Fred Curley corre uno straordinario oro nei 100 metri maschili statunitensi ai Campionati del Mondo | gli sport

Quando Fred Curley era un ragazzino, che dormiva su un pallet con altri 12 bambini in una stanza in Texas, sognava di viaggiare per il mondo. Invece, in una notte di dramma impossibile a Eugene, la conquista.

Negli ultimi passi disperati della finale mondiale dei 100 metri, Curley istintivamente si è colpito il petto e ha spinto indietro le braccia come un Superman aerodinamico. Mentre lo faceva, i connazionali Marvin Brassey e Trevon Brummel si sforzavano, si agitavano e perdevano la forma. Sul traguardo sfocato, il Curley da 6 piedi e 3 pollici in qualche modo ha scalato la serie per strappare l’oro in 9,86 secondi, con Brassie che ha preso l’argento e il bronzo Brommel in 9,88.

È stata la prima corsa pulita d’America sul podio dei 100 metri da quando Carl Lewis, Leroy Borrell e Dennis Mitchell nel 1991. Ma molto prima che l’annunciatore dello stadio confermasse il punteggio, la folla ha iniziato a cantare “USA! USA!”, Curley stava sostenendo dritto e comicamente celebra una delle più grandi violazioni dei racconti di ricchezza dello sport.

Le ossa nude di come Hollywood abbia rifiutato la storia del 27enne per spingere i confini dell’impossibile. Nella seconda il padre era in carcere e la madre assente dopo aver preso “svolte sbagliate nella vita”. E così sua zia Virginia ha adottato lui ei suoi quattro fratelli e li ha cresciuti con otto dei suoi a Taylor, una piccola città a 30 minuti da Austin, sotto il più piccolo dei tetti. È stata un’educazione dura, ma Curley è sempre stato incoraggiato a sognare e ad alzarsi.

Ha poi spiegato: “Mio fratello e le mie sorelle ed io siamo stati adottati da mia zia Virginia”. “Avevamo una camera da letto. Eravamo 13 persone in una camera da letto. Eravamo sul pallet. Alla fine della giornata, ci siamo divertiti tutti, divertendoci e facendo grandi cose in questo momento”.

“Ciò che mi motiva è da dove vengo e non trovarmi nella stessa situazione”, ha aggiunto Curley, i cui bicipiti sono stati tatuati “zia” e “mimi” – il nome del suo animale domestico per lei. “Continua a fare grandi cose. Non vuoi essere nella stessa situazione in cui eri quando eri più giovane.”

In modo toccante, ha detto, ora sta parlando anche con i suoi genitori. Disse: “Ogni giorno”. “Quello che è successo prima non accade ora”.

Lungo il percorso ci sono stati molti momenti di porte scorrevoli. Curley voleva diventare un giocatore di football americano e ha cambiato sport solo dopo essersi rotto la clavicola nell’ultima partita della sua carriera al liceo. Fino al 2019 è stato un corridore nei 400 m, abbastanza bravo da vincere una medaglia di bronzo ai Campionati del Mondo, prima di passare ai 100 e 200 m quando la sua caviglia ha sentito un leggero dolore nelle prove olimpiche statunitensi del 2021.

Un mese dopo ha vinto l’argento nei 100 metri a Tokyo, ma finire a soli 0,04 secondi da Marcel Jacobs lo ha lasciato profondamente frustrato. Negli ultimi 11 mesi, Curley non è stato in grado di trattenersi dal gridare “Push” quando ha visto ancora una volta un video della finale. Ma a Eugene, questo lotto è stato sincronizzato alla perfezione.

Fred Curley allarga le braccia e regala ai suoi compagni di squadra statunitensi 100 metri d'oro
Fred Curley allarga le braccia e regala ai suoi compagni di squadra statunitensi l’oro dei 100 metri. Foto: Christian Petersen/Getty Images

“Ho visto la mia testa davanti a me”, ricorda. “Si è tirato indietro presto. Ti sei tuffato in tempo e hai portato a termine il lavoro. È incredibile ottenere una piazza pulita, i grandi lo hanno fatto nel 1991 e i grandi del 2022 lo hanno fatto oggi”.

È stato aiutato, ovviamente, dall’assenza di Jacobs dalla finale, dopo aver subito un infortunio alla gamba nei playoff. Mentre la medaglia di bronzo di Tokyo Andre de Grasse è stata l’ombra di se stesso dopo gli infortuni e il Covid. Ma Curley, come ha fatto tante volte nella sua vita, ha catturato la giornata.

Ma tutti sul podio della medaglia avevano una storia che valeva la pena di amplificare. Ad esempio, Brassie ha corso alle Olimpiadi del 2016 prima di schiantarsi al braccio nella NFL, per poi romperlo nella sua prima partita in un campionato di sviluppo nel 2019.

“Ho preso la decisione in quel momento di tornare in pista”, ha detto Prause, che ha trascorso periodi agli Indianapolis Colts e ai Seattle Seahawks. Ma le sfide continuano a crescere. La sua medaglia d’argento è arrivata dopo una rottura dell’appendice e un’ostruzione intestinale, che gli hanno fatto portare otto spilli dall’ombelico alla zona pelvica.

E Bromell? Bene, ha speso quasi $ 300.000 tra il 2016 e il 2019 per riparare un tendine d’Achille gravemente danneggiato che lo ha messo fuori dalle Olimpiadi di Rio. Nel 2018, le cose sono andate così male che ha scritto una bozza di lettera al suo agente annunciando il suo ritiro. “È difficile svegliarsi a volte”, ha detto sabato sera. “In pratica, le mie caviglie si rompono, i miei fianchi si rompono. Sembro un vecchio. Ma notti come questa ne valgono la pena”.

In un’altra epoca, queste storie saranno assorbite dal mainstream dello sport e della vita negli Stati Uniti: amplificate e celebrate. non più. Anche a Eugene, che si fa chiamare Tracktown USA, l’Hayward Field da 15.000 posti era probabilmente pieno solo all’80%.

Potrebbe esserci ancora tempo per cambiare le cose, soprattutto se Curley vincerà più medaglie nei 200m e nella staffetta 4x100m. Sicuramente aiuta il fatto che sia un uomo rinascimentale, con i tatuaggi sul corpo e l’amore per le piante. “I miei raccolti stanno effettivamente andando bene”, ha detto. “Prima di andarmene, ho tagliato un po’ di zucca. Ho mangiato gli spinaci dell’orto ed è stato fantastico”.

Con questo, si schiaffeggiò il muscolo sinistro e sorrise. Ma la nuova atletica Popeye non sta solo pensando di aggiungere più muscoli in pista. Vuole anche ispirare la prossima generazione. “Ogni giorno una manciata di giovani mi guarda”, ha detto. “Se posso farlo, possono farlo.”

Che storia. Che spettacolo. E che essere umano anche.

READ  "Fake Klay Thompson" è stato bandito dai giochi Warriors dopo aver rilasciato i cerchi in precedenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.