Gli scienziati hanno scoperto un cratere largo 5 miglia che ha avuto origine con la scomparsa dei dinosauri

Iscriviti alla newsletter di Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte sorprendenti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Un asteroide proveniente dallo spazio si è scontrato con la superficie terrestre 66 milioni di anni fa, lasciando un enorme cratere sotto il mare e provocando il caos sul pianeta.

No, non quell’asteroide, che ha spazzato via i dinosauri fino all’estinzione, ma un cratere precedentemente sconosciuto a 248 miglia al largo della costa dell’Africa occidentale che è stato creato nello stesso periodo. Un ulteriore studio del cratere Nader, come viene chiamato, potrebbe destabilizzare ciò che sappiamo su quel momento disastroso della storia naturale.

Uisdean Nicholson, un assistente professore alla Heriot-Watt University di Edimburgo, è capitato per caso al cratere: stava esaminando i dati di un’indagine sismica per un altro progetto sulla divisione tettonica tra Sud America e Africa e ha trovato prove di un cratere sotto i 400 metri di sedimento del fondale marino .

“Durante l’interpretazione dei dati,[mi sono imbattuto]in questa caratteristica molto insolita simile a un cratere, diversa da qualsiasi cosa avessi visto prima”, ha detto.

“Aveva tutte le caratteristiche di un cratere.”

Per essere assolutamente certo che il cratere sia stato causato dall’impatto di un asteroide, ha affermato che sarebbe necessario perforare il cratere e testare i minerali dal fondo del cratere. Ma ha tutte le caratteristiche distintive che gli scienziati si aspetterebbero: il corretto rapporto tra la larghezza del cratere e la profondità, l’altezza delle creste e l’altezza del sollevamento centrale, un tumulo al centro causato da rocce e sedimenti spinti verso l’alto dalla pressione d’impatto.

la rivista Science Advances ha pubblicato lo studio Giovedì.

“La scoperta di un cratere archeologico è sempre importante, perché è così raro nella documentazione geologica. Ci sono meno di 200 strutture di impatto confermate sulla Terra e pochissimi potenziali candidati che non sono stati scoperti”, ha affermato Mark Boslog, un professore di ricerca in Scienze della Terra e Planetarie presso l’Università del New Mexico. Li ha ancora definitivamente confermati. “Non è stato coinvolto in questa ricerca, ma ha convenuto che potrebbe essere stata causata da un asteroide.

L’aspetto più importante della scoperta, ha detto Boslough, era che si trattava di un esempio di cratere da impatto sottomarino, di cui sono noti solo pochi esempi.

“L’opportunità di studiare un cratere di queste dimensioni sott’acqua ci aiuterà a capire il processo degli impatti oceanici, che sono più comuni ma meno ben conservati e compresi”.

Il cratere è largo 8 chilometri (5 miglia) e Nicholson crede che molto probabilmente sia stato causato da un asteroide largo oltre 400 metri (1.300 piedi) che si è spinto nella crosta terrestre.

Sebbene sia molto più piccolo dell’asteroide delle dimensioni di una città che ha causato il cratere Chicxulub largo 100 miglia che ha colpito al largo della costa del Messico e ha spazzato via gran parte della vita su questo pianeta, è ancora una roccia spaziale piuttosto grande.

“L’impatto (raro) ha avuto conseguenze disastrose sia a livello locale che regionale, almeno attraverso l’Atlantico”, ha spiegato Nicholson via e-mail.

“Ci sarebbe stato un grande terremoto (magnitudo 6,5-7), e quindi il terreno avrebbe tremato localmente. Il tuono dell’esplosione d’aria avrebbe potuto essere udito in tutto il mondo e di per sé avrebbe causato gravi danni locali in tutta la regione. .

Avrebbe causato uno tsunami “eccezionalmente grande” alto 3.200 piedi (1 chilometro) attorno al cratere, dissipandosi a un’altezza di circa cinque metri una volta raggiunto il Sud America.

In confronto, l’esplosione atmosferica di un asteroide molto più piccolo di 50 metri di larghezza nel 1908 in Russia, noto come Evento Tunguska Rase al suolo una foresta su un’area di 1.000 chilometri quadrati.

“A circa 400 metri, l’eruzione atmosferica (che ha causato il cratere dell’Africa occidentale) è stata molto più grande.

Le informazioni dai microfossili nei vicini pozzi di esplorazione mostrano che il cratere si è formato circa 66 milioni di anni fa, alla fine del periodo Cretaceo. Tuttavia, c’è ancora incertezza – un margine o un errore di circa un milione di anni – sulla sua età esatta.

È possibile che l’impatto dell’asteroide sia correlato all’effetto Chicxulub, o potrebbe essere solo una coincidenza: un asteroide di queste dimensioni colpirà la Terra ogni 700.000 anni, ha detto Nicholson.

Se l’asteroide è legato, potrebbe essere stato il risultato della disintegrazione di un asteroide originale vicino alla Terra, con frammenti separati sparsi durante la precedente orbita terrestre, oppure potrebbe essere stato parte di una lunga pioggia di asteroidi che ha colpito la Terra nel corso di un milione di anni o giù di lì.

“Conoscere l’età esatta è davvero fondamentale per testarlo – ancora una volta, può essere raggiunto solo scavando”.

Anche se fosse correlato, ha detto, potrebbe essere diminuito dall’effetto Chicxulub, ma si sarebbe aggiunto all’insieme generale di risultati a cascata.

“Capire l’esatta natura della relazione con Chicxulub (se presente) è importante per capire cosa stava accadendo nel sistema solare interno in quel momento e solleva alcune nuove interessanti domande”, ha detto Nicholson.

“Se ci sono due collisioni contemporaneamente, forse ci sono altri crateri lì, e qual è l’effetto a cascata di collisioni multiple?”

READ  La maggior parte delle mutazioni "silenziose" sono in realtà dannose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.