Gli scienziati hanno captato segnali radio in una galassia distante miliardi di anni luce: NPR

Questa immagine rilasciata dalla NASA martedì 12 luglio 2022, ha combinato le capacità delle due fotocamere del telescopio spaziale James Webb per creare una vista senza precedenti della regione di formazione stellare della Nebulosa Carina. Scattata in luce infrarossa dalla Near Infrared Camera (NIRCam) e dal Medium Infrared Instrument (MIRI), questa immagine rivela regioni di nascita delle stelle mai viste prima.

NASA, ESA, CSA e STScI tramite AP


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

NASA, ESA, CSA e STScI tramite AP


Questa immagine rilasciata dalla NASA martedì 12 luglio 2022, ha combinato le capacità delle due fotocamere del telescopio spaziale James Webb per creare una vista senza precedenti della regione di formazione stellare della Nebulosa Carina. Scattata in luce infrarossa dalla Near Infrared Camera (NIRCam) e dal Medium Infrared Instrument (MIRI), questa immagine rivela regioni di nascita delle stelle mai viste prima.

NASA, ESA, CSA e STScI tramite AP

Gli astronomi del MIT hanno ripetutamente catturato Segnali radio da una galassia distante miliardi di anni luce dalla Terra.

Gli scienziati non sono ancora stati in grado di determinare la posizione esatta delle onde radio, ma sospettano che la sorgente possa essere stelle di neutroni, che sono costituite dai nuclei collassati di stelle giganti.

I segnali si verificavano costantemente e duravano fino a tre secondi, affermano i ricercatori. La maggior parte delle raffiche radio veloci, o FRB, durano solo pochi millisecondi.

“Durante questa finestra, il team ha rilevato esplosioni di onde radio che si ripetono ogni 0,2 secondi con uno schema periodico distinto, simile a un battito cardiaco”, ha affermato il MIT. dichiarazione.

READ  Gli astronomi identificano un pianeta realistico con due soli, come 'Tatooine' di Star Wars

Il 21 dicembre 2019, i ricercatori del Dominion Radio Astrophysics Observatory nella Columbia Britannica, in Canada, hanno rilevato un segnale da un possibile FRB, secondo una dichiarazione del MIT.

ha affermato Danielle Mitchell, ricercatrice post-dottorato presso il Kavli Institute for Astrophysics and Space Research del MIT. “Questa è la prima volta che lo stesso segnale è periodico.”

I dati sulle esplosioni, inclusa la loro frequenza e come cambiano in base alla posizione della sorgente vicino alla Terra, possono aiutare i ricercatori a determinare la velocità con cui l’universo si sta espandendo.

Segue l’annuncio ripetuto del segnale radio Uscita all’inizio di questa settimana Una delle prime immagini dell’universo dal telescopio spaziale James Webb. Queste immagini rivelano alcune delle galassie che si sono formate oltre 13 miliardi di anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.