ESCLUSIVO: l’Europa guarda a SpaceX per Musk per colmare il divario di lancio lasciato dalle tensioni russe

PARIGI (Reuters) – L’Agenzia spaziale europea (Esa) ha avviato discussioni tecniche preliminari con SpaceX di Elon Musk che potrebbero portare all’uso temporaneo di piattaforme di lancio dopo che il conflitto in Ucraina ha impedito all’Occidente l’accesso ai missili russi Soyuz.

Il rivale privato statunitense dell’azienda europea Arianespace è emerso come uno dei principali contendenti per colmare un divario temporaneo insieme a Giappone e India, ma le decisioni finali dipendono dal programma ancora irrisolto del missile Ariane 6 in ritardo in Europa.

“Direi che ci sono due opzioni e mezzo di cui stiamo discutendo. Una è SpaceX, ed è chiaro. Un’altra opzione potrebbe essere il Giappone”, ha detto a Reuters il direttore generale dell’ESA Josef Aschbacher.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Il Giappone sta aspettando il volo inaugurale del suo missile di nuova generazione. Un’altra opzione potrebbe essere l’India”, ha aggiunto in un’intervista.

“Direi che SpaceX è il più pratico di quelli e sicuramente uno dei lanci di backup che non vediamo l’ora”.

Asbacher ha affermato che i colloqui sono ancora in una fase esplorativa.

“Ovviamente dobbiamo assicurarci che si adatti”, ha detto. “Non è come saltare su un autobus”. Ad esempio, l’interfaccia tra il satellite e il lanciatore deve essere adeguata e il carico utile non deve essere compromesso da tipi sconosciuti di vibrazioni di lancio.

“Stiamo esaminando questa compatibilità tecnica, ma non abbiamo ancora richiesto un’offerta commerciale. Vogliamo solo assicurarci che sia un’opzione per decidere su una solida richiesta di offerta commerciale”, ha affermato Ashbacher.

SpaceX non ha risposto a una richiesta di commento.

READ  Gruppo Wagner: mercenari russi bombardano Bakhmut mentre Mosca cerca la vittoria

Il Falcon 9 di SpaceX ha già inghiottito altri clienti che hanno interrotto i legami con il settore spaziale sempre più isolato di Mosca durante il conflitto in Ucraina, ma una missione europea di alto profilo potrebbe essere vista come una grande vittoria per il produttore di missili statunitense.

Schbacher ha sottolineato che qualsiasi soluzione di riserva sarebbe temporanea, ma ha aggiunto di non essere preoccupato per il futuro dell’Ariane 6.

La società di Internet satellitare OneWeb, concorrente del progetto Internet satellitare di SpaceX Starlink, ha prenotato almeno un lancio di Falcon 9 a marzo. Ha anche prenotato un lancio indiano.

Lunedì, Northrop Grumman ha prenotato tre missioni Falcon 9 per trasportare il carico della NASA alla Stazione Spaziale Internazionale mentre progetta una nuova versione del razzo Antares, i cui motori di fabbricazione russa Mosca ha ritirato in risposta alle sanzioni.

‘Svegliati piangere’

Finora l’Europa si è affidata all’italiana Vega per i piccoli carichi, alla russa Soyuz per i medi e all’Ariane 5 per i pesanti. La nuova generazione di Vega C è stata lanciata per la prima volta il mese scorso e il rilascio del nuovo Ariane 6, progettato in due versioni per sostituire Ariane 5 e Soyuz, è stato posticipato al prossimo anno.

Ashbacher ha affermato che il programma più accurato di Ariane 6 sarà più chiaro entro ottobre dopo l’attuale test di lancio a caldo. Ha affermato che l’ESA finalizzerà un piano di riserva da presentare ai ministri dei 22 paesi dell’agenzia a novembre, aggiungendo che l’ultimo ritardo in Ariane 6 non è stato il risultato di una nuova significativa battuta d’arresto.

READ  Ci sono buchi sul fondo dell'oceano. Gli scienziati non sanno perché.

“Ma sì, il potenziale per lanci di backup è alto”, ha affermato. “Un ordine di grandezza è sicuramente una buona manciata di lanci per i quali abbiamo bisogno di soluzioni temporanee”.

Schbacher ha affermato che il conflitto in Ucraina ha mostrato che la strategia di cooperazione decennale dell’Europa con la Russia nelle forniture di gas e in altre aree, compreso lo spazio, non funzionava più.

“Questo è stato un campanello d’allarme, perché eravamo così dipendenti dalla Russia. E questo campanello d’allarme, dobbiamo sperare che i responsabili delle decisioni capiscano che, per quanto lo so io, dobbiamo davvero rafforzare la nostra capacità europea e la nostra indipendenza”.

Tuttavia, ha minimizzato la probabilità che la Russia si impegni a ritirarsi dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Il mese scorso il capo spaziale russo Yuri Borisov ha dichiarato in un incontro televisivo con il presidente Vladimir Putin che la Russia si sarebbe ritirata dalla Stazione Spaziale Internazionale “dopo il 2024”.

Ma Borisov in seguito ha chiarito che i piani della Russia non erano cambiati e funzionari occidentali hanno affermato che l’agenzia spaziale russa non aveva segnalato alcun nuovo piano di ritiro.

“La verità è che il lavoro sulla stazione spaziale sta diventando operativo, direi quasi simbolicamente”, ha detto Schbacher a Reuters. “Dipendiamo gli uni dagli altri, che ci piaccia o no, ma non abbiamo molte opzioni”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Tim Hever e Joey Roulette; Montaggio di Mark Potter

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.