Google ha condannato a pagare il politico australiano per i video diffamatori di YouTube

SYDNEY (Reuters) – Un tribunale australiano lunedì ha ordinato a Google Inc di pagare 715.000 dollari australiani (515.000 dollari) a un ex legislatore, affermando che il suo rifiuto di rimuovere i video “implacabili, razzisti, diffamatori e famigerati” di uno YouTuber lo ha tenuto fuori dalla politica. .

Alphabet Inc. è stata trovata da un tribunale federale (GOOGL.O) La società ha guadagnato deliberatamente ospitando due video sul suo YouTube che attaccavano l’allora vice primo ministro del New South Wales, lo stato più popoloso dell’Australia, che sono stati visti quasi 800.000 volte da quando sono stati pubblicati nel 2020.

La sentenza ravviva la questione di quanto siano responsabili le aziende tecnologiche per la diffamazione trasmessa dagli utenti sui loro siti Web in Australia, uno dei pochi paesi occidentali in cui le piattaforme online hanno la stessa responsabilità legale degli editori.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’Australia sta riesaminando quali piattaforme devono fornire per l’esposizione legale ai post diffamatori. Un caso di alto profilo nel 2021 in cui un giornale è stato ritenuto responsabile di commenti diffamatori dei lettori sotto un articolo pubblicato su Facebook ha spinto le aziende globali a ridurre la loro presenza sui social media nel paese. Leggi di più

La sentenza ha mostrato che Google aveva negato che i video contenevano accuse diffamatorie e ha affermato che uno YouTuber aveva diritto a un’opinione onesta e dovrebbe essere protetto dal diritto di criticare politicamente.

Un portavoce di Google non era disponibile per commenti.

“Loro (Google) è stato informato dell’esistenza di quei video diffamatori, li hanno esaminati, hanno deciso da soli che non esistevano e li hanno lasciati”, ha affermato il professor David Rolfe, specializzato in diritto dei media all’Università di Sydney . Scuola di legge.

READ  La polizia di Londra indaga sulle accuse di denaro in cambio d'onore legate all'organizzazione benefica del principe Carlo

“Questa è un’applicazione ortodossa dei principi di base della pubblicazione nella legge sulla diffamazione (ma) lascia la questione più ampia se sia necessario riformare i principi della pubblicazione”.

incitamento all’odio

La corte ha sentito che il creatore di contenuti Jordan Shanks ha caricato video in cui ha ripetutamente definito il rappresentante John Barillaro “corrotto” senza citare prove credibili, e lo ha chiamato nomi che attaccano la sua eredità italiana che il giudice Steve Rarris ha definito “a dir poco incitamento all’odio”.

Continuando a pubblicare contenuti, Rares ha affermato che Google ha violato le proprie politiche volte a proteggere i personaggi pubblici da obiettivi ingiusti e “ha rimosso prematuramente il signor Barillaro dal suo servizio preferito nella vita pubblica e lo ha profondamente traumatizzato”.

Barillaro si è dimesso dalla politica un anno dopo che Shanks ha pubblicato i video e Rares ha detto: “Google non può sottrarsi alla sua responsabilità per i danni significativi causati dalla campagna di Shanks”.

Shanks, che ha 625.000 abbonati YouTube e 346.000 follower su Meta Platforms Inc (FB.O) Facebook, è stato co-imputato fino a quando un accordo con Barilaro lo scorso anno ha comportato la modifica di video su YouTube e un pagamento di A $ 100.000 all’ex politico.

Il giudice ha affermato che Shanks “aveva bisogno di YouTube per diffondere il suo veleno (e) Google era disposta a unirsi a Shanks nel farlo per guadagnare entrate come parte del suo modello di business”.

Prima di pronunciarsi sulla causa, Shanks ha continuato a fare commenti sprezzanti su Barillaro e il suo avvocato nei video di YouTube, e il giudice ha detto che avrebbe deferito lui e Google alle autorità per “quello che sembra essere un grave disprezzo per la corte attraverso pressioni improprie… di non perseguire questa azione».

READ  Il premier israeliano incontra Putin per discutere dell'Ucraina

In un post su Facebook dopo il verdetto, Shanks, che ha a che fare con amici amichevoli, ha schernito Barillaro, dicendo: “Finalmente ho ricevuto la moneta da Google… senza mai testare la verità in tribunale”.

Shanks ha aggiunto, senza prove, che Barillaro “ha ritirato le sue azioni contro di noi in modo che non testimoniassimo o fornissimo prove” a sostegno delle affermazioni degli YouTuber.

Barillaro ha detto ai giornalisti fuori dall’aula di sentirsi “purificato e giustificato”.

“Non si trattava di soldi”, ha detto. “Si trattava di scuse e rimozione. Ovviamente, ora scuse inutili dopo che la campagna è andata avanti. La mano di Google è stata portata in tribunale”.

(1 dollaro = 1,3883 dollari australiani)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Byron Kay) Montaggio di Kim Coogle e Christopher Cushing

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.