Francia a rischio stallo dopo che Macron ha consegnato un parlamento sospeso

  • Il campo di Macron non riesce a ottenere la maggioranza assoluta in Parlamento
  • Ora cercheremo alleanze con altri partiti
  • Il rischio della paralisi politica in assenza di accordi

PARIGI (Reuters) – Il presidente Emmanuel Macron ha affrontato la richiesta di dimissioni del suo primo ministro lunedì, mettendo in dubbio la sua capacità di governare con decisione dopo che il suo campo ha perso la maggioranza parlamentare.

La manifestazione centrista di Macron è sotto pressione per ottenere il sostegno dei suoi oppositori per salvare il programma di riforme di Macron dopo le elezioni del fine settimana che hanno portato a un parlamento sospeso. Se fallisce, la Francia potrebbe affrontare un lungo periodo di paralisi politica.

Una fonte vicina a Macron ha dichiarato lunedì che Macron inviterà tutti i partiti politici in grado di formare un gruppo nel nuovo parlamento per colloqui di martedì e mercoledì.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La perdita della maggioranza assoluta per la coalizione della sua squadra è una dolorosa battuta d’arresto per Macron, che ha vinto un secondo mandato solo due mesi fa. I governi francesi si affidano da tempo alla camera bassa del parlamento, che condivide in gran parte la loro linea politica e le proposte di timbro di gomma.

“Dobbiamo pensare a un nuovo modo di lavorare a livello istituzionale”, ha detto alla televisione LCI il ministro degli Affari europei Clement Bonn, stretto alleato del presidente francese.

Il secondo turno di votazioni di domenica ha lasciato Ensemble come il partito più grande, con una coalizione emergente di sinistra al secondo posto, l’estrema destra sempre più forte e i conservatori come potenziali kingmaker. Leggi di più

READ  Membro dell'equipaggio ucraino che ha cercato di affondare uno yacht legato a un oligarca russo: "Il mio primo passo è stato la guerra con la Russia"

“Sarà complicato”, ha detto alla radio France Inter la portavoce del governo Olivia Gregoire. “Dobbiamo essere creativi”.

Macron ora deve formare una coalizione più ampia o accettare la guida di un governo di minoranza che negozia con gli oppositori sulla base di ogni disegno di legge. La sua unica consolazione: i gruppi di opposizione sono essi stessi strenui oppositori, in alcuni casi lacerati da divisioni interne.

“Un parlamento così frammentato porterebbe probabilmente a una situazione di stallo politico, con un programma di riforme molto più lento”, ha affermato Philip Godin di Barclays.

Ciò potrebbe indebolire la posizione della Francia in Europa e mettere in pericolo la già debole posizione finanziaria del paese.

Figure intransigenti sia di sinistra che di estrema destra hanno invitato il primo ministro Elizabeth Bourne a dimettersi dopo poco più di un mese in carica.

Gregoire ha detto che Macron avrebbe presto rimescolato il suo governo.

Qual è il prossimo?

L’ampia coalizione di sinistra di Nobis guidata da Jean-Luc Mélenchon e l’estrema destra guidata da Marine Le Pen hanno promesso di dare la caccia a Macron e alla sua implacabile amministrazione in Parlamento.

Una delle domande principali è se Macron cercherà di concludere un accordo con i repubblicani conservatori o se seguirà la strada di un governo di minoranza.

Il capo del Partito Repubblicano, Christian Jacob, ha detto che il partito rimarrà all’opposizione. Ma mentre descrivono la situazione come “quasi unanime”, alcuni membri di spicco hanno suggerito che il partito dovrebbe collaborare con il governo e agire come un re.

READ  L'Ucraina ottiene un grande sostegno dall'UE mentre la guerra infuria

La band e i conservatori hanno piattaforme economiche compatibili, incluso il sostegno a un’età pensionabile più elevata e all’energia nucleare. Insieme avrebbero la maggioranza assoluta.

Prime prove

Alcune crepe sono apparse sulla sinistra.

Mentre Melenchon ha affermato che Bourne dovrebbe affrontare un voto di fiducia, il leader socialista Olivier Faure, un’altra figura di spicco dell’Alleanza di sinistra, ha affermato che chiedere la rimozione di Bourne dall’incarico non è la posizione attuale del blocco.

Se Macron non riuscirà a raggiungere un accordo con l’opposizione, la seconda economia più grande dell’eurozona dovrà affrontare una situazione di stallo politico e possibili elezioni anticipate in futuro.

Il primo test importante sarà il costo della vita che, secondo Gregorio, il governo introdurrà entro otto giorni dalla prima convocazione del nuovo parlamento.

Le proposte sulle energie rinnovabili in arrivo entro la fine dell’estate metteranno alla prova la divisa rimasta sul nucleare.

Le cifre finali hanno mostrato che il campo centrista di Macron ha vinto 245 seggi, ben al di sotto dei 289 seggi necessari per la maggioranza assoluta, Nupes 131, l’estrema destra 89 e Les Republicains 61.

Lo stesso Macron non ha ancora commentato l’esito delle elezioni e l’opposizione lo ha esortato a rompere il silenzio.

E mentre le elezioni del fine settimana sono state una dura battuta d’arresto per il 44enne, la cui vittoria ad aprile lo ha reso il primo presidente francese in due decenni ad assicurarsi un secondo mandato, i mercati finanziari hanno in gran parte preso il risultato. L’euro e le azioni hanno mostrato scarsi effetti, mentre le obbligazioni francesi hanno visto una pressione crescente lunedì.

READ  Le ultime notizie della guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

“La speranza che alcuni operatori di cambio collocati a Macron nel 2017 siano svaniti da tempo, in modo che le vittorie o le sconfitte elettorali non abbiano più un ruolo importante nei tassi di cambio dell’euro”, ha affermato in una nota Ulrich Lochtmann, analista di Commerzbank .

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Lee Thomas, Myriam Rift, Julian Ponthos, Elizabeth Pinault, Richard Love, Benoit van Overstreten, Tassilo Hamel; Scritto da Ingrid Melander; Montaggio di Catherine Evans e Thomas Janowski

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.