Elfo e Snoopy: NPR

Il razzo Artemis I della NASA si trova sulla rampa di lancio 39-B del Kennedy Space Center prima del suo volo senza equipaggio intorno alla Luna.

Joe Riddell / Getty Images


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

Joe Riddell / Getty Images


Il razzo Artemis I della NASA si trova sulla rampa di lancio 39-B del Kennedy Space Center prima del suo volo senza equipaggio intorno alla Luna.

Joe Riddell / Getty Images

Anche se non ci saranno esseri umani a bordo della missione Artemis I della NASA, la navicella Orion non sarà vuota. Distintivi di Snoopy e Girl Scout, minifigure LEGO e semi degli alberi sono solo alcuni dei migliaia di cimeli che saranno a bordo quando la missione inizierà lunedì.

Ci sarà anche molta tecnologia che raccoglierà dati durante la missione di 42 giorni e 1,3 milioni di miglia che porterà il veicolo spaziale senza pilota fino a 280.000 miglia dalla Terra e orbiterà intorno alla luna prima di tornare a casa.

Sono passati quasi 50 anni da quando le persone hanno messo piede sulla luna, quindi il volo di prova sarà anche una corsa di prova del nuovo razzo e della navicella spaziale prima di un volo con equipaggio.

“Ricordiamo che questo è uno stress test mirato per la navicella spaziale Orion e i razzi del sistema di lancio spaziale”, ha affermato Mike Sarafin, responsabile della missione Artemis I, in una conferenza stampa sabato.

“Impareremo molto dal volo di prova Artemis I. Con questa esperienza, cambieremo e modificheremo tutto ciò che è necessario per prepararci al prossimo volo con equipaggio della missione”.

READ  I cosmonauti russi "suonano" il braccio robotico della stazione spaziale

La NASA prevede di inviare umani sulla Luna nel 2025. Come parte dei preparativi, i passeggeri di questa missione saranno bambole.

Il comandante Monnequin Campos indosserà una delle nuove tute spaziali Orion Crew Survival System, che includerà due sensori di radiazione.

Nasa


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

Nasa


Il comandante Monnequin Campos indosserà una delle nuove tute spaziali Orion Crew Survival System, che includerà due sensori di radiazione.

Nasa

Incontra il comandante Monnequin Campos

Questo nano ha preso il nome da A concorso pubblico Alla fine prese il nome Arturo Camposl’ingegnere della NASA che è stato determinante nel riportare l’equipaggio dell’Apollo 13 sulla Terra in sicurezza.

Monnequin Campos siederà al posto del capitano. Sotto il sedile ci sono accelerometro e sensori di vibrazione per aiutare a valutare ciò che i membri dell’equipaggio umano potrebbero incontrare durante il volo. Campos sarà completamente distribuito in via ufficiale Tuta spaziale Orion Crew Survival System Comprenderà due sensori di radiazione.

E mentre Moonikin Campos può sicuramente divertirsi, non sarà solo. Altri due nani siederanno con lei.

Helga e Zohar, Trunks of the Dwarf noto anche come Ghosts, siederanno anche con Monekin Campos. La loro parte della missione prevede la raccolta di dati sui livelli di radiazione che gli astronauti potrebbero incontrare nelle future missioni lunari.

Nasa


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

Nasa


Helga e Zohar sono quelli che la NASA chiama fantasmi: tronchi nani fatti di materiali che imitano ossa umane, tessuti molli e organi femminili adulti. Gran parte del loro lavoro consiste nel rilevare e misurare le radiazioni.

“Lo Zohar indosserà una giacca antiradiazioni chiamata AstroRad mentre non indosserà un Helga”, ha affermato la NASA in una descrizione dei doveri di Mannekan. “Lo studio fornirà dati preziosi sui livelli di radiazione che gli astronauti potrebbero incontrare durante le missioni lunari e valuterà l’efficacia del giubbotto antiproiettile che potrebbe consentire all’equipaggio di uscire dal rifugio anti-tempesta e continuare a lavorare su attività mission-critical nonostante la tempesta solare”.

Non dimenticare Snoopy

mentre c’è Un sacco di oggetti vari Entrando nell’entusiasmante missione Artemis I, nulla è riconoscibile come Snoopy, il cane bianco e nero creato dal fumettista americano Charles M. Schulz.

Snoopy non è nuovo alla NASA È stato collegato alle missioni lunari dal 1969, quando il modulo lunare della missione Apollo 10 è stato chiamato Snoopy per il suo ruolo nell’esplorazione o “intrusione” su un sito di atterraggio per la missione Apollo 11.

Schulze ha anche creato cartoni animati per Snoopy sulla luna Che ha catturato “l’entusiasmo del pubblico per i risultati conseguiti dall’America nello spazio” durante gli anni dell’Apollo, secondo la NASA.

Questa volta, però, Snoopy ha una missione tutta sua. Poiché la missione Artemis I è senza equipaggio, il maestoso Snoopy fungerà da indicatore di gravità zero per mostrare alla squadra sulla Terra quando il veicolo spaziale raggiungerà l’assenza di gravità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.