Gli archeologi scoprono l’antica città Maya in cantiere

Una vista che mostra il tetto crollato che proteggeva la “Casa de las Aguilas”, parte delle rovine del sito archeologico di Templo Mayor, dopo forti piogge e grandine, nel centro di Città del Messico, Messico, 29 aprile 2021. (Carlos Gasso, Reuters )

Tempo di lettura stimato: 1-2 minuti

CANACIEN, Messico – Gli archeologi hanno scoperto le rovine di un’antica città Maya piena di palazzi, piramidi e piazze in un cantiere per quella che sarebbe diventata una zona industriale vicino a Merida, nella penisola messicana dello Yucatan.

Gli archeologi hanno affermato che il sito, chiamato Sheol, presenta lo stile architettonico Maya Poké, comune nella penisola meridionale dello Yucatan ma raro vicino a Merida.

“Pensiamo che qui vivano più di 4.000 persone”, ha detto Carlos Peraza, uno degli archeologi che ha guidato gli scavi della città, che si stima sia stata abitata dal 600-900 d.C.

“C’erano persone di diverse classi sociali… preti e impiegati che vivevano in questi grandi palazzi, e c’erano anche gente comune che viveva in piccoli edifici”, ha detto Peraza.

I ricercatori hanno anche identificato le tombe vicine di adulti e bambini, che sono stati sepolti con strumenti di ossidiana e selce, offerte e altri beni.

Nella zona sono stati scoperti anche resti di vita marina, indicando che i cittadini integravano le loro diete basate sull’agricoltura pescando lungo la costa vicina.

Xiol è stato scoperto dopo l’inizio della costruzione di un parco industriale. La sua costruzione continuerà, anche se i resti archeologici sono stati conservati, secondo i proprietari terrieri.

“Nel tempo, l’espansione urbana (nella zona) è cresciuta e molti resti archeologici sono stati distrutti… Ma anche noi archeologi siamo stupiti, perché non ci aspettavamo di trovare un sito ben conservato”, ha detto Peraza.

Immagini

Altre storie che potrebbero interessarti

READ  Un embargo petrolifero russo in Europa potrebbe significare un nuovo ordine energetico mondiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.