Gli investitori di Twitter hanno citato in giudizio Elon Musk per aver ritardato la divulgazione della partecipazione | Elon Musk

Elon Musk è stato citato in giudizio dagli investitori di Twitter per aver ritardato la divulgazione della sua partecipazione nella società, poiché il proprietario di Tesla ha fatto un’offerta di acquisto di $ 44 miliardi per la piattaforma di social media.

Gli investitori hanno affermato che Musk si è risparmiato $ 156 milioni non rivelando di averne acquistato più del 5% Twitter Entro il 14 marzo.

Musk ha continuato ad acquistare azioni in seguito, rivelando infine all’inizio di aprile di possedere il 9,2% della società, secondo la causa intentata mercoledì alla corte federale di San Francisco.

“Ritardando la divulgazione della sua partecipazione in Twitter, Musk si è impegnato in una manipolazione del mercato e ha acquistato azioni di Twitter a un prezzo artificialmente basso”, hanno affermato gli investitori, guidati da William Hirsniak, con sede in Virginia.

Né Musk né il suo avvocato hanno risposto immediatamente alle richieste di commento. Twitter ha rifiutato di commentare.

Gli investitori hanno affermato che il recente calo delle azioni Tesla ha messo la capacità di Musk di finanziare la sua acquisizione di Twitter a un “rischio significativo”, poiché ha impegnato le sue azioni come garanzia per garantire i prestiti di cui aveva bisogno per acquistare la società.

Giovedì le azioni Tesla sono state scambiate intorno a $ 700, in calo rispetto ai $ 1.000 di inizio aprile.

Il Wall Street Journal ha riferito all’inizio di questo mese che la tempistica della divulgazione della sua partecipazione da parte di Musk aveva già innescato un’indagine da parte della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti.

READ  Le previsioni sulle vendite di auto negli Stati Uniti per il primo trimestre del 2022 sembrano cupe a causa di chip e inflazione

Muschio mercoledì Impegno Altri 6,25 miliardi di dollari di finanziamento azionario per finanziare la sua offerta su Twitter, indicando che sta lavorando per concludere l’accordo nonostante la scorsa settimana abbia stipulato la sua offerta su Twitter per dimostrare che i bot spam rappresentano meno del 5% dei suoi utenti.

Nella causa di mercoledì, gli investitori hanno chiesto un certificato di classe e un importo non specificato di danni punitivi e compensativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.