Gli scienziati sono riusciti a coltivare piante nel suolo lunare: NPR

I ricercatori Robert Ferrel e Anna Lisa Ball.

Tyler Jones/UF/IFAS


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

Tyler Jones/UF/IFAS


I ricercatori Robert Ferrel e Anna Lisa Ball.

Tyler Jones/UF/IFAS

In uno studio finanziato dalla NASA, gli scienziati dell’Università della Florida hanno coltivato piante nel terreno raccolto dalla luna, secondo uno studio pubblicato giovedì sulla rivista. Biologia della comunicazione.

Bill Nelson, amministratore della NASA comunicato stampa. Ha aggiunto che la ricerca potrebbe anche avere implicazioni per le piante che crescono in condizioni difficili sulla Terra.

“Dovremo utilizzare le risorse sulla Luna e su Marte per sviluppare fonti di cibo per i futuri astronauti che vivranno e lavoreranno nello spazio profondo”, ha affermato Nelson.

Nello studio, i ricercatori hanno piantato semi Arabidopsis thaliana – una pianta associata alla senape, oltre ad altre verdure crocifere, tra cui cavolfiori e broccoli – nel suolo lunare, che è stata campionata direttamente dalla luna dalle missioni Apollo 11, 12 e 17.

Per fare un confronto, i ricercatori hanno anche piantato i semi in un simulatore lunare, progettato per imitare da vicino il vero suolo lunare.

Anna Lisa Ball, professoressa di ricerca presso il Dipartimento di scienze orticole dell’Università della Florida e prima autrice dello studio, ha descritto i campioni prelevati dalla Luna come “sottili” e “polverosi”. Inoltre “si attacca a tutto”, ha aggiunto Ball.

I semi hanno cominciato a germogliare pochi giorni dopo la semina.

ha affermato Paul, che è anche direttore del Centro interdisciplinare per la ricerca biotecnologica dell’Università della Florida.

Sebbene tutti i semi siano germogliati, i semi che sono cresciuti nel suolo lunare non sono cresciuti “forti” come quelli del gruppo di controllo, secondo il comunicato. La dichiarazione affermava che alcune piante coltivate nei campioni di suolo lunare avevano “ostruito” le loro radici e foglie, oltre a una “pigmentazione rossastra”.

READ  Niente più scuse: la NASA in linea per il finanziamento del piano Artemis

Dopo che le piante erano cresciute per 20 giorni, i ricercatori hanno raccolto le piante e si sono preparate a studiare l’RNA della pianta. I genotipi espressi corrispondevano al modo in cui i ricercatori hanno visto Arabidopsi Reagisce con lo stress prima in altri ambienti difficili, come quando il suolo contiene sale in eccesso o metalli pesanti, a seconda del rilascio.

“Ora che abbiamo terreni lunari che sono stati in contatto con la biologia, possiamo iniziare a porci la domanda: come puoi e quanto è difficile mitigare le reazioni negative che abbiamo visto?” ha affermato Robert Ferrell, vicepresidente assistente per la ricerca presso l’Università della Florida e autore dello studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.