Finora lo shock del prezzo della benzina ha distrutto la domanda? Dove andranno i prezzi della benzina da qui?

C’è una certa distruzione della domanda. Ma il petrolio si è ripreso di nuovo, la benzina potrebbe essere la prossima. La mia ipotesi è un picco a zigzag di lunga durata.

di Lupo Richter a Via del lupo.

Dopo l’incredibile aumento dei prezzi della benzina, sorge la domanda quando la domanda inizierà a essere distrutta, poiché le persone iniziano a guidare di meno, iniziano a rendere più facile risparmiare gas durante la guida o iniziano a dare la priorità all’auto più economica nel proprio garage. Se un numero sufficiente di persone lo fa, la domanda inizia a diminuire e le stazioni di servizio devono competere per affari in diminuzione. La distruzione della domanda è ciò che può causare una nuova caduta del prezzo. Siamo arrivati?

La valutazione dell’impatto ambientale del Dipartimento dell’energia misura il consumo di benzina in termini di barili forniti al mercato da raffinerie, miscelatori, ecc., piuttosto che attraverso la vendita al dettaglio presso le stazioni di servizio. Le forniture di benzina sono diminuite per la terza settimana consecutiva. Questo è insolito in questo periodo dell’anno, quando il consumo di benzina di solito aumenta durante l’estate.

L’Energy Information Administration ha dichiarato giovedì che il consumo di benzina è sceso a 8,61 milioni di barili al giorno nella settimana terminata l’8 aprile sulla base di una media mobile di quattro settimane (linea rossa), la più bassa dal 4 marzo, in calo del 2,3% rispetto allo stesso periodo del 2021 (linea nera) ed è diminuito dell’8,1% rispetto allo stesso periodo del 2019 (linea grigia).

I consumatori hanno iniziato a rispondere a gennaio.

Nota come gli ultimi 11 mesi (linea rossa) hanno seguito da vicino il periodo pre-Covid di tre anni fa (linea grigia) fino a quando non hanno iniziato a divergere nettamente, non solo a marzo, ma già a metà gennaio, e sono stati al di sotto del livello del 2019 da allora. .

READ  L'aggravamento della crisi ucraina destabilizza le scorte, porta a un aumento dei prezzi del petrolio

I prezzi della benzina hanno iniziato a salire dai livelli crollati nell’aprile 2020. A maggio 2021, il prezzo medio della benzina, in tutti i gradi combinati, ha superato i $ 3,00 al gallone, un massimo pluriennale, e ha continuato a salire. Nel novembre 2021 ha raggiunto $ 3,40 al gallone e ha preso una pausa. Poi, all’inizio di febbraio, ha cominciato a salire sempre più in alto I salti storici hanno raggiunto $ 4,32 il 14 marzo.

Ma da metà marzo il prezzo è sceso. Ora a $ 4,09, il sangue dal naso è ancora alto ma leggermente inferiore rispetto a prima:

Le stazioni di servizio non tagliano i prezzi per bontà dal loro cuore. Stanno abbassando i prezzi perché le vendite stanno soffrendo e la concorrenza sui prezzi è scoppiata tra le stazioni di servizio nel tentativo di mantenere le vendite. Le stazioni di servizio possono abbassare il prezzo di vendita senza intaccare i loro margini di profitto, abbassando anche i costi dei loro prodotti.

La distruzione della domanda di benzina si sposta quindi sulla domanda di petrolio greggio. Ma il petrolio greggio ha usi molto più ampi della semplice benzina, inclusa la fiorente industria petrolchimica. Un piccolo calo della domanda di benzina negli Stati Uniti non scuoterà molto i mercati globali del petrolio greggio.

Il prezzo del greggio è già rimbalzato di nuovo.

Il greggio West Texas Intermediate è salito a 130 dollari al barile, per poi tornare a quota 90 dollari. Negli ultimi giorni ha cambiato di nuovo rotta ed è ora a $ 106. Questo non è un buon segno dei prezzi della benzina.

Ovviamente c’è stata una certa distruzione nella domanda, e ciò potrebbe essere stato sufficiente a far scendere un po’ il prezzo della benzina.

READ  Gli hacker di password più popolari trapelano sul Dark Web: rapporto di ricerca

Ma forse non lo era. Forse questa distruzione della domanda non è stata la ragione del calo dei prezzi della benzina. Forse sono caduti per un altro motivo, come le attuali fluttuazioni che colpiscono tutto. Le dinamiche sfrenate dei mercati delle materie prime lo assicurano.

La mia ipotesi: i prezzi del gas saliranno di nuovo.

Vedo un crollo della domanda, ma per ora sono ancora scettico sul fatto che sia abbastanza grande da causare un calo permanente del prezzo della benzina. Non sarei sorpreso se il prezzo ricominciasse a salire. I prezzi del greggio hanno già ricominciato a salire. Questo potrebbe essere un processo a lungo termine in cui i prezzi sono molto volatili e zigzagano sempre più in alto. Questa è la mia ipotesi.

quello che sappiamo.

Il consumo annuale di benzina ha raggiunto il picco nel 2007 È poi diminuito nei cinque anni successivi fino al 2012 per un totale del 6,3%. Poi è risalito, raggiungendo il picco del 2007 di nuovo nel 2016, di nuovo nel 2017, nel 2018 e di nuovo nel 2019, senza superarlo. Poi nel 2020 i consumi sono crollati. Nel 2021 i consumi hanno registrato una forte ripresa, ma il consumo totale annuo ha chiuso l’anno ancora del 5,3% in meno rispetto al 2007!

Ma il chilometraggio totale dell’auto ha stabilito un record ogni anno Dal 2015 al 2019. E nel 2021, nonostante un incidente nel 2020, le miglia sono aumentate del 6,6% rispetto al 2007. Le persone guidano di più, ma usano meno benzina per farlo:

Pertanto, ci sono molti altri fattori che giocano un ruolo nel consumo di benzinaE non solo il prezzo. Ciò include tendenze tecnologiche a lungo termine, come automobili più efficienti nei consumi e l’arrivo di veicoli elettrici su una scala che ora è abbastanza grande da avere un impatto sul consumo di benzina.

READ  I futures Dow salgono, il petrolio greggio scende mentre Biden considera un massiccio rilascio di riserve strategiche | investitore d'affari quotidiano

Altri cambiamenti riguardano anche il consumo di benzina, alcuni dei quali risalgono a oltre un decennio, come il boom edilizio di grattacieli nei centri urbani che ha ridotto o eliminato il pendolarismo automobilistico per i residenti; O la tendenza a lavorare da casa almeno part-time che taglia anche le miglia dei passeggeri.

La tendenza opposta è stata l’aumento del congedo di guida durante la pandemia, che ora potrebbe essere stato sostituito da un nuovo volo (il traffico ricreativo locale è aumentato).

Anche il consumo di benzina è altamente stagionale, il che rende difficile determinare dove si verifica la distruzione della domanda di prezzo e dove possono manifestarsi modelli stagionali insoliti.

Ti piace leggere WOLF STREET e vuoi supportarlo? Usa gli ad blocker – capisco perfettamente il motivo – ma vorresti supportare il sito? Puoi donare. Lo apprezzo molto. Clicca su un boccale di birra e tè freddo per imparare a farlo:

Vuoi essere avvisato via email quando WOLF STREET pubblica un nuovo articolo? Registrati qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.