa di un infortunio, mandando Nick Kyrgios direttamente in finale

Leaf Golf, il principale finanziatore del fondo sovrano saudita, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Ma Norman, CEO di LIV, ha detto Riassunto del golf australiano Era deluso e pensava che la decisione fosse “banale”.

“Avrei pensato che il team di R&A sarebbe stato soprattutto per la sua posizione nel golf mondiale”, ha detto Norman, che ha vinto i suoi singoli nelle aperture del Grande Slam nel 1986 al Turnberry e nel 1993 al Royal St. George.

Il groviglio pubblico tra Norman, 67 anni, e R&A è iniziato ad aprile quando ha espresso fiducia nei media australiani di poter ottenere un’esenzione dalle regole Open, che consentono agli ex campioni di entrare in questa qualificazione da soli se hanno 60 anni O meno — e gioca nel 150° round del torneo, che inizierà giovedì all’Old Stadium di St Andrews, in Scozia.

Presto tornò la voce che R&A non avrebbe offerto a Norman tale esenzione. (Il consiglio è flessibile: ha accettato di accettare Mark Kalkavica, il professionista di 62 anni che ha vinto il Royal Tron nel 1989, perché l’Open Championship che avrebbe dovuto essere il suo addio nel 2020 è stato annullato a causa della pandemia di coronavirus. Si stava riprendendo da un intervento chirurgico la scorsa estate.)

Ma l’interesse e il controllo su Norman è aumentato solo nei mesi in cui ha mediato, attirando grandi campioni come Dustin Johnson, Phil Mickelson e Patrick Reed nella serie LIV, interrompendo i loro legami con il PGA Tour e trasformando il golf in un calderone di nitidezza. Le sue dichiarazioni di maggio hanno respinto l’uccisione e lo smembramento dell’Arabia Saudita Giornalista al Washington Post dicendo, “Senti, abbiamo tutti commesso degli erroriNuova critica.

READ  Bill Russell, 11 volte campione NBA e leggenda dei Boston Celtics, è morto all'età di 88 anni

Norman non è il primo grande campione a perdere una manciata di precedenti vincitori quest’anno a causa dell’indignazione legata all’Arabia Saudita. Mickelson, tre volte campione Masters, era assente dall’evento quando si è tenuto all’Augusta National Golf Club ad aprile dopo aver denunciato “l’orribile record dei diritti umani” dell’Arabia Saudita, ma ha affermato che il LIV è stata “un’opportunità irripetibile per rimodellare il modo in cui opera.” PGA Tour”.

Mickelson dovrebbe suonare a St Andrews questa settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.