Gli amministratori delegati della tecnologia mi dicono che sono stufi dei dipendenti viziati della Silicon Valley

CNBC Jim Cramer Giovedì, ha detto che si aspetta una “uscita tecnologica” dalla California in futuro, con un driver che è il dispiacere dei leader tecnologici nei confronti dei loro dipendenti.

Kramer, che ha trascorso la settimana a San Francisco, ha detto di aver sentito che “molti degli amministratori delegati qui sono stati all’altezza con i lavoratori più giovani che dicevano loro cosa fare, quando e dove vogliono lavorare”.

“Sono stanchi della forza lavoro a San Francisco, che pensano sia piena di vestiti viziati che erano lì un giorno e se ne sono andati il ​​giorno dopo”, ha aggiunto Kramer. Non ha menzionato i nomi di quei dirigenti con cui ha detto di aver parlato in onda.

Il “soldi pazzi“L’ospite ha affermato che tale frustrazione potrebbe finire per avvantaggiare altre parti del paese, con le aziende tecnologiche che si trasferiscono in aree del paese dove possono assumere persone di talento con meno soldi, persone che avranno più lealtà negli affari e responsabilità nei confronti del CEO, solo perché hanno meno opzioni per abbandonare la nave.”

Tuttavia, Cramer ha osservato che i problemi dell’alta dirigenza con i propri dipendenti non sono l’unico motivo per cui le aziende tecnologiche intendono allontanarsi dalla Silicon Valley. Kramer ha notato che gli immobili nell’area metropolitana di San Francisco sono costosi, aggiungendo che “ha sentito che Atlanta è stata menzionata più volte, Austin è sempre nel mix e, naturalmente, la Florida” come potenziali posti dove andare.

Cramer ha anche affermato di aver sentito che ci saranno licenziamenti nel settore tecnologico, rivaleggiando con quelli avvenuti dopo lo scoppio della bolla delle dotcom tra la metà e la fine degli anni ’90. A quel tempo, i titoli Internet altamente speculativi hanno contribuito a spingere Nasdaq Oltre il 500% dal 1995 fino a quando tutto si è concluso nel marzo 2000. L’indice dominato dalla tecnologia era stato scambiato sopra 5000 prima di scendere dell’80% a un minimo multidecennale di 1108 nell’ottobre 2002.

READ  "Dimentica FAANG" dice Jim Kramer e concentrati sui titoli che sono preziosi nell'attuale contesto inflazionistico

Le azioni tecnologiche sono scese giovedì con resto del mercato. Il Nasdaq è precipitato in un terribile mercato ribassista, caratterizzato da cali del 20% o più rispetto ai massimi precedenti. Infatti, alla chiusura di giovedì, l’indice è sceso di oltre il 25% dal massimo storico di novembre 2021.

“Ricorda, all’industria piace pagare le persone con opzioni su azioni”, ha detto Kramer. “Ma questa non è una forma allettante di compensazione quando le azioni sono in costante deterioramento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.