Gli Stati Uniti accusano cinque compagnie in Cina di sostenere l’esercito russo

Il fumo sale sopra le macerie di un edificio distrutto da un raid militare, mentre l’offensiva russa sull’Ucraina continua, a Lysechhansk, regione di Luhansk, Ucraina, 17 giugno 2022. REUTERS/Olksandr Ratoshnyak/file Photo

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

WASHINGTON (Reuters) – L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden martedì ha aggiunto cinque società in Cina a una lista nera commerciale per il presunto sostegno alla base industriale militare e della difesa russa, mostrando il proprio potere di imporre sanzioni a Mosca per l’invasione dell’Ucraina.

Il Dipartimento del Commercio, che sovrintende alla lista nera, ha affermato che le società prese di mira hanno fornito articoli alle “entità rilevanti” della Russia prima dell’invasione del 24 febbraio, aggiungendo che “continuano a contrattare per fornire entità russe quotate e parti sanzionate”.

L’agenzia ha anche aggiunto altre 31 entità alla lista nera da paesi tra cui Russia, Emirati Arabi Uniti, Lituania, Pakistan, Singapore, Regno Unito, Uzbekistan e Vietnam, secondo l’elenco del registro federale. Delle 36 società aggiunte, 25 hanno sedi in Cina.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“L’azione di oggi invia un forte messaggio a entità e individui in tutto il mondo: se cercheranno di sostenere la Russia, anche gli Stati Uniti fermeranno loro”, ha affermato in una nota Alan Estevez, sottosegretario del Dipartimento del commercio per l’industria e la sicurezza.

Alla domanda se queste società cinesi abbiano fornito materiali all’esercito russo, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian non ha né confermato né smentito le accuse, ma ha ribadito l’opposizione della Cina alle sanzioni statunitensi contro la Russia.

READ  Come l'Estonia vuole stare lontana dalla propaganda russa

“Cina e Russia stanno conducendo una normale cooperazione commerciale sulla base del rispetto reciproco e del reciproco vantaggio. Nessuna terza parte dovrebbe interferire o limitare”, ha affermato mercoledì in una conferenza stampa a Pechino.

L’ambasciata cinese a Washington ha affermato che Pechino non ha fornito assistenza militare alla Russia o all’Ucraina. Ha affermato che avrebbe adottato “misure necessarie” per proteggere i diritti delle sue società, sostenendo che le sanzioni violano il diritto internazionale.

Non è stato possibile contattare tre società in Cina accusate di aver aiutato l’esercito russo, Connec Electronic Ltd, World Jetta and Logistics Limited con sede a Hong Kong, per un commento. Le altre due società, King Pai Technology Co, Ltd e Winninc Electronic, non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

Hong Kong è stata considerata parte della Cina ai fini dei controlli sulle esportazioni statunitensi sin dalla repressione di Pechino sull’autonomia della città.

La lista nera delle aziende significa che i loro fornitori statunitensi hanno bisogno di una licenza del Dipartimento del Commercio prima di poter spedire loro gli articoli.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno deciso di punire il presidente russo Vladimir Putin per l’invasione, che Mosca descrive come una “operazione speciale”, imponendo sanzioni a un gruppo di compagnie e oligarchi russi e aggiungendo altri a una lista nera commerciale.

Mentre i funzionari statunitensi hanno precedentemente affermato che la Cina sta generalmente rispettando le restrizioni, Washington ha promesso di monitorare da vicino la conformità e applicare rigorosamente le normative.

“Non esiteremo ad agire, indipendentemente da dove si trovi la parte, se viola la legge statunitense”, ha affermato nella stessa dichiarazione l’assistente del segretario al commercio per la gestione delle esportazioni Thea Roseman Kindler.

(Segnalazione di Alexandra Alper) Segnalazione aggiuntiva di Susan Heffy e Yu Lun Tian a Pechino; Montaggio di Tomas Janowski, Richard Chang e William MacLean

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.